Marco Vipsanio Agrippa

Dafato Team | 18 gen 2023

Tabella dei contenuti

Riassunto

Marco Vipsanio Agrippa (nato nel 63 a.C. - morto il 12 marzo a.C.), già noto come Marco Agrippa, è stato un generale e politico romano del I secolo a.C.; educato a fianco del giovane Caio Ottavio Turino, futuro imperatore Augusto, la sua carriera personale, a partire dal 44 a.C., fu in linea con quella del pronipote e ormai figlio adottivo di Giulio Cesare: fedele luogotenente, costruttore, guerriero, genero ed erede designato dell'Impero, Agrippa fu il primo ad essere eletto al trono. La sua carriera personale era già in linea con quella del nipote di Giulio Cesare e ora figlio adottivo: fedele luogotenente, costruttore, uomo di guerra, genero ed erede designato dell'Impero, Agrippa fu il suo più intimo amico in tutte le battaglie militari e politiche.

Presente al fianco di Ottaviano dalla morte di Cesare nel 44 a.C., le vittorie militari di Agrippa (battaglia di Nauloque nel 36 a.C. contro Sesto Pompeo, battaglia di Azio nel 31 a.C. contro Marco Antonio) permisero l'affermazione dell'autorità politica di Ottaviano, in un contesto di profondi disordini, e accompagnarono l'insediamento del principato e la fine delle guerre civili della Repubblica romana. Nei primi quindici anni del principato partecipò, su iniziativa di Augusto, alle nuove conquiste dell'Impero, in Hispania (20 e 19 a.C.) e sul Danubio in particolare (13 e 12 a.C.). Dopo la morte di Marcello, fu uno dei presunti eredi dell'Impero, fino alla nascita dei suoi figli. Fu anche un dotto diplomatico durante le guerre.

Agrippa fu, con Mecenate, uno dei più stretti consiglieri di Augusto. Fu console nel 37 a.C., al momento del rinnovo del secondo triumvirato, poi nel 28 e nel 27 a.C. contemporaneamente a Ottaviano, che era diventato imperatore. Per evitare di monopolizzare di anno in anno la carica consolare, ricevette un imperium eccezionale, la potestà tribunizia, al pari dell'imperatore, e si assicurò la coreggenza con Augusto (ricevendo a sua volta un imperium eccezionale in Oriente e in Occidente), pur rimanendo a lui subordinato.

Fece costruire le prime terme a Roma sul Campo Marzio, proprietà privata che lasciò in eredità al popolo romano: le Thermae Agrippae. Vicino a queste terme, durante il suo terzo consolato nel 27, costruì la prima versione di un tempio dedicato a tutte le divinità, il Pantheon di Roma. Costruì inoltre, per conto di Augusto, altri templi, acquedotti, in particolare l'Aqua Julia e l'Aqua Virgo a Roma, teatri e portici, e numerose strade sia in città che nelle province, soprattutto in Gallia.

Nell'ambito delle strategie matrimoniali di Augusto, volte a garantire la continuità dinastica del suo nuovo regime, nel 21 a.C. sposò in terze nozze la figlia di Augusto, Giulia, con la quale ebbe cinque figli, tra cui Caio e Lucio Cesare, che furono adottati da Augusto e nominati Principi della Gioventù ed eredi dell'Impero prima della loro morte prematura. Divenne genero dell'imperatore Augusto, di cui aveva sposato la nipote Claudia Marcella la maggiore, e fu il primo suocero del futuro imperatore Tiberio, a cui diede la figlia Vipsania Agrippina e poi l'altra figlia Agrippina la maggiore, e infine la nipote Agrippina la minore; Fu quindi contemporaneamente nonno materno dell'imperatore Caligola, bisnonno materno dell'imperatore Nerone, nonché suocero del generale Germanico, erede presuntivo dell'Impero fino alla sua morte e fratello maggiore dell'imperatore Claudio, che sposò anche Agrippina la Giovane, nipote di Agrippa.

Nascita e famiglia

Marco Vipsanio Agrippa, comunemente noto semplicemente come Agrippa, nacque tra il marzo del 64 e il marzo del 62 a.C., probabilmente nell'anno 63 a.C. come Ottaviano, o nell'anno successivo. Il giorno della sua nascita potrebbe essere stato tra il 23 ottobre, o addirittura il 1° novembre, e il 23 novembre. Potrebbe essere nato in Istria o ad Asisium in Umbria o ad Arpino in Italia, ma questo rimane molto incerto.

Il suo popolo è sconosciuto nel panorama politico romano che lo precede. Era figlio di un uomo chiamato Lucio Vipsanio Agrippa, probabilmente di una famiglia equestre italiana relativamente modesta, che aveva da poco ricevuto la cittadinanza romana. Potrebbe trattarsi di una famiglia Marse che ha ricevuto la cittadinanza all'indomani della guerra sociale all'inizio del secolo. Non sappiamo nulla di sua madre. Queste origini lo rendono un homo novus, un uomo nuovo, il primo della sua famiglia a raggiungere le più alte cariche politiche della Repubblica romana.

Ha un fratello maggiore di nome Lucius e una sorella di nome Vipsania Polla. La famiglia non sembra essere influente nella società romana.

Un fedele sostenitore di Ottaviano: da amico d'infanzia a generale in capo

Aveva la stessa età di Ottaviano, il futuro imperatore Augusto. Educati insieme, potrebbero essersi incontrati nelle classi di alcuni maestri di retorica, tra cui Apollodoro di Pergamo, e i due giovani furono legati fin dai primi anni di vita e dall'adolescenza da una profonda amicizia.

Nonostante il legame della famiglia con Giulio Cesare, il fratello si schierò contro la guerra civile del 49 a.C. e combatté con Catone contro Cesare in Africa. Quando le truppe di Catone furono sconfitte, il fratello di Agrippa fu fatto prigioniero, ma fu liberato da Ottaviano che intercedette in suo favore. Non si sa se i due fratelli abbiano combattuto in Africa, ma probabilmente il giovane Marco Agrippa si unì alle truppe di Cesare durante la campagna del 46 e 45 a.C. contro Sesto Pompeo, così come il suo amico Ottaviano. Entrambi probabilmente parteciparono alla battaglia di Munda.

In seguito Cesare mandò i due amici a studiare insieme ad Apollonia, in Illiria, dove si trovavano le legioni macedoni in previsione delle grandi spedizioni militari programmate da Cesare contro i Daci e i Parti, mentre consolidava il suo potere a Roma. Si dice che Agrippa e Ottaviano, durante il loro soggiorno, incontrarono l'astrologo Teogene, che predisse una brillante carriera per Agrippa, prima di prostrarsi davanti al destino eccezionale di Ottaviano.

I due amici si trovavano ad Apollonia da sei mesi quando vennero a sapere dell'assassinio di Cesare alle idi di marzo del 44 a.C.. Agrippa e Quinto Salvidio Rufo, un altro amico, consigliano a Ottaviano di marciare su Roma con l'appoggio delle legioni macedoni per eliminare gli assassini di Cesare, ma Ottaviano decide di recarsi a Roma discretamente in barca, seguendo il prudente consiglio della sua famiglia, in compagnia dei suoi due amici. I loro consigli non sono dettati solo dall'ardore giovanile, ma forse anche da ambizioni politiche, cercando di approfittare delle guerre civili per salire nella gerarchia sociale a spese dell'aristocrazia romana, molti dei cui membri sono coinvolti nell'assassinio di Cesare.

Ottaviano viene poi a sapere che Cesare lo ha nominato suo figlio adottivo. Lungi dall'essere spettatori passivi, Agrippa e Salvidio lo esortarono ad accettare l'eredità contro il parere della famiglia materna. Ottaviano fu accompagnato a Roma da Agrippa e da alcuni amici per reclamare solennemente l'eredità di Cesare presso i magistrati incaricati dei testamenti: ricevette quindi i tre quarti del patrimonio di Cesare, che Antonio si rifiutava di restituirgli, e soprattutto il suo patronimico. Ottaviano assunse quindi il nome di "Cesare", ma fu chiamato "Ottaviano" dagli storici moderni durante questo periodo.

Di fronte all'irruzione del giovane sulla scena politica, Marco Antonio incarnò per un certo periodo la volontà di preservare la legalità della Repubblica romana. Nonostante il clima teso, riuscì a raggiungere un compromesso con i congiurati che avevano assassinato Cesare. Questo fu inizialmente un grande successo per Antonio, che riuscì a placare i veterani, a conquistare la maggioranza del Senato e ad apparire agli occhi dei congiurati come il loro interlocutore privilegiato e protettivo, una garanzia di pace civile. Tuttavia, l'arrivo di Ottaviano mette in discussione le decisioni di Marco Antonio riguardo ai cesaricidi e ai loro sostenitori: il giovane Cesare vuole vendicarsi e punire i congiurati. Marco Antonio si trova ora in una posizione scomoda e, sebbene riesca a rallentare il processo di ratifica dell'adozione di Ottaviano, deve chiarire rapidamente la sua posizione politica per non perdere l'appoggio di Ottaviano. Marco Antonio convocò i comizi tribali il 2 per promulgare leggi agrarie favorevoli ai veterani e per assicurarsi la posizione al termine del suo mandato di console e per porre i suoi principali sostenitori a capo di province chiave. In particolare, cercò di assicurarsi il controllo delle province della Gallia Cisalpina, allora governate da Decimo Giunio Bruto Albino, uno dei congiurati del marzo 44, per prendere il suo posto il 1° gennaio 43.

Durante l'estate e l'autunno del 44, la situazione di Marco Antonio divenne sempre più pericolosa. Cicerone, intuendo la possibilità di eliminare Antonio favorendo Ottaviano, entra in scena. Nel settembre del 44 iniziò una serie di discorsi contro Antonio, le Filippiche, per mettere il Senato contro di lui. Allo stesso tempo, Ottaviano si adoperò per accelerare la rottura tra il Senato e Antonio. Quest'ultimo lasciò Roma in ottobre per recarsi a Brundus e unirsi alle legioni macedoni che avevano attraversato l'Adriatico. Ottaviano, Agrippa e i loro amici si resero conto di aver bisogno del sostegno delle legioni e fecero propaganda ai soldati. Antonio è accolto molto male a Brundus. Agrippa aiuta poi Ottaviano a radunare nuove truppe in Campania, in particolare tra i veterani di Cesare.

A novembre, quando Ottaviano si era assicurato il sostegno di molti veterani di Cesare, due delle legioni macedoni inizialmente fedeli ad Antonio, la Legio I Martia e la Legio V Macedonica, si unirono a lui in Etruria. Si è ipotizzato con incertezza che Agrippa fosse uno dei negoziatori che si adoperarono per convincere le legioni macedoni a sposare la loro causa. Ottaviano fu apparentemente accompagnato per la prima volta da Mecenate, le cui capacità diplomatiche completavano quelle militari di Agrippa.

Non potendo più rimanere a Roma, visto che il suo mandato di console stava per terminare, Marco Antonio convocò una riunione non ufficiale del Senato la sera del 28 novembre per garantire l'attuazione degli accordi presi a giugno. Il giorno dopo, Marco Antonio, che aveva radunato le sue truppe, le passò in rassegna a Tibur e poi si diresse a nord. Questo fu l'inizio della guerra di Modenese.

Il 1° gennaio 43, Caio Vibio Pansa e Aulo Irzio iniziarono il loro mandato di consoli secondo le volontà lasciate da Cesare nel suo testamento. Fin dall'inizio del mandato si aprirono dibattiti che dividevano i senatori sull'atteggiamento da tenere nei confronti delle azioni di Marco Antonio, dibattiti durante i quali Cicerone pronunciò la V Filippica. Il 3 gennaio, il Senato affidò ai consoli la missione di aiutare Decimo Giunio Bruto, assediato a Modena da Antonio, con il comando degli eserciti, e li associò a Ottaviano, che aveva un imperium proprétorio e per il quale era l'occasione di intervenire direttamente in tutta la legalità. Questa fu la prima guerra in cui Agrippa sostenne Ottaviano, in particolare nelle battaglie di Forum Gallorum e nell'assedio di Modena. È forse nello stesso anno, il 43 a.C., che iniziò la carriera politica di Agrippa, quando fu eletto tribuno della plebe (quindi si deve presumere che fosse stato questore in precedenza), il che gli aprì le porte del Senato.

Ottaviano, con le sue nuove legioni e con l'assistenza di Agrippa, sconfisse Antonio nell'Italia settentrionale e, dopo la vittoria delle truppe consolari a Modena contro Marco Antonio, durante la quale morirono entrambi i consoli, Ottaviano, incoronato dalla gloria, marciò su Roma. Egli pretese il consolato per l'anno successivo e scelse di rompere con Cicerone e di stringere un patto con Marco Antonio, divenuto "nemico pubblico" e fuggito in Gallia dove si ritrovò presto con il più grande esercito d'Occidente, e con Lepido nel 43 a.C.: fu l'inizio del "triumvirato per restaurare la Repubblica". Ottaviano e il suo coconsole Quinto Pedio fecero processare in contumacia gli assassini di Cesare. Ad Agrippa viene affidato il caso di Caio Cassio Longino.

Nel 42 a.C., Agrippa partecipò alla battaglia di Filippi a fianco di Ottaviano e Marco Antonio, secondo Plinio il Vecchio. Probabilmente comandava alcune truppe del giovane Cesare, poiché quest'ultimo era malato. Alla fine della battaglia, 50.000 cittadini romani erano morti e Ottaviano inflisse numerose torture all'entourage prigioniero dei cesaricidi Bruto e Cassio, morti in battaglia.

Dopo il loro ritorno a Roma, ebbe un ruolo importante nel conflitto iniziato nel 41 a.C. tra Ottaviano e Fulvia Antonia, moglie di Marco Antonio, e Lucio Antonio, suo fratello. Antonio si trovava in Egitto in quel periodo.

Agrippa radunò tre o quattro legioni di veterani etruschi e conquistò Sutrium, che occupava una posizione strategica sulla via Cassia a nord di Roma, la prima di molte vittorie all'età di ventitré anni, sollevando Salvidio che rischiava di essere circondato.

Tuttavia, era Salvidiano il generale in capo di Ottaviano e l'uomo di guerra più esperto del momento, e Salvidiano prese Sentinum e Nursia. I due uomini costrinsero poi Lucio Antonio a rinchiudersi a Perugia. Ottaviano, seguendo l'esempio di Giulio Cesare intorno ad Alesia, costruì una solida rete di fortificazioni intorno alla città, sia per impedire qualsiasi uscita che per scoraggiare gli attacchi dei luogotenenti di Antonio.

Ventidio Basso, Asinio Pollio e Munatius Plancus, con tredici legioni al loro comando, tentarono di far togliere l'assedio posto dalle forze del giovane Cesare, ma non riuscirono a rompere l'assedio, scontrandosi con le manovre di Salviedinus e di Agrippa, che inflissero loro cocenti sconfitte in tutta Perugia. I tre generali abbandonarono quindi Lucio Antonio e Fulvia al loro destino e si ritirarono, incontrando grandi difficoltà ad andare d'accordo tra loro e affrontando il malcontento dei loro soldati, il cui interesse era che la politica di distribuzione delle terre di Ottaviano continuasse.

La caduta di Perugia consacrò il dominio di Ottaviano sulle province occidentali, soprattutto sulla Gallia, ma non pose fine ai disordini in Italia. Diverse città dell'Appennino continuarono a resistere. Munatius Plancus rimase a Spoleto per qualche tempo prima di raggiungere Antonio in Grecia. Agrippa riuscì a riportare nell'accampamento di Ottaviano due legioni lasciate da Plancus. In Campania, Tiberio Claudio Nerone era ancora in rivolta.

Dopo la guerra di Perugia e la partenza di Ottaviano per la Gallia, Agrippa fu pretore urbano a Roma, una nuova tappa nella sua carriera politica di giovane magistrato della Repubblica. Dovette affrontare il crescente malcontento dei Romani, stanchi del blocco marittimo imposto dal figlio di Pompeo Magno, Sesto Pompeo, che si opponeva ai triumviri. Quest'ultimo era padrone della Sicilia e inviò il suo ammiraglio a impadronirsi della Sardegna, poi a devastare la costa etrusca e a prendere piede in Corsica. Agrippa fu quindi costretto a difendere la penisola da un fronte aperto dal mare.

Nel luglio del 40 a.C., mentre Agrippa presiedeva i Giochi Apollinei come pretore urbano, Sesto Pompeo lanciò incursioni per saccheggiare le coste italiane.

La debolezza del triumvirato si rivelò quando, nell'agosto del 40 a.C., Marco Antonio e Sesto Pompeo entrarono in territorio italiano contemporaneamente, ma in modo scoordinato. Agrippa va incontro a Pompeo e lo costringe a ritirarsi. Agrippa liberò Sipontum in Puglia, allora in mano agli uomini di Antonio, che fu il primo atto della fine del conflitto. Tuttavia, non poté marciare più direttamente contro Antonio, poiché non poteva convincere i suoi uomini a combattere uno degli eredi di Cesare. Solo Ottaviano sarebbe stato in grado di convincere i suoi soldati, ma essendosi ammalato durante il viaggio dalla Gallia, tardò a raggiungere Agrippa e la diplomazia fu infine favorita. I veterani presero quindi l'iniziativa di evitare un conflitto tra Ottaviano e Antonio in Italia, mostrandosi ostili a una guerra tra cesari. La morte tempestiva di Fulvia risolse la situazione. I triumviri hanno poi concordato nuovamente le rispettive competenze nel corso di un incontro organizzato nel settembre 40 nella città di Brindisi, in Puglia.

Agrippa fu uno degli intermediari che negoziarono la pace tra Antonio e Ottaviano. Durante i negoziati che portano alla pace di Brundus, viene a sapere che Salvidiano stava per tradire Ottaviano e unirsi ad Antonio. Quest'ultimo, dopo aver firmato la pace con Ottaviano, denunciò Salvidiano, che si era offerto di disertare e di unirsi a lui nella sua marcia verso l'Italia. Fu arrestato, accusato di alto tradimento davanti al Senato e poi morì, giustiziato o suicidato. Agrippa divenne quindi il capo generale di Ottaviano, carica che mantenne fino alla sua morte.

I triumviri nominarono i consoli per l'anno successivo, 39: Caio Calvisio Sabino e Lucio Marcio Censorino. Erano stati gli unici due senatori a tentare di difendere Giulio Cesare quando i suoi assassini lo avevano pugnalato il 15 marzo 44 a.C., e il loro consolato sotto il triumvirato è visto come un riconoscimento della loro lealtà. Per suggellare questo nuovo patto, Antonio, ormai vedovo, sposò Ottavia, sorella di Ottaviano. La riconciliazione fu celebrata in tutto l'Impero, che sperava di entrare in una nuova era di pace.

Leader militare e vincitore di guerre civili

Nel 39 o nel 38 a.C., o forse in entrambi gli anni, Ottaviano nominò Agrippa governatore della Gallia transalpina in sostituzione di Salvidiano. Dalla conquista romana di Cesare, la Gallia era stata abbandonata a se stessa durante le guerre civili. Arginò l'ascesa degli Aquitani, mise in riga i Belgi, combatté le tribù germaniche, in particolare i Suevi, e divenne il secondo generale romano ad attraversare il Reno dopo Giulio Cesare.

In questo periodo, o poco dopo, sposò Cecilia Pomponia Attica, figlia di Tito Pomponio Attico, amico del defunto Cicerone, forse già nel 43-42 a.C. ma più probabilmente intorno al 37 a.C.. La coppia ebbe una figlia intorno al 36 a.C., Vipsania Agrippina.

Nonostante non avesse ancora raggiunto l'età richiesta di 43 anni, fu richiamato a Roma da Ottaviano per assumere il consolato nel 37 a.C. Ottaviano aveva appena subito diverse umilianti sconfitte navali per mano di Sesto Pompeo e aveva bisogno del suo amico per pianificare la strategia futura. Agrippa rifiuta il trionfo conferitogli dal Senato su richiesta di Ottaviano, nonostante le sue imprese in Gallia, ritenendo poco saggio celebrare le sue vittorie in un momento di disordini nel partito di Ottaviano. Agrippa potrebbe anche aver cercato di placare l'amico Ottaviano, a cui doveva la sua ascesa politica, e non voleva accentuare il contrasto tra i suoi successi militari e gli insuccessi di Ottaviano. Il richiamo di Agrippa a Roma per combattere Pompeo fu forse "il passo più intelligente compiuto dall'erede di Cesare durante questo conflitto".

Diventato console, dovette guidare la guerra contro Sesto Pompeo, insieme a Lucio Caninio Gallo, che abdicò e fu sostituito da Tito Statilio Tauro, che avrebbe comandato una flotta inviata da Marco Antonio con l'aiuto di Ottaviano.

Mentre Sesto Pompeo controlla le coste italiane, il primo obiettivo di Agrippa è trovare un porto sicuro per la sua flotta. Nella sua precedente campagna, Agrippa non era riuscito a trovare basi navali in Italia vicino alla Sicilia. Agrippa dimostrò grandi "capacità organizzative e costruttive" "intraprendendo opere gigantesche": riuscì a costruire una base navale ex novo in Campania, scavando un canale nello spicchio di terra che separava il mare dal lago di Lucrina per formare un porto esterno, e un altro tra il lago di Lucrina e il lago d'Averno per fungere da porto interno. Il nuovo complesso portuale fu chiamato Portus Julius in onore di Ottaviano. Completò i suoi accordi occupando l'isola di Stromboli. Per la nuova flotta costruita, Ottaviano e Agrippa liberarono 20.000 schiavi, ripetendo la procedura di Sesto Pompeo in Sicilia, per la quale lo avevano precedentemente rimproverato.

Agrippa fu l'autore di diversi miglioramenti tecnici, come barche più grandi e un arpeggio migliorato.

La campagna contro Sesto Pompeo, prevista per il 37 a.C., fu rimandata di un anno. Il lavoro di Agrippa richiedeva tempo e Ottaviano era impegnato a rinnovare il secondo triumvirato con Marco Antonio al momento del patto di Tarquinia. Agrippa definisce la strategia e muove i primi passi nella tattica navale.

Nel 36 a.C., Ottaviano e Agrippa lanciarono l'offensiva navale dall'Italia contro Sesto Pompeo, mentre Lepido, dall'Africa, sbarcava con molte truppe all'estremo ovest dell'isola. La flotta di Agrippa è gravemente danneggiata dalle tempeste e deve ritirarsi. Ottaviano è scoraggiato, ma Agrippa lo convince a non arrendersi. Agrippa tenta una seconda offensiva da solo. Agrippa riesce finalmente a stabilirsi nelle isole Lipari, cerca di attirare la flotta pompeiana e poi decide di prendere l'iniziativa. Grazie alla sua preparazione e alla tecnologia superiore, la flotta di Agrippa ottenne una vittoria decisiva a Mylae, nella Sicilia nord-orientale, il 2 agosto.

Questa vittoria permise a Ottaviano di sbarcare in Sicilia tre legioni, guidate da Lucio Cornifico, ma la sua flotta fu duramente sconfitta da quella di Sesto Pompeo. Il giovane triumviro fu ferito e dovette abbandonare le sue legioni al loro destino. Agrippa invia in soccorso altre tre legioni da Mylae e Cornificius riesce a unirsi a loro. Agrippa conquista la vicina Tyndaris. Questo ha un forte impatto sull'esercito pompeiano, poiché Sesto Pompeo non può più rimandare la battaglia finale.

Fu una battaglia navale a Nauloque, nel mese di settembre, a segnare il destino di Sesto Pompeo, che perse quasi tutta la sua flotta a favore di Agrippa, il quale aveva ormai acquisito la padronanza della guerra navale e l'uso di un harpax (rampino lanciato da una balista) perfezionato. Solo diciassette navi riuscirono a fuggire, tra cui quella di Sesto Pompeo.

Lepido si unì allora ad Agrippa che assediava Messina e a otto legioni nemiche, e fu Lepido a ricevere la capitolazione del luogotenente pompeiano, vedendo queste otto legioni unirsi alle sue. Si trincerò dietro l'arrivo di Ottaviano, che reclamò per sé la Sicilia oltre all'Africa. Le truppe di Lepido non vollero combattere contro Ottaviano, né quelle che avevano da poco capitolato, e Lepido fu costretto ad arrendersi a Ottaviano, che lo costrinse a ritirarsi, conservandogli tuttavia il titolo di pontifex maximus, che non assunse fino alla morte.

Con il suo potere rafforzato, Ottaviano tornò a Roma come sovrano d'Occidente, dove celebrò la sua ovazione. Agrippa ricevette un onore senza precedenti: una corona d'oro ornata dalle prue di una nave. Dion Cassius osserva che "è una decorazione mai ricevuta da nessuno e mai più assegnata dopo di lui".

Nell'estate del 35 a.C., Agrippa partì con Ottaviano per le Alpi Dinariche, nei Balcani occidentali. Durante il viaggio, assoggettano parte degli Iapydae. Poi Ottaviano pacifica la costa dalmata.

Ottaviano, che a volte combatteva di persona e guidava gli eserciti in Dalmazia, così vicina all'Italia, fu visto come il difensore di Roma e assunse una nuova statura militare. Toro e Agrippa, che avevano partecipato alle campagne militari di Ottaviano, si fecero da parte per lasciargli tutta la gloria e non mettere in ombra il nuovo padrone dell'Occidente, pur continuando a fornirgli assistenza occasionale.

Alla testa della flotta, Agrippa condusse le prime operazioni della seconda campagna dalmatica nel 34 a.C., difendendo le colonie cesariane contro i Dalmati. Diversi successi navali e poi terrestri portarono al recupero delle insegne perse da Aulo Gabinio nel 47 a.C.. Agrippa torna a Roma in autunno.

Per la prima volta nella storia di Roma, la flotta non fu smobilitata dopo uno scontro, ma fu conservata, mantenuta e riutilizzata per le campagne successive, in particolare per questa campagna in Dalmazia. Ottaviano arricchì la flotta con navi chiamate "liburnes", fornite dai Dalmati e dagli Illiri, che fecero meraviglie ad Azio.

Agrippa si impegnò quindi nello sviluppo e nell'abbellimento della città di Roma e, per farlo, accettò di essere eletto consigliere nel 33 a.C., nonostante avesse già raggiunto il consolato, il che rappresentò uno straordinario passo indietro nella sua carriera politica: Agrippa aedilis post primum consulatum.

Durante la sua carica si distinse per la notevole opera di miglioramento delle strutture e delle condizioni di vita della città di Roma: in primo luogo, si preoccupò di ampliare la rete di distribuzione dell'acqua per rifornire un maggior numero di cittadini, in particolare riparando a proprie spese l'Aqua Appia, l'Anio Vetus e l'Aqua Marcia, e costruendo un nuovo acquedotto, l'Aqua Julia, dal nome dell'amico Ottaviano.

Agrippa istituì una squadra di oltre 200 schiavi per la manutenzione degli acquedotti, dei serbatoi e delle fontane. Questa squadra lo assistette nella ristrutturazione e nella costruzione degli acquedotti di Roma fino alla sua morte, per poi tornare dall'imperatore. Il sistema di approvvigionamento idrico era obsoleto e trascurato prima del suo insediamento a causa delle guerre civili. Agrippa dotò la città di numerosi punti di approvvigionamento, consentendo a quasi ogni casa di avere una cisterna, un tubo o una fontana. Autori antichi come Strabone e Plinio il Vecchio si meravigliarono del gran numero di stagni e fontane, nonché della loro manutenzione, e considerarono questo un vantaggio di Agrippa. Possiamo allora parlare di "Roma come una vera città di fontane".

Rinnovò anche le strade, pulì le fogne, la Cloaca Maxima, costruì bagni e portici e sistemò i giardini. Diede anche un impulso alle mostre d'arte, organizzando sontuose esposizioni. Ha collocato sette delfini sulla spina del Circo Massimo per fungere da contagiri.

Era raro che un ex console ricoprisse la carica minore di edile, ma il successo di Agrippa in questo ruolo provocò una rottura con la tradizione. Ottaviano, divenuto imperatore Augusto, disse di Roma: "Ho trovato una città di mattoni e l'ho lasciata di marmo", in seguito agli immensi servizi resi alla città da Agrippa durante il suo regno. Plinio il Vecchio parla di una memorabilis aedilitas. Anche questa azione faceva parte della propaganda di Ottaviano per ottenere il sostegno del popolo. Agrippa accompagnò queste ristrutturazioni con sontuose celebrazioni durante le feste pubbliche. È un'operazione di seduzione, mobilitazione e condizionamento della plebe romana.

Allo stesso tempo, Agrippa espulse da Roma astrologi e maghi. Spesso provenienti dall'Oriente, furono accusati di minare le fondamenta della religione romana tradizionale e di rappresentare una "quinta colonna" che sosteneva gli interessi di Marco Antonio predicendo la sua futura vittoria all'alba dell'ultima guerra civile della Repubblica romana.

Nel 32 a.C., il suocero di Agrippa, Attico, affetto da una grave malattia, convocò i suoi amici, tra cui il suo biografo Cornelio Nepote e il genero, per comunicare loro che si sarebbe lasciato morire. Morì il 31 marzo e il suo funerale, su sua richiesta, fu modesto. Agrippa ereditò probabilmente una parte dell'immensa fortuna di Attico.

Agrippa fu nuovamente chiamato da Roma per guidare la flotta allo scoppio della guerra contro Marco Antonio e Cleopatra, tornando al suo ruolo di generale di Ottaviano. Tornò a comandare la flotta, che aveva guidato così bene contro Sesto Pompeo.

Marco Antonio aveva una forte superiorità marittima, probabilmente al comando di cinquecento navi da combattimento, a cui forse andavano aggiunte duecento navi egiziane. I due triumviri cercano uno scontro navale, piuttosto che opporre le loro legioni, che affermano di essere tutte sotto il Divino Giulio. Ottaviano e Agrippa disponevano di una flotta più piccola, da tre a quattrocento navi, ma più manovrabile, soprattutto i Liburni, che erano stati temprati in battaglia durante lo scontro con Sesto Pompeo.

Agrippa sventò le trappole di Marco Antonio attaccando per primo le sue linee di rifornimento. Le linee di comunicazione e di rifornimento di Marco Antonio si estendono dalla Grecia all'Egitto, mentre la sua flotta è schierata tra il Peloponneso sud-occidentale e l'Epiro. Agrippa attaccò quindi e catturò Metone, una città strategica nel Peloponneso sud-occidentale. Si spostò quindi a nord, razziando la costa greca e catturando Corcyra, l'attuale isola di Corfù, all'estremità nord-occidentale della flotta nemica. Gli Ottavi usavano Corfù come base navale.

Ottaviano imbarca le sue truppe e sbarca in Epiro con le sue legioni prima di raggiungere il promontorio di Azio. Marco Antonio fu sorpreso e spostò le sue truppe e la sua flotta nel luogo scelto dall'avversario. Nel frattempo, Agrippa, con la flotta di Ottaviano, continuò a molestare le linee nemiche, si impadronì delle isole di Leucade, Itaca, Cefalonia e Patrasso e minacciò Corinto. Agrippa distrugge la flotta di un alleato di Marco Antonio a Patrasso.

Dione Cassio racconta che, mentre si recava ad Azio, Agrippa si imbatté nella flotta del luogotenente di Marco Antonio, Caio Sosio, che attaccò a sorpresa uno squadrone di un alleato di Ottaviano. L'arrivo inaspettato di Agrippa porta la vittoria. Agrippa riesce a bloccare la flotta di Antonio nel Golfo di Ambraca. Antonio poteva scegliere di ritirarsi con le sue forze di terra, ma avrebbe perso la sua flotta, necessaria per mantenere il collegamento con il resto dell'Oriente.

Secondo Dione Cassio, all'avvicinarsi della battaglia Ottaviano venne a sapere che Marco Antonio e Cleopatra stavano progettando di superare il blocco navale del Mar Ionio e di fuggire. Egli ritiene che, lasciando passare gli ammiragli, potrebbe catturarli con le sue navi leggere, inducendo così la flotta nemica ad arrendersi, vista la codardia dei loro capi. Agrippa confuta l'idea che le navi nemiche più grandi possano superare la flotta di Ottaviano forzando il passo e che sarebbe meglio osare un attacco immediato, visto che la flotta di Marco Antonio era stata danneggiata da una tempesta. Ottaviano seguì il consiglio dell'amico.

Il 2 settembre 31 a.C. ebbe luogo la battaglia di Azio. Cleopatra e Marco Antonio riuscirono a forzare il blocco, ma abbandonarono lì gran parte della loro flotta. Agrippa e Ottaviano continuarono a bloccare l'ingresso del golfo, poiché la battaglia non sembrava ancora decisiva. Dopo qualche esitazione, la flotta e soprattutto le legioni antoniane, che probabilmente si sarebbero ritirate, si arresero a Ottaviano, avendo mal interpretato la fuga dei loro capi. La battaglia di Azio divenne quindi una vittoria decisiva, dovuta soprattutto ai meriti di Agrippa, e diede a Ottaviano il potere su Roma e sull'Impero.

Un amministratore di talento a Roma: le opere principali

Dopo la vittoria ad Azio, Ottaviano preparò una campagna contro l'Egitto: tuttavia, tutte le legioni di Antonio presenti ad Azio si erano unite alle sue. Decise di smobilitare metà del suo esercito, che tornò in Italia, e inviò Agrippa a Roma per gestire il malcontento dei veterani che non avevano ancora ricevuto la ricompensa. In assenza di Ottaviano, Agrippa e Mecenate agirono come governanti ad interim a Roma e in Italia. Tuttavia, nessuno dei due ricopriva la carica di magistrato, essendo entrambi semplici privatus. Il prestigio dei compagni di Ottaviano era sufficiente a stabilire la loro autorità. Entrambi potevano usare il sigillo di Ottaviano e aprire le sue lettere al Senato.

Agrippa ebbe grandi difficoltà a contenere il malcontento dei veterani e chiese l'intervento di Ottaviano. Quest'ultimo sbarcò in pieno inverno a Brundus per raggiungere Roma, dovendo rimandare la sua campagna contro l'Egitto. Ottaviano espulse dall'Italia i fuorilegge e gli ex sostenitori di Antonio per dare terre ai veterani e rifondò la colonia di Cartagine.

La flotta, ormai permanente, fu dapprima basata a Forum Julii, poi fu ridislocata sulle coste italiche, a Misene e a Ravenna, con Agrippa che ebbe certamente un ruolo importante in questa riorganizzazione dell'apparato navale imperiale.

Ottaviano gli tolse i poteri del triumvirato, che gli erano stati conferiti per ristabilire la Repubblica, e poi assunse un sesto consolato, scegliendo Agrippa come suo collega. Questo ha dato l'illusione che le istituzioni repubblicane stessero funzionando di nuovo, attraverso la collegialità della suprema magistratura. Inoltre, la scelta di Agrippa permise a Ottaviano di avere un collega che non lo mettesse in ombra, e la coppia consolare fu rinnovata nel 27 a.C..

In quell'anno, il Senato conferì il titolo di Augusto a Ottaviano, dando così vita al principato. I due consoli depurarono le liste senatoriali per tornare a un Senato di 600 membri.

Come ricompensa per le sue azioni, Agrippa ricevette una decorazione speciale: uno stendardo blu mare. Probabilmente fu elevato al patriziato e recuperò la tenuta di Marco Antonio sul Monte Palatino, che condivideva con un altro parente dell'imperatore, Valerio Messalla, entrambi vicini alla residenza imperiale.

Nel 28 a.C. Augusto concesse ad Agrippa, che non risulta essere vedovo o divorziato dall'Attica, la mano della nipote Claudia Marcella la Maggiore. Insieme ebbero una figlia, Vipsania Marcella, nata intorno al 27 a.C..

Nell'estate del 27 a.C. Augusto lasciò Roma per la Gallia e poi per condurre campagne militari in Hispania per tre anni, lasciando la città ancora una volta ad Agrippa e Mecenate.

Agrippa avviò grandi opere a Roma e continuò il lavoro iniziato qualche anno prima durante l'editto del 33 a.C. Avviò i lavori nel Campo Marzio, che all'epoca non era molto urbanizzato, essendo stato dedicato fino ad allora all'addestramento militare e alle attività civiche. Agrippa perseguì quindi tre obiettivi:

Agrippa accumulò una grande fortuna dopo le guerre civili, avendo recuperato molte proprietà da fuorilegge e sostenitori di Antonio, tra cui un terreno sul Campo di Marte, ed ereditato anche dal ricco suocero Attico. Recuperò grandi proprietà in Sicilia dopo la sconfitta di Sesto Pompeo e in Egitto con la sconfitta di Marco Antonio e Cleopatra VII.

Inoltre, disponeva di numerose miniere e fabbriche che facilitavano i suoi progetti, nonché di un'abbondanza di manodopera e di persone altamente qualificate tra i suoi numerosi schiavi e liberti. Inoltre, erano presenti architetti e tecnici del suo entourage, tra cui Vitruvio.

Innanzitutto, Agrippa si accinse a completare i progetti di Giulio Cesare, sostituendo il recinto di legno intorno alla Saepta, ribattezzata Saepta Julia, che ospitava le riunioni dei comizi, con pareti di marmo circondate da un portico. Completò il tutto con un edificio rettangolare con colonnati, decorato con numerose sculture, che divenne un luogo privilegiato frequentato dai Romani. Costruì anche bagni pubblici aperti, apportando molte innovazioni per questo tipo di edifici: le Terme di Agrippa. Costruì anche uno stagno e rifornì questo, le sue terme e più in generale il quartiere di Champ de Mars costruendo un nuovo acquedotto, l'Aqua Virgo, inaugurato nel 19 a.C..

Per commemorare la battaglia di Azio, Agrippa fece costruire e dedicare l'edificio, che sarebbe servito come "Pantheon" fino alla sua distruzione nell'80 d.C.. L'imperatore Adriano utilizzò il modello di Agrippa per il suo Pantheon, quello che possiamo vedere ancora oggi a Roma. Un'iscrizione su questo nuovo edificio costruito nel 125 conserva il testo di quella che si trovava sull'edificio di Agrippa durante il suo terzo consolato nel 27 a.C.. Non lontano dal Pantheon, fece costruire una basilica, detta "di Nettuno", per celebrare le vittorie navali di Augusto contro Sesto Pompeo e Marco Antonio, alle quali Agrippa aveva tanto contribuito.

La sua casa sul Palatino, già di Marco Antonio, fu distrutta da un incendio nel 26 o 25 a.C. ed egli fu invitato dal principe a trasferirsi nella residenza imperiale.

Nel 25 a.C. il nipote dell'imperatore, Marco Claudio Marcello, sposò la figlia di Augusto, Giulia, con Agrippa che officiava in assenza di Augusto. Augusto si era ammalato in Hispania ed era preoccupato per la sua successione: conferì grandi onori al nipote, ora genero, che divenne così l'erede dell'imperatore agli occhi del popolo.

Nel 23 a.C., di ritorno dall'Hispania, Augusto era in fin di vita e decise di consegnare ad Agrippa il suo sigillo che autenticava gli atti ufficiali, alla presenza di tutti i magistrati e dei principali senatori e cavalieri dell'Urbe. D'altra parte, consegnò i suoi documenti militari e finanziari, nonché i suoi archivi, al suo coconsole Cneo Cornelio Pisone, un ex repubblicano che si era appena radunato. In caso di morte dell'imperatore, Agrippa ereditò privatamente la fortuna del principe e la sua clientela, mentre il Senato e il popolo romano recuperarono ufficialmente i suoi poteri attraverso Pisone. Tuttavia, grazie agli accordi presi dall'imperatore, Agrippa avrebbe riacquistato una posizione di forza, che avrebbe potuto trasmettere a Marcello quando quest'ultimo e il popolo fossero stati pronti.

Alla fine l'imperatore si riprese con grande sorpresa di tutti. Gli scrittori antichi sostengono che l'amicizia di Agrippa con Augusto sembra essere stata oscurata dalla gelosia del cognato Marcello, probabilmente su istigazione di Livia, terza moglie di Augusto. La partenza di Agrippa da Roma viene comunemente spiegata con questa gelosia piuttosto che con il governatorato delle province orientali, considerato un esilio onorevole. Tuttavia, Augusto dovette recarsi in queste province, ma mentre era ancora convalescente, inviò il suo più stretto collaboratore, Agrippa, che ricevette un imperium superiore a qualsiasi altro in Oriente.

Tuttavia, Agrippa inviò il suo legato in Siria, mentre lui stesso rimase a Lesbo ed esercitò il suo potere per procura. Qui scrisse le sue memorie e un commento geografico, entrambi andati perduti.

Sarebbe stato anche incaricato di una missione segreta, quella di negoziare con i Parti la restituzione delle aquile delle legioni romane che avevano sequestrato a Carrhes. Infatti, poco dopo il suo arrivo in Oriente, giunsero a Roma gli ambasciatori del re partico, Phraates IV. Augusto decise di liberare il figlio del re, Phraates V, a condizione che le insegne di Crasso e i prigionieri della guerra del 53 a.C. fossero restituiti allo Stato romano.

Se collochiamo questi eventi durante la crisi politica del 23 a.C., è improbabile che l'imperatore, in preda a un nuovo regime politico, che significava sconvolgimenti, avrebbe "esiliato" un uomo per guidare il grosso delle truppe romane. Si trattava più probabilmente di una decisione politica prudente e Augusto avrebbe incaricato Agrippa di guidare le legioni orientali, con la possibilità di utilizzarlo se l'istituzione del principato avesse richiesto un rapido sostegno militare. Augusto si trovò effettivamente di fronte a un complotto nel 23

Mentre Augusto aveva impostato la sua successione, con un co-gestore dedicato ed efficiente e un giovane promettente erede, quest'ultimo, Marco Claudio Marcello, morì improvvisamente nel 23 a.C.. Augusto pronunciò l'elogio funebre del genero e Marcello fu il primo membro della famiglia imperiale a essere deposto nel mausoleo di Augusto.

L'imperatore, rimasto a Roma, incontrò una crescente ostilità da parte dell'aristocrazia romana, essendo troppo evidente la sua influenza sulla politica. Scelse quindi, come aveva fatto cinque anni prima quando era partito per l'Hispania, di allontanarsi da Roma. Il suo obiettivo era quello di raggiungere Agrippa in Oriente, e fece una prima tappa in Sicilia. Ma le elezioni consolari del 21 a.C. provocarono grandi disordini a Roma, con due candidati che cercavano di imporsi con la forza.

Il co-imperatore ed erede di Augusto

Si dice che Mecenate abbia poi consigliato ad Augusto, preoccupato per la sua successione e per i problemi di Roma, di avvicinarsi ad Agrippa facendolo diventare suo genero. Si dice che Mecenate abbia fatto notare ad Augusto che aveva reso Agrippa così potente da dover essere eliminato o legato a lui. Augusto ebbe una sola figlia dai suoi tre matrimoni (con Clodia Pulchra, Scribonia e poi Livia). Avrebbe quindi incoraggiato Agrippa a liberarsi di Marcella e a sposare sua figlia Giulia, vedova di Marcello, lodata per la sua bellezza, le sue capacità e la sua spregiudicata dissolutezza. Agrippa lasciò Mitilene prima della fine dell'inverno 22

Augusto continuò il suo viaggio in Oriente, lasciando ad Agrippa, il cui matrimonio con la figlia di Augusto gli dava sufficiente legittimità, il compito di occuparsi dei problemi di Roma.

La nuova coppia fece costruire una villa sulla riva destra del Tevere, vicino a Trastevere, dove sono stati ritrovati alcuni dipinti che testimoniano l'interesse di Agrippa e della moglie per le opere d'arte. Fu anche costruito un ponte per unire la villa al resto della città: il ponte di Agrippa.

Agrippa, che aveva la stessa età dell'imperatore e quindi era abbastanza grande per essere il padre di sua moglie, era sicuramente un intermediario e un protettore dei nascituri della nuova coppia per Augusto. La nascita di Caio e Lucio Giulio Cesare Vipsaniano, nel 20 e 17 a.C., riempì di gioia l'imperatore, che li adottò come suoi eredi. Tra loro, Agrippa e Giulia ebbero anche una figlia: Vipsania Julia Agrippina, nata nel 19 a.C..

Nel 20 a.C., Agrippa lasciò Roma per una pericolosa missione in Occidente. Agrippa si recò dapprima sul Reno, dove respinse le incursioni germaniche e fondò una città sul sito dell'odierna Colonia, sulla riva destra del Reno, soppiantando una tribù alleata di Roma, gli Ubi.

Gettò le basi per l'organizzazione della provincia di Gallia, riformando l'amministrazione provinciale, il sistema fiscale e costruendo un'importante rete di acquedotti. Su ordine di Augusto, intraprese la costruzione della rete di strade romane in Gallia. Lugdunum era al centro della rete stradale che egli creò in Gallia e la città divenne capitale della Gallia sotto il suo impulso. La colonia di Nemaususus, fondata da Augusto sotto la direzione di Agrippa qualche anno prima, divenne sede di un'officina monetaria e vi furono costruiti molti monumenti.

Andò poi a combattere i Cantabrici in Hispania per porre fine alle ripetute rivolte. Nel nord della penisola iberica, nella terra degli Asturiani, dei Cantabrici e dei Galiziani, le popolazioni di questa regione montuosa erano ferocemente attaccate alla loro indipendenza e gli eserciti di Augusto erano impegnati in una guerra di conquista da due decenni. Gli Asturiani furono sottomessi, ma i Cantabrici continuarono a resistere.

Agrippa ottenne il successo definitivo con il terrore nel 19 a.C.: massacrò la maggior parte degli uomini in età da armi, ridusse in schiavitù gran parte della popolazione cantabrica rimasta e insediò i sopravvissuti nelle pianure anziché sulle montagne.

Come in precedenza in Gallia, delineò l'organizzazione amministrativa della provincia, fondando città veterane e sviluppando la rete stradale. Fece costruire un teatro a Merida, inaugurato tra il 16 e il 15 a.C..

Agrippa fu quindi considerato "collega" dell'imperatore. Il ritratto di Agrippa compare accanto a quello di Augusto sulle monete emesse alla fine del I secolo a.C. nella colonia romana di Nemausus, a dimostrazione della sua altissima posizione politica e del suo immenso prestigio dovuto al ruolo di primo piano nella vittoria di Azio.

Al suo ritorno a Roma, rifiutò il trionfo concessogli dal Senato, non volendo gettare la minima ombra sull'imperatore. Ormai collega dell'imperatore ed erede, non riferiva più al Senato ma solo all'imperatore.

Nel 18 a.C. Augusto fece rinnovare i suoi poteri e insistette affinché anche Agrippa ricevesse l'imperium eccezionale e la potestà tribunizia per cinque anni, che egli stesso aveva ricevuto per la prima volta solo nel 23 a.C..

Nel 17 a.C., Augusto decise di celebrare i Giochi secolari, per esaltare la nuova età dell'oro. L'imperatore e Agrippa erano allora i presidenti del collegio sacerdotale a cui apparteneva la cerimonia: i Quindecemviri sacris faciundis. L'imperatore e Agrippa sacrificano diversi animali alle Parche, Giunone, Diana e Apollo. Agrippa offre al popolo diverse corse di carri. È durante questi giochi che nasce Lucio, che coincide con la nuova età dell'oro cantata da Orazio e Augusto lo adotta insieme al fratello maggiore Caio.

Poche settimane dopo la fine dei Giochi e la nascita di Lucio, Agrippa lasciò Roma per l'Oriente in compagnia della moglie, cosa che era contro le regole per un capo militare. Tuttavia, ciò rafforzò il prestigio del genero di Augusto. Numerose dediche furono fatte nelle città greche che visitarono. La sua missione era la stessa della sua precedente visita in Oriente: assicurare il risanamento delle finanze delle città della parte orientale dell'Impero.

Alla fine del 15 a.C., in Grecia, nacque la seconda figlia della coppia, Agrippina. La prima figlia, Vipsania Agrippina, che aveva sposato Tiberio, diede ad Agrippa un nipote, Giulio Cesare Druso, nato tra il 15 e il 13 a.C..

Nel 14 a.C., mentre si recava in Asia Minore, Erode I il Grande, re di Giudea e alleato di Roma, andò a trovarlo e lo invitò a Gerusalemme. Installò dei veterani nella colonia romana di Julia Augusta Felix Berytus (Beirut).

Tornato in Ionia, dove Erode lo aveva raggiunto, Nicola di Damasco fu inviato da Agrippa per perorare la causa dei Giudei che vivevano nelle città ellenizzate. L'attenta amministrazione di Agrippa gli valse il rispetto e la benevolenza dei provinciali, soprattutto dei Giudei.

Agrippa prepara quindi una campagna contro Scribonio, presunto erede del peggior nemico dei primi decenni di questo secolo, Mitridate VI del Ponto, che combatté Roma dall'88 al 63 a.C. durante le guerre mitridatiche. Questo pretendente cercò di affermarsi nel regno cimmerico del Bosforo. Agrippa ripristinò il potere di Roma sugli abitanti della Crimea inviandovi Polemone I del Ponto, alleato di Roma. Agrippa ricevette grandi onori e persino un trionfo, che declinò nuovamente, per aver sconfitto un erede di Mitridate VI e aver recuperato le aquile romane catturate da quest'ultimo, tramite Polemone, che ebbe un grande impatto a Roma. Il grano cimmerio torna a rifornire la Grecia e l'Anatolia.

Nel 13 a.C., Augusto e Agrippa, dopo aver governato rispettivamente l'Occidente e l'Oriente per alcuni anni, tornarono a Roma per farsi rinnovare l'imperium e il potere tribunizio per cinque anni.

In autunno, una volta rinnovati i suoi poteri, Agrippa lasciò Roma per la Pannonia, l'ultimo accesso diretto all'Italia per i nemici di Roma da quando l'arco alpino era stato sottomesso da Augusto. Inoltre, i Pannoni avevano recentemente compiuto incursioni in Istria. Questa campagna pannonica potrebbe essere stata parte di un piano più generale, da abbinare all'offensiva pianificata l'anno successivo da Druso in Germania. In un primo momento, Agrippa intervenne nella regione dell'Alto Danubio, nelle valli dei fiumi Sava e Drava.

Tuttavia, durante l'inverno del 13-12 a.C., la sua salute si deteriorò e dovette lasciare le montagne pannoniche per ritirarsi in Campania.

Morì in Campania tra il 19 e il 24 marzo 12 a.C. all'età di 50 anni.

Secondo Plinio il Vecchio, Agrippa soffriva da anni di violenti attacchi di gotta e reumatismi, come dimostrano le numerose dediche alla Salute durante il suo soggiorno in Gallia. Agrippa, indebolito, non avrebbe resistito ai rigori dell'inverno in Pannonia o sarebbe stato travolto da un'epidemia che colpì l'Italia nei primi mesi del 12 a.C., come Lepido, secondo gli storici moderni.

Augusto onorò l'amico organizzando un funerale grandioso, in linea con quelli che aveva pianificato per sé. Ha pronunciato l'elogio funebre davanti al tempio del Divino Giulio e ha pianto per oltre un mese. Adottò i figli di Agrippa e si occupò personalmente della loro educazione. Pur avendo fatto costruire la sua ultima dimora, Agrippa ebbe l'onore di essere deposto nel mausoleo dell'imperatore stesso, entrando così a far parte a pieno titolo della famiglia imperiale.

L'aristocrazia romana dimostrò il suo profondo disprezzo per Agrippa, considerato un parvenu o homo novus, rifiutandosi di partecipare ai giochi funebri organizzati in suo onore. La plebe, invece, rese un enorme omaggio al genero dell'imperatore, per la sua opera edificante, che aveva contribuito notevolmente al benessere di tutti i romani, in particolare migliorando l'approvvigionamento idrico della città.

Lasciò in eredità alla sorella un portico da completare, il portico Vipsania, sul Campo di Marte. Su richiesta di Augusto e secondo il desiderio di Agrippa, sulle sue pareti fu esposta una mappa del mondo, offerta al pubblico, in pittura o in mosaico. Questo orbis terrarum rappresenterebbe il mondo come è conosciuto con i limiti dell'Impero e questa mappa sarebbe stata elaborata a partire dalle indicazioni lasciate da Agrippa.

Nel suo testamento, Agrippa donò all'imperatore la maggior parte dei suoi beni, compresa la sua squadra di schiavi per la manutenzione della rete di rifornimento. Le sue terme furono lasciate in eredità al popolo romano, così come i parchi e i giardini che aveva realizzato. Augusto distribuisce 100 denari d'argento ai cittadini che beneficiano della distribuzione di grano a nome del genero.

Il figlio postumo, nato alla fine dell'anno, Marco Vipsanio Agrippa Postumo, prende il nome in suo onore.

Mogli e prole

Con la prima moglie, Caecilia Pomponia Attica, ha avuto due figlie:

Dalla seconda moglie, Claudia Marcella la Vecchia, ha anche due figlie,

Dalla sua ultima unione con Giulia, figlia di Augusto, nacquero 5 figli, tutti destinati a un tragico destino.

Amico fedele e gran lavoratore

Agrippa fu "a sua volta generale, ammiraglio, architetto, ministro dei lavori pubblici, letterato, amministratore e geografo". Fu uno dei principali artefici della fondazione dell'Impero. tra i principali artefici della fondazione dell'Impero e, degno erede di Cesare nel campo dell'arte militare, appare come uno dei più grandi uomini di guerra del suo tempo.

Gli autori antichi lodano i meriti di Agrippa, in particolare Dione Cassio e Orazio.

"Era un uomo di grande coraggio. Pneumatici, veglie e pericoli non sono riusciti a sconfiggerlo. Sapeva perfettamente come obbedire, ma solo a uno, ed era invece desideroso di comandare gli altri. Non si lasciava mai ritardare e passava immediatamente dalla decisione all'azione.

- Velleius Paterculus, Storia romana, traduzione di Després, 1825, libro II, 79.

Jean-Michel Roddaz osserva che "pochi autori hanno dato, in così poche parole, una definizione così buona del secondo in comando di Augusto. Nessuno forse ha capito meglio, ha analizzato meglio questa ambizione contenuta e questa lealtà incondizionata al servizio di uno".

Inoltre, in prima linea Dione Cassio, spesso contrastano le personalità dei due più stretti consiglieri di Augusto: Agrippa e Mecenate.

Il primo è di origine modesta, un soldato che si è elevato dai ranghi in seguito a imprese militari, un homo novus. Furono le vittorie ottenute per Ottaviano, e la loro amicizia fin dall'infanzia, a permettergli di scalare i gradi del cursus honorum. Tuttavia, anche quando raggiunse la suprema magistratura e il potere al fianco del Principe, si comportò con una grande semplicità di vita che richiamava l'austerità delle tradizionali virtù romane. La sua origine e la sua condotta gli valsero il disprezzo della vecchia nobiltà romana, mentre gli autori antichi fanno di Agrippa un convinto sostenitore della restaurazione della repubblica tradizionale, sempre in opposizione a Mecenate.

Anche quest'ultimo viene descritto come diametralmente opposto, proveniente da un'antica famiglia etrusca, amante del lusso, della vita agiata e sostenitrice di un regime monarchico.

La rivalità o il disaccordo tra i due amici di Augusto, che tutto sembra opporre, è sicuramente molto esagerata. Ottaviano non avrebbe affidato ripetutamente le redini dell'Italia e di Roma a due uomini che si odiavano a vicenda. Quanto alle presunte idee repubblicane di Agrippa, va notato che egli sostenne per tutta la vita Augusto durante l'istituzione del principato, essendo per due volte consecutive console al fianco di Augusto negli anni 28

Un esempio di servitore dell'imperatore

Per tutta la vita, Agrippa dimostrò grande senso politico, all'ombra di Augusto, risparmiando la suscettibilità del suo amico e imperatore. Sebbene le sue vittorie navali gli permettessero di assumere il controllo dell'Occidente e poi dell'intero Impero, rimase sempre in secondo piano, rifiutando per tre volte i trionfi a lui assegnati. Se accettò di essere messo in ombra da Augusto, fu sicuramente perché gli era evidente che non avrebbe mai potuto raggiungere la posizione di Augusto stesso. Durante la sua giovinezza, Agrippa impara due cose: l'importanza dell'esercito e la forza della tradizione romana. L'esercito è la sua strada verso il potere, ma in quanto membro di una famiglia equestre italiana e non senatore, non può rivendicare il potere supremo.

La sua immagine "ci appare spesso in molti testi come stereotipata, plasmata dalla 'propaganda' ufficiale; Agrippa dovrebbe servire da esempio per le generazioni future, perché simboleggia la lealtà e la moderazione, la dedizione alla causa dello Stato". È il caso di questo estratto di Dion Cassius:

"Agrippa, l'uomo più lodevole del suo secolo, che usò l'amicizia di Augusto solo per rendere i più grandi servizi al principe stesso e allo Stato. Infatti, per quanto prevalesse sugli altri, amava mettersi in secondo piano rispetto ad Augusto: infatti, mentre faceva concorrere tutta la sua prudenza e tutta la sua mente agli interessi del principe, dedicava alla benevolenza tutto il credito e tutto il potere di cui godeva presso di lui. Fu soprattutto questo a non renderlo mai scomodo ad Augusto, né odioso ai suoi concittadini: se contribuì al consolidamento della monarchia nelle mani di Augusto, da vero partigiano di un governo assoluto, si legò al popolo con le sue beneficenze, come un uomo che ha i sentimenti più popolari.

- Dione Cassio, Storia romana, traduzione di Stephen Gros, 1855, libro LIV, 29.

Jean-Michel Roddaz conclude che "l'elogio quasi unanime che emerge dalla storiografia antica quando si concentra sulla personalità di Marco Agrippa poggia certamente su un fondamento di verità storica. Inoltre, la sua morte prima della seconda parte del regno di Augusto e all'apice della sua carriera, nell'età d'oro dell'instaurazione dell'Impero, "potrebbe aver preservato Agrippa dalla critica della storia e lasciato ai posteri il compito di commemorare le sue virtù, riservandogli la lode della gloria".

Letteratura

Agrippa è un personaggio di :

Sullo schermo

Nella serie televisiva I Claudius Emperor del 1976, adattamento di I, Claudius della BBC Two, Agrippa è rappresentato come un uomo anziano, sebbene avesse solo 39 anni all'epoca degli eventi storici raccontati nel primo episodio (24 e 23 a.C.).

Nel peplum spagnolo Los cántabros, diretto nel 1980 da Paul Naschy, Agrippa è il protagonista.

La serie italo-britannica Imperium: Augustus, trasmessa su Rai 1 nel 2003, inizia con l'annuncio della morte di Agrippa. In esso, Augusto racconta alla figlia Giulia, vedova di Agrippa, come è diventato il famoso imperatore romano e rimpiange amaramente il suo amico ed erede. Nei flashback, Agrippa viene visto al fianco di Augusto, in particolare nella battaglia di Munda e nella vittoria di Azio.

Nella seconda stagione della serie Rome di HBO, BBC Two e Rai 2, trasmessa nel 2007, vediamo i primi anni della carriera di Ottaviano, con Marco Vipsanio Agrippa al suo fianco, tra il 44 e il 30 a.C.. Nella serie, Agrippa è interpretato dall'attore irlandese Allen Leech.

Nel 2016 è apparso nell'episodio From Actium to Alexandria del canale YouTube Confessions of History. In questo, il ruolo di Agrippa è interpretato dall'attore francese Florian Velasco.

Appare anche in diversi film su Cleopatra. Di solito viene presentato come un uomo anziano.

Infine, Agrippa è uno dei personaggi secondari della serie televisiva Domina di Sky Atlantic del 2021, che racconta l'ascesa dell'imperatrice Livia. Nella serie, Agrippa è interpretato dall'attore britannico Ben Batt.

Fonti

  1. Marco Vipsanio Agrippa
  2. Marcus Vipsanius Agrippa
  3. Pline l'Ancien indique qu'il est mort dans sa cinquante-et-unième année : ainsi, la naissance d'Agrippa se situerait entre mars 64 et mars 62 av. J.-C.
  4. ^ He discarded his nomen Vipsanius and was called simply Marcus Agrippa for most of his public career and in official inscriptions, possibly to mask his lowborn origin. Reinhold Marcus Agrippa pp. 6–8
  5. Vell. Pat., II 96.1, 127.1.
  6. Nicolaus van Damascus, Vita Augusti = FGrH F 127.7
  7. M. Reinhold, Marcus Agrippa. A biography, Genève - New York, 1933, pp. 13-14.
  8. Dião Cássio[3] data a morte de Agripa no final de março de 12 a.C. enquanto Plínio[4] afirma que ele teria morrido "em seu quinquagésimo-primeiro ano". Dependendo da interpretação da frase de Plínio, Agripa poderia ter 51 anos completos ou a completar, o que colocaria a sua data de nascimento entre março de 64 e março de 62 a.C.. Um calendário de Chipre ou da Síria inclui um mês em homenagem a Agripa começando em 1 de novembro, o que pode ser uma referência ao mês de seu nascimento[5].
  9. Já se especulou que Agripa estava entre os negociadores que conseguiram convencer as legiões macedônicas de Antônio a apoiarem Otaviano, mas não há evidências diretas disto[13].
  10. Um evento mencionado apenas por Mauro Sérvio Honorato na "Eneida", de Virgílio[15], mas uma posição anterior, requisito para o posto, de pretor urbano em 40 a.C., favorece a data de 43 a.C.[16].