Guerre di Vandea

Dafato Team | 18 nov 2022

Tabella dei contenuti

Riassunto

La guerra di Vandea fu una guerra civile che ebbe luogo durante la Rivoluzione francese nella Francia occidentale tra i repubblicani (detti "blu") e i realisti (detti "bianchi") tra il 1793 e il 1796, con scoppi finali nel 1799, 1815 e 1832.

Era strettamente legata alla Chouannerie, che ebbe luogo sulla riva destra della Loira a nord, mentre la rivolta della Vandea ebbe luogo sulla riva sinistra a sud. Questi due conflitti sono talvolta indicati come "guerre occidentali".

Come ovunque in Francia, anche in Vandea si verificarono manifestazioni contadine all'inizio della Rivoluzione francese, che inizialmente furono accolte con favore. Sebbene la Costituzione civile del clero del 1791 avesse provocato un forte malcontento, fu in reazione all'insurrezione di massa del marzo 1793 che si scatenò la ribellione vandeana, inizialmente come una classica jacquerie contadina, prima di assumere la forma di un movimento controrivoluzionario.

Mentre altrove in Francia le rivolte contro l'insurrezione di massa venivano represse, un territorio insurrezionale, chiamato dagli storici "Vandea militare", si formò a sud della Loira-Inférieure (Bretagna), a sud-ovest della Maine-et-Loire (Anjou), a nord della Vandea e a nord-ovest delle Deux-Sèvres (Poitou). Chiamati gradualmente "Vendéens", gli insorti costituirono in aprile un "Esercito cattolico e reale" che ottenne una serie di vittorie nella primavera e nell'estate del 1793. Le città di Fontenay-le-Comte, Thouars, Saumur e Angers furono brevemente invase, ma i vandeani non riuscirono a conquistare Nantes.

In autunno, l'arrivo di rinforzi dall'Armata di Magonza diede il sopravvento al campo repubblicano, che in ottobre conquistò Cholet, la città più importante controllata dai vandeani. Dopo questa sconfitta, il grosso delle forze vandeane attraversò la Loira verso la Normandia nel disperato tentativo di conquistare un porto per ottenere aiuto dagli inglesi e dagli emigranti. Respinta a Granville, l'armata vandeana fu definitivamente distrutta a dicembre a Le Mans e Savenay.

Dall'inverno del 1793 alla primavera del 1794, al culmine del Terrore, le forze repubblicane attuarono una violenta repressione. Nelle città, e in particolare a Nantes, circa 15.000 persone furono fucilate, annegate o ghigliottinate su ordine dei rappresentanti in missione e delle commissioni militari rivoluzionarie, mentre nelle campagne circa 20.000-50.000 civili furono massacrati dalle colonne infernali, che nel frattempo incendiarono diverse città e villaggi.

La repressione, tuttavia, provocò una recrudescenza della ribellione e nel dicembre 1794 i repubblicani avviarono negoziati che portarono alla firma di trattati di pace con i vari leader vandeani tra il febbraio e il maggio 1795, ponendo così fine alla "Prima Guerra di Vandea".

Una "seconda guerra di Vandea" scoppiò poco dopo, nel giugno 1795, dopo l'inizio dello sbarco di Quiberon. Tuttavia, la rivolta si esaurì rapidamente e gli ultimi leader vandeani si sottomisero o furono giustiziati tra il gennaio e il luglio del 1796.

La Vandea conobbe ancora brevi insurrezioni finali con una "terza guerra" nel 1799, una "quarta" nel 1815 e una "quinta" nel 1832, ma su scala molto più ridotta.

Il numero delle vittime è stimato in circa 200.000, di cui circa 170.000 abitanti della Vandea militare, cioè tra il 20 e il 25% della popolazione del territorio insurrezionale.

L'evoluzione della storiografia sulle cause dell'insurrezione

Lo studio storico della Guerra di Vandea è segnato da una lunga tradizione di conflitti, in cui si esprimono rivalità tra scuole storiche e correnti ideologiche, tra storici universitari, studiosi, letterati e accademici. Il risultato di queste dispute è un'immensa bibliografia, che oppone due correnti, quella dei sostenitori della Rivoluzione, noti come "Blu", e quella dei sostenitori dei Vandeani, noti come "Bianchi".

I primi testi pubblicati su questa guerra sono le memorie di attori, realisti come Victoire de Donnissan de La Rochejaquelein, Antoinette-Charlotte Le Duc de La Bouëre, Marie Renée Marguerite de Scépeaux de Bonchamps, Jeanne Ambroise de Sapinaud de Boishuguet, Bertrand Poirier de Beauvais, Pierre-Suzanne Lucas de La Championnière, Renée Bordereau, Louis Monnier, Gibert, Puisaye, e repubblicani come Kléber, Turreau, Savary, Rossignol, Dumas, Westermann, Grouchy, Choudieu... La più famosa è la Memoria di Madame de la Rochejaquelein, vedova di Lescure, che descrive una rivolta spontanea dei contadini per difendere il loro re e la loro Chiesa.

Nel corso del XIX secolo, la questione oppose in particolare gli storici, che basavano le loro ricerche esclusivamente sugli archivi, e gli studiosi, impegnati nella difesa della Vandea, che raccoglievano e tramandavano le tradizioni memoriali. Le figure principali di questa lotta sono :

Basandosi in gran parte su testimonianze orali, raccolte e trasmesse da autori "bianchi", gli studiosi si concentrano sulla violenza della repressione del 1793-1794, mentre la predilezione dei "blu" per gli archivi vieta di evocare i sentimenti dei repubblicani e, per lungo tempo, di valutare le loro sofferenze. La lettura "bianca" si trova tra gli accademici, negli scritti di Pierre Gaxotte o Jean-François Chiappe.

Nell'ultimo secolo la storiografia ha ampiamente rinnovato la domanda.

Una storia rivisitata

Nel XX secolo, la ricerca storica ha subito profondi cambiamenti, in particolare con lo sviluppo dell'analisi socio-economica. Claude Petitfrère vede in questo rinnovamento il segno di una terza categoria di autori, intorno a Paul Bois, Marcel Faucheux e Charles Tilly, che chiama storia "scientifica". Tuttavia, gli autori "bianchi" classificano Marcel Faucheux, Claude Tilly e Claude Petitfrère tra i "blu".

Già negli anni Venti, Albert Mathiez riteneva che le cause dell'insurrezione vandeana della primavera del 1793 fossero da ricercare nelle condizioni economiche e sociali dell'epoca.

All'inizio degli anni Cinquanta, Marcel Faucheux sostenne che le cause profonde dell'insurrezione andavano ben oltre la costituzione civile del clero, l'esecuzione di Luigi XVI o l'insurrezione di massa, e che dovevano essere collegate a quello che lui chiamava "pauperismo vandeano". La Rivoluzione non era stata in grado di soddisfare le speranze suscitate dalla convocazione degli Stati Generali nel 1789: i fittavoli, che erano in maggioranza in Vandea, non beneficiarono dell'abolizione dei diritti feudali, che erano riscattabili (fino al 1793), e la proprietà nazionale andò essenzialmente a beneficio della borghesia e dei commercianti. Da quel momento in poi, lo sconvolgimento delle strutture sociali tradizionali, la riforma autoritaria del clero e la levée en masse furono al massimo la scintilla che fece esplodere un malcontento più antico.

Partendo da un'analisi dettagliata della regione della Sarthe, Paul Bois approfondisce la questione, mettendo in luce l'odio che esisteva all'epoca tra contadini e borghesi e mostrando l'esistenza di una profonda frattura sociale tra abitanti delle città e delle campagne, che precedeva la Rivoluzione e fu una delle cause principali della rivolta.

Queste conclusioni sono supportate dal lavoro del sociologo americano Charles Tilly, che sostiene che la crescita delle città francesi nel XVIII secolo, la loro aggressività economica e la loro tendenza a monopolizzare il potere politico locale hanno dato origine alla resistenza e all'odio dei contadini, di cui l'insurrezione della Vandea è solo un esempio esacerbato.

Da parte sua, Albert Soboul descrive le masse contadine in stato di disagio, predisposte "a sollevarsi contro i borghesi, molto spesso contadini generici in questo paese di mezzadria, commercianti di grano e acquirenti della proprietà nazionale", reparti dell'Occidente con una fede molto viva dopo gli sforzi di catechizzazione dei Mulotin, Era anche preoccupato dal fatto che i contadini equiparassero il sorteggio di 300.000 uomini alla milizia, un'istituzione dell'Ancien Régime particolarmente odiata. Pur ritenendo che "la simultaneità della rivolta suggerisce che sia stata concertata", spiega che i contadini "non erano né realisti né sostenitori dell'Ancien Régime" e che i nobili furono inizialmente sorpresi dalla rivolta, prima di sfruttarla per i propri fini.

Più recentemente, Jean-Clément Martin ha indicato che, sebbene i contadini passassero alla Controrivoluzione, a seconda della provincia, per motivi molto diversi, anche tra le diverse zone della Vandea, le parole d'ordine religiose e di difesa della comunità erano comuni. Queste parole d'ordine sono dovute al mantenimento del peso delle tasse e delle fattorie, al peggioramento della sorte dei mezzadri, all'incapacità delle piccole élite rurali di acquistare i beni nazionali, monopolizzati dalle élite urbane, alla perdita di autonomia dei piccoli comuni rurali di fronte alle città, dove si sono installati i poteri politici (il distretto) ed economici, alle violazioni della Costituzione Civile del Clero, alle libertà delle comunità, che difendono il loro sacerdote e le loro cerimonie religiose. Le tensioni salgono fino al marzo 1793, senza trovare uno sbocco, quando la levée en masse offre alle comunità l'opportunità di unirsi contro gli agenti dello Stato, in un movimento che si rifà alle jacqueries tradizionali, e di formare bande alla cui testa si pongono, più o meno volentieri, le élite locali.

Nella Sarthe furono i contadini benestanti e i loro alleati a insorgere, mentre i contadini dipendenti dalle città e i loro vicini tessitori furono la punta di diamante dell'insurrezione nelle Mauges. Per quanto riguarda i Chouan dell'Ille-et-Vilaine, essi furono reclutati principalmente tra i fittavoli e i loro parenti. In tutti i casi, è stata la difesa dell'equilibrio comunitario, minato dalle leggi civili e religiose della Rivoluzione, a guidare la rivolta. La regalità sembra essere superficiale, come nel Midi nel 1791-1792, e gli odi personali e locali giocano un ruolo importante, con opposizioni tra comuni vicini; nella maggior parte dei casi, le rivolte iniziano con "regolamenti di conti, caccia ai rivoluzionari e saccheggi".

Gli attivisti realisti, appartenenti alle élite rurali, parteciparono alle prime insurrezioni, sottolinea, ma erano pochi; i nobili controrivoluzionari furono poco coinvolti, nel marzo 1793, in un movimento non organizzato e scarsamente armato.

"Tutti furono sorpresi dalla brutalità della ribellione, la maggior parte era riluttante a unirsi agli insorti e alcuni, come Charette, dovettero essere costretti a farlo.

Oltre alla tesi del complotto "clerico-nobiliare", Jean-Clément Martin, insieme a Roger Dupuy, si interroga sull'antagonismo "città-campagna" (che precede la Rivoluzione) e sulla differenza di natura tra le origini della Chouannerie e le cause della Guerra di Vandea.

Per Roger Dupuy, che nota come la storiografia recente "si sia allontanata dal punto di vista ristretto che attribuiva al problema religioso un'importanza primaria nel processo di insurrezione", è "sul versante dell'identità profonda delle comunità contadine" che dobbiamo cercare le radici. La "rivolta è tanto più esasperata perché la violenza gioca un ruolo determinante nella costituzione di questa identità": violenza della miseria, violenza dei giovani attaccati al rispetto del loro onore, violenza collettiva contro il cattivo signore che abusa dei suoi privilegi feudali.

Applicando l'approccio microstorico a tre parrocchie del Mauges tra il 1750 e il 1830, nel cuore della "Vendée-militaire", Anne Rolland-Boulestreau offre un quadro della notabilità locale alla vigilia della Rivoluzione (grandi mezzadri a Neuvy o a Le Pin-en-Mauges, membri del mondo degli affari a Sainte-Christine), una notabilità basata sul riconoscimento pubblico: i suoi membri ricoprivano cariche pubbliche (i Cathelineau erano sacrestani di padre in figlio), facevano da garanti morali davanti ai notai ed erano spesso scelti come testimoni ai matrimoni.

Poi, analizzando le reazioni dei tre comuni alla Rivoluzione, nota che i notabili di Neuvy e Le Pin si confermano dopo il 1789 alla guida dei comuni, mentre a Sainte-Christine, comune aperto al commercio, con molti artigiani, nuove categorie sociali si mescolano alle vecchie. A Neuvy e Le Pin, i comuni si sono chiusi attorno alle élite tradizionali (che hanno acquisito una scarsa proprietà nazionale) di fronte alle riforme che minacciavano la comunità. A Sainte-Christine, invece, dove i notabili locali avevano acquisito alcune terre, le riforme furono viste come un'opportunità per acquisire importanza, in particolare diventando il capoluogo del cantone. Nel 1792, le élite tradizionali non si candidarono per la rielezione, segnando il loro rifiuto dell'evoluzione politica, e lasciarono il posto a notabili più modesti, ma appartenenti alle stesse reti e parentele. L'anno successivo, all'inizio dell'insurrezione, i 27 uomini che seguirono Cathelineau a Le Pin furono integrati nei gruppi di parentela e nelle reti del comune (due terzi erano artigiani, un terzo contadini). A Sainte-Christine, i patrioti vandeani erano per lo più modesti artigiani che si erano insediati da poco nella parrocchia e non erano molto integrati nelle reti della comunità.

Infine, studiando l'emergere di una nuova socievolezza forgiata attraverso la prova dell'insurrezione vandeana, osserva che la partecipazione all'insurrezione vandeana era d'ora in poi una condizione necessaria per ottenere la fiducia della popolazione locale. A Sainte-Christine, dove la guerra ha lasciato la popolazione molto divisa, le tradizionali élite mercantili sono state spodestate da uomini della terra e della nobiltà, che hanno assunto funzioni che prima disdegnavano. Il radicamento e i legami di fiducia di cui godevano i piccoli notabili permisero loro di diventare, nel XIX secolo, insieme ai nobili, gli intermediari essenziali tra la comunità e lo Stato.

La situazione prima della rivolta

Alla fine del XVIII secolo, la società della Vandea (l'attuale dipartimento della Vandea e parte dei dipartimenti limitrofi: Loira-Inférieure meridionale, Maine-et-Loire occidentale, Deux-Sèvres settentrionale) aveva una composizione sociale simile a quella di molte altre province francesi ed era molto rurale.

Alla fine dell'Ancien Régime, secondo Michel Vovelle, la nobiltà possedeva più della metà delle terre, contro il 10-20% della borghesia, meno del 30% dei contadini e meno del 5% del clero. Allo stesso modo, stima la densità di popolazione tra i 700 e i 790 abitanti per lega quadrata e per generalità. Infine, l'alfabetizzazione era piuttosto bassa rispetto al nord e all'est del Paese, con il 10-20% dei coniugi che sapeva firmare con il proprio nome.

Nel 1789, i contadini dell'Ovest accolsero l'inizio della Rivoluzione. I cahiers de doléances della Bretagna, del Maine, dell'Anjou e del basso Poitou testimoniano l'ostilità dei contadini verso i resti del sistema feudale, così come l'elezione di deputati patriottici, confermata dalle violenze antisignorili della Grande Paura e dalle ripetute violenze contro gli aristocratici e le loro case nel 1790 e 1791. Inoltre, la Vandea e la Maine-et-Loire furono due dei dodici dipartimenti che inviarono il maggior numero di deputati giacobini all'Assemblea legislativa. Anche molti sacerdoti sembrano aver seguito con entusiasmo il movimento: in Vandea, alcuni hanno assunto le nuove cariche create dalla Rivoluzione, ad esempio diventando sindaci. La Rivoluzione, come altrove, rappresentava quindi una grande speranza. Nel novembre 1789, l'Assemblea votò la confisca dei beni ecclesiastici, trasformati in beni nazionali, per garantire l'emissione di assignat. Questa decisione ha privato il clero cattolico dei mezzi finanziari per svolgere il suo tradizionale ruolo di assistenza alla popolazione povera. Questi beni sono stati accumulati nel corso dei secoli grazie ai lasciti dei membri della comunità. Prima della Rivoluzione, erano gestite dal clero e servivano le comunità rurali. La vendita di questi beni, a titolo di rimborso degli assignat, portò gradualmente al loro passaggio nelle mani di privati (borghesi, contadini, aristocratici e persino membri del clero) che li utilizzarono per uso personale. Le comunità si sono quindi sentite derubate e hanno chiesto il riscatto ai politici.

Il 12 luglio 1790, l'Assemblea Costituente votò la costituzione civile del clero. Il decreto attuativo, approvato nel novembre 1790 e firmato dal re il 26 dicembre 1790, stabiliva che i funzionari, come tutti i dipendenti pubblici, dovevano prestare giuramento alla costituzione; la costituzione civile del clero e questo giuramento furono rifiutati da un'intera parte del clero, che considerava il giuramento dei sacerdoti una deviazione dalla via cattolica. Preoccupati per la loro salvezza, molti contadini preferirono continuare a rivolgersi ai sacerdoti refrattari. Ciò contribuì a creare una profonda divisione tra la popolazione della Vandea tra sostenitori e oppositori del provvedimento e a creare un certo malcontento tra le comunità contadine che, inoltre, non percepivano alcun miglioramento della loro situazione dopo la Rivoluzione. Nelle campagne dell'Occidente, fresche e relativamente convertite, la maggioranza del clero divenne refrattaria all'obbligo del giuramento costituzionale, e dopo gli scritti pontifici di condanna della Costituzione Civile del Clero, nel 1791. Nel maggio 1791, l'Assemblea Costituente emanò un decreto sulla libertà di culto che autorizzava il culto refrattario, ma questa tolleranza non soddisfò nessuna delle due parti e le posizioni si indurirono.

L'applicazione della costituzione civile del clero (luglio 1791) provocò una moltitudine di atti di resistenza tra la popolazione, che ricorse sempre più alla violenza fisica. Nel Poitou, i libelli consideravano la costituzione civile come opera di protestanti ed ebrei. Scoppiarono risse tra "aristocratici" e "democratici", tra parrocchiani (in alcune parrocchie, la popolazione si unì per proteggere il proprio parroco e il proprio stile di vita), soprattutto durante i funerali. Più seriamente, nel gennaio 1791 nel comune di Saint-Christophe-du-Ligneron (a sud di Nantes, vicino a Machecoul), si svilupparono dei conflitti intorno all'opposizione alla costituzione civile del clero, e l'intervento delle guardie nazionali incaricate di mantenere l'ordine causò i primi morti in Vandea; ma il conflitto non degenerò.

In questo contesto, l'Assemblea legislativa emise decreti repressivi nel novembre 1791 e nel 27 maggio 1792 contro il clero refrattario, il cui culto fu vietato. Quest'ultimo prevedeva l'espulsione dal territorio francese di qualsiasi sacerdote refrattario su semplice richiesta di 20 cittadini. Alla vigilia del 10 agosto 1792, quando l'Assemblea soppresse le ultime congregazioni esistenti, molti di loro furono imprigionati. Costretti a nascondersi per evitare la deportazione nella colonia penale della Guyana, i sacerdoti non pentiti erano protetti da donne che partecipavano a messe clandestine. Nonostante queste misure, il nuovo clero costituzionale non riuscì a imporsi in gran parte della regione. Secondo Michel Vovelle, i sacerdoti giurati rappresentavano dallo 0 al 35% dei sacerdoti in Vandea e Loira-Inférieure (come in tutta la Bretagna), rispetto al 35-55% del Maine-et-Loire e al 75-100% delle Deux-Sèvres nel 1791. Complessivamente, più del 65% del clero ha rifiutato di prestare giuramento in Occidente (rispetto al 48% a livello nazionale). Intorno a Châtillon e Bressuire si distingue un'area di rifiuto generalmente omogenea. La religione dei contadini dell'Occidente, come in molti altri luoghi, è una religione propiziatoria (volta ad assicurare raccolti abbondanti, la fertilità del bestiame, il compimento di un matrimonio, la nascita di un figlio, la guarigione di una malattia, ecc.), che organizza il calendario e il paesaggio, con un appello a santi specializzati, alle loro cappelle, con riti particolari. Allo stesso modo, la carriera ecclesiastica rappresenta un mezzo di promozione sociale per molte famiglie contadine, un mezzo che l'esclusione dei sacerdoti refrattari minaccia.

A dimostrazione del fatto che l'attaccamento all'Ancien Régime - e alla regalità - non fu il fattore scatenante delle prime rivolte, non si osservarono disordini durante l'emigrazione dei nobili, né quando Luigi XVI fu ghigliottinato nel gennaio 1793.

Il malcontento era latente. A partire dal febbraio 1793, la Charente-Inférieure si trovò ad affrontare un afflusso di rifugiati. L'insurrezione scoppiò davvero a marzo, quando la Convenzione, il 23 febbraio, ordinò un prelievo di 300.000 uomini "per far fronte all'improvviso calo di forza delle armate della Repubblica dovuto alle perdite, alle diserzioni ma soprattutto alle massicce partenze dei volontari, prelevati l'anno precedente per la durata di una campagna e che, essendo il nemico stato riportato alle frontiere e anche oltre, pensavano di poter tornare a casa". La Vandea (che tutto sommato non fu molto colpita a causa di una piccola tassa) fu solo una delle province che si sollevarono nel 1793, così come la valle del Rodano, dove i disordini erano endemici dal 1790 e sarebbero durati fino al 1818. Nel giugno 1793, le città di Bordeaux, Marsiglia, Tolosa, Nîmes e Lione, così come la Normandia, videro lo sviluppo di insurrezioni federaliste e realiste.

Il campo repubblicano si divise allora tra Girondini e Montagnardi, che si accusarono a vicenda di favorire la Controrivoluzione. Mentre gli insorti bretoni vengono schiacciati da Canclaux nell'estremo ovest, dal generale Jean-Michel Beysser tra Rennes e Nantes (le agitazioni riprenderanno solo alla fine del 1793, sotto forma di Chouannerie), Se l'agitazione è stata repressa in Alsazia, a sud della Loira, gli insorti della Vandea non solo sono riusciti ad aggirare le guardie nazionali, troppo poche, e a conquistare diverse città, ma hanno anche battuto una colonna di soldati professionisti il 19 marzo.

Inviati ad accompagnare il sollevamento di 300.000 uomini, gli inviati della Convenzione furono allarmati dallo spettacolo delle rivolte, che drammatizzarono, accusando di complicità le autorità locali, spesso moderate, e chiedendo a Parigi misure energiche. Considerando che la Controrivoluzione era all'opera ovunque, organizzando complotti, e che le rivolte formavano un insieme organizzato, la "Vandea militare" divenne il simbolo di questa Controrivoluzione.

Questa concezione è stata ripresa sia da scrittori realisti e cattolici, per "magnificarla", sia da scrittori e storici repubblicani nel XIX e all'inizio del XX secolo. Questa costruzione ha ancora effetti importanti sullo sviluppo delle identità locali e regionali: così, molti vandeani hanno interiorizzato un'identità fortemente segnata dalla religione, o addirittura una nostalgia per un Ancien Régime folcloristico - due aspetti che, come abbiamo visto, non corrispondono però alle origini dell'insurrezione del 1793. Allo stesso modo, l'identità dell'abitante della città di Nantes si sviluppò, tra l'altro, in relazione al "ventre" della Vandea, l'abitante della campagna, che fu sempre sospettato di essere legato alla regalità e che era di moda deridere.

In conclusione, l'insurrezione vandeana non nacque da un'unica causa, ma da molteplici fattori, tutti legati al crescente malcontento popolare. L'origine di questa insurrezione non risiede, almeno per i contadini e gli artigiani che ne erano all'origine, in alcuna nostalgia dell'Ancien Régime. Delusioni e frustrazioni, accumulate per diversi anni; l'arrivo di una nuova gerarchia amministrativa, una borghesia cittadina che monopolizzava il potere politico ed economico; l'aggravarsi della situazione dei contadini; le difficoltà economiche e sociali, con il cambio forzato della moneta; la messa in discussione delle comunità contadine e delle loro pratiche religiose; tutto questo costituiva un insieme di fattori, di cui la coscrizione era solo l'ultima goccia, che permetteva di spiegare perché si riunissero le prime bande di artigiani e contadini.

Guerre di Vandea e Chouannerie

Pur avendo punti in comune, le guerre di Vandea devono essere distinte dalle azioni della Chouannerie. Mentre a nord della Loira l'insurrezione contro l'argine di massa fu sedata nel marzo 1793, a sud del fiume gli insorti ebbero la meglio sulle truppe repubblicane e si organizzarono in un "esercito cattolico e reale" all'interno del territorio che controllavano; queste guerre erano tra due eserciti inquadrati. La ripresa del conflitto a nord della Loira avvenne alla fine del 1793, dopo la Virée de Galerne, e vide lo sviluppo di una moltitudine di movimenti di resistenza locali organizzati in guerriglia in Bretagna, Maine, Anjou e Normandia. Tuttavia, furono gli stessi motivi che portarono alla rivolta.

Insurrezione di massa contro la levata nel marzo 1793

Nel marzo del 1793, una dozzina di dipartimenti del nord-ovest della Francia furono scossi da una vasta insurrezione contadina contro il prelievo di massa: la Vandea, la Loira Atlantica (allora Loira-Inférieure), la Maine-et-Loire (allora Mayenne-et-Loire), il Morbihan, le Deux-Sèvres e, più parzialmente, la Mayenne, l'Ille-et-Vilaine, le Côtes-d'Armor (allora Côtes-du-Nord), il Finistère e la Sarthe.

I primi disordini iniziarono a Cholet domenica 3 marzo, quando 500-600 giovani del cantone riuniti dal distretto "per conoscere le condizioni di reclutamento del contingente locale per la leva di 300.000 uomini" manifestarono il loro rifiuto di partire. Il giorno successivo la situazione è degenerata: due granatieri sono stati feriti e le guardie nazionali hanno risposto aprendo il fuoco sulla folla, uccidendo da tre a dieci persone. Viene versato il primo sangue della guerra di Vandea.

Il 10 e l'11 marzo l'insurrezione divenne generale. In Angiò, nel dipartimento di Maine-et-Loire, gli insorti presero a capo ex soldati come Jean-Nicolas Stofflet e Jean Perdriau, ex ufficiali dell'esercito reale come Charles de Bonchamps e Maurice d'Elbée e Jacques Cathelineau, un semplice ambulante. Presero Saint-Florent-le-Vieil il 12 marzo, poi Chemillé e Jallais il 13 marzo, dove fecero prigionieri e si impadronirono di armi e cannoni. Il 14 marzo, 15.000 contadini assaltarono la città di Cholet, difesa da sole 500 guardie nazionali, che furono tutte uccise o fatte prigioniere. Più di 2.000 guardie nazionali si mossero allora da Saumur per riprendere la città, ma furono respinte il 16 marzo a Coron dagli insorti che poi presero Vihiers. Il 21 marzo, tutte le bande dell'Angiò si riunirono a Chemillé, formando almeno 20.000 uomini, e marciarono su Chalonnes-sur-Loire. Le 4.000 guardie nazionali riunite per difenderla si ritirarono ad Angers senza combattere e la città fu conquistata il giorno dopo dagli insorti che controllarono poi tutte le Mauges.

Nel Pays de Retz, nel sud della Loira Atlantica, migliaia di contadini si impadronirono di Machecoul l'11 marzo dopo una lotta contro le Guardie Nazionali. Gli insorti istituirono allora un comitato realista presieduto da René Souchu, mentre un nobile, Louis-Marie de La Roche Saint-André, fu costretto a guidare le truppe. Il 12 marzo, un'altra banda guidata da Danguy, La Cathelinière e Guérin attaccò Paimbœuf, ma fu respinta dai patrioti. Il 23 marzo, le forze di La Roche Saint-André e La Cathelinière attaccano insieme la città di Pornic. La conquistarono dopo una breve battaglia, ma gli insorti si ubriacarono per festeggiare la vittoria e furono sorpresi la sera da un piccolo distaccamento repubblicano che seminò il panico tra le loro fila e li sbaragliò. Circa 200-500 insorti sono morti, uccisi in battaglia o giustiziati dopo essere stati catturati. Accusato da Souchu e da altri leader di essere responsabile della sconfitta, La Roche Saint-André fuggì e fu sostituito da un altro nobile, François Athanase Charette de La Contrie. Il 27 marzo, quest'ultimo lanciò un contrattacco con 8.000 contadini e riprese il controllo di Pornic. In questo periodo a Machecoul, come rappresaglia per la sconfitta e le esecuzioni di Pornic, il comitato istituito da Souchu fece fucilare tra il 27 marzo e il 22 aprile dai 150 ai 200 prigionieri patrioti.

Nel dipartimento della Vandea, in Poitou, gli insorti si sono impadroniti di Tiffauges il 12 marzo. Il 13 marzo presero Challans, Les Herbiers e Mortagne-sur-Sèvre senza combattere, e poi presero Montaigu dopo un breve scontro. Il 14 marzo La Roche-sur-Yon fu abbandonata dai patrioti e Palluau cadde in mano agli insorti. Il 15 marzo, Chantonnay e Clisson furono prese a turno. Nel frattempo, il 12 marzo, 3.000 insorti provenienti dal sud della Vandea, guidati da Charles de Royrand, Sapinaud de La Verrie e Sapinaud de La Rairie, presero posizione a Quatre-Chemins, L'Oie, all'incrocio delle strade da Nantes a La Rochelle e da Les Sables-d'Olonne a Saumur. Due giorni dopo, volendo combattere per il controllo, la guardia nazionale della città della contea, Fontenay-le-Comte, sorpresa in un'imboscata, fuggì senza combattere.

Il 15 marzo, una colonna di 2.400 guardie nazionali comandate dal generale Louis de Marcé lasciò La Rochelle per reprimere l'insurrezione in Vandea. Il 18 marzo, il gruppo ha strappato Chantonnay agli insorti e poi è avanzato verso Saint-Fulgent. Ma il 19 marzo la colonna fu sorpresa al ponte di Gravereau, vicino a Saint-Vincent-Sterlanges, e fu messa in fuga dalle forze di Royrand e Sapinaud de La Verrie. I repubblicani tornarono a La Rochelle dove Marcé fu deposto, messo agli arresti e sostituito da Henri de Boulard. Accusato di "tradimento", fu ghigliottinato sei mesi dopo a Parigi. La battaglia, nota come "Pont-Charrault", ebbe un enorme impatto psicologico che arrivò fino a Parigi. Essendo la disfatta avvenuta nel cuore del dipartimento della Vandea, tutti gli insorti dell'ovest furono da allora in poi chiamati "vandeani".

Il 19 marzo, gli insorti si impadronirono facilmente dell'isola di Noirmoutier. Il 24 e il 29 marzo, diverse migliaia di contadini guidati da Jean-Baptiste Joly effettuarono due attacchi a Les Sables-d'Olonne. Tuttavia, l'artiglieria repubblicana sbaragliò gli insorti che fuggirono lasciando centinaia di morti e un centinaio di prigionieri, 45 dei quali furono poi giustiziati.

In questo periodo si combatte anche a nord della Loira, ma a vantaggio dei patrioti. Alla fine di marzo, l'insurrezione fu sedata in Bretagna dalle colonne dei generali Canclaux e Beysser.

Organizzazione e forze

Alla fine di marzo, la "Vandea militare" era ampiamente definita: il territorio dell'insurrezione comprendeva il sud del dipartimento della Loira-Inférieure (ex provincia della Bretagna), il sud-ovest del dipartimento del Maine-et-Loire (ex provincia dell'Anjou), il nord del dipartimento della Vandea e il nord-ovest del dipartimento delle Deux-Sèvres (ex provincia del Poitou).

L'esercito insurrezionale era scarsamente centralizzato, mal equipaggiato - la maggior parte delle armi e delle munizioni provenivano dalla guerra sottratte ai repubblicani - e non permanente, con i contadini che tornavano alle loro terre non appena potevano dopo i combattimenti. Tuttavia, soldati professionisti, disertori dell'esercito repubblicano, si unirono ad esso, portando la loro esperienza. Alla ricerca di leader militarmente competenti, gli insorti fecero appello ai nobili locali, spesso ex ufficiali dell'esercito reale, ma la maggior parte di essi mostrò scarso entusiasmo per l'insurrezione e fu addestrata con la forza.

Gradualmente vennero create strutture militari. Il 4 aprile furono istituite un'"Armata d'Angiò" e un'"Armata del Poitou e del Centro". Il 30 aprile si unirono per formare l'Esercito Cattolico e Reale, ma senza un comando unificato. Il 30 maggio, gli insorti si strutturarono ulteriormente formando a Châtillon-sur-Sèvre un Consiglio superiore della Vandea, responsabile dell'amministrazione dei territori conquistati, e riorganizzando l'esercito in tre rami:

Un esercito "popolare", che trovò sostegno sia logistico che militare tra il piccolo popolo delle campagne. I famosi "mulini della Vandea", le cui ali venivano utilizzate per avvisare i movimenti delle truppe governative, ne sono un esempio.

La strategia di combattimento, basata su operazioni di disturbo, era organizzata intorno alle risorse fornite dal bocage, che era presente ovunque: composto da siepi e sentieri incassati, facilitava le imboscate e ostacolava le manovre delle grandi unità dell'esercito rivoluzionario.

Le difese repubblicane si basavano su diverse città intorno alla Vandea militare: le principali erano Nantes e Angers a nord, Saumur, Thouars e Parthenay a est, e Les Sables-d'Olonne, Luçon e Fontenay-le-Comte a sud. Ad eccezione di Nantes, che era sotto il comando dell'Armée des côtes de Brest sotto il generale Canclaux, tutte le altre guarnigioni erano attaccate all'Armée des côtes de La Rochelle, il cui comando era esercitato successivamente dai generali Berruyer, Beaufranchet d'Ayat e Biron.

All'inizio del conflitto, le forze repubblicane erano costituite da guardie nazionali locali e da truppe di linea posizionate sulla costa per contrastare eventuali incursioni britanniche. Seguirono diverse ondate di rinforzi, tra cui 15 battaglioni parigini e la Legione germanica in aprile, l'Armata di Magonza in agosto e due colonne dell'Armée du Nord in novembre. Il numero delle truppe repubblicane non è noto con precisione, ma è stimato tra i 9.000 e i 17.000 uomini nella primavera del 1793, tra i 20.000 e i 30.000 uomini il 15 agosto 1793, tra i 40.000 e i 70.000 uomini il 30 ottobre 1793 e tra i 55.000 e i 98.000 uomini il 30 gennaio 1794. In totale, la forza teorica cumulativa delle forze repubblicane a ovest avrebbe raggiunto i 130.000-150.000 uomini tra il 1793 e il 1796.

Fallimento dell'offensiva repubblicana in aprile

Il 17 marzo, a Parigi, la Convenzione Nazionale viene informata delle rivolte che agitano la Bretagna, l'Angiò, il Bas-Maine e il Poitou. Ha immediatamente decretato la pena di morte per qualsiasi insorto sorpreso con le armi in mano o con la coccarda bianca. Per una coincidenza del calendario, il giorno successivo il deputato Lasource fa una relazione sull'Associazione bretone di Armand Tuffin de La Rouërie. I deputati fecero un collegamento tra i due casi e dedussero, a torto, un complotto ordito dai nobili e dal clero.

Il 23 marzo, il Consiglio esecutivo e il Comitato di sicurezza generale consegnarono il comando delle truppe responsabili della repressione in Vandea al generale Jean-François Berruyer. Fu sostenuto dal rappresentante Goupilleau de Montaigu e furono inviati 15.000 uomini di rinforzo. Arrivato all'inizio di aprile ad Angers, Berruyer divise le sue truppe in tre corpi d'armata. La prima, con 4.000 uomini, era comandata da Gauvilliers, la seconda, con lo stesso numero di uomini, era guidata dallo stesso Berruyer, mentre la terza, con 8.000 soldati, era a Vihiers sotto il comando di Leigonyer. Inoltre, il generale Quétineau occupò Bressuire più a sud con 3.000 guardie nazionali.

All'inizio di aprile, le colonne partirono con l'obiettivo di spingere i ribelli verso il mare. L'11 aprile, Berruyer, che aveva lasciato Saint-Lambert-du-Lattay, arrivò a Chemillé dove incontrò le forze di d'Elbée. I repubblicani furono inizialmente respinti, ma i vandeani abbandonarono la città e si ritirarono a Mortagne. A nord, Bonchamps si ritirò davanti alle forze di Gauvilliers e ripiegò sulla stessa città. Da parte sua, Stofflet affrontò Leigonyer a Coron, ma questi dovette a sua volta ritirarsi a Mortagne dopo tre giorni di combattimenti.

L'offensiva di Berruyer sembrò avere successo, ma anche i contadini della Gâtine, nelle Deux-Sèvres, si rivoltarono in quel periodo e presero a capo Henri de La Rochejaquelein. Quest'ultimo, alla testa di 3.000 uomini, attaccò e sconfisse le truppe di Quétineau a Les Aubiers il 13 aprile. Il generale repubblicano si ritirò a Bressuire, mentre La Rochejaquelein partì per rinforzare le truppe insurrezionali a Mortagne. Tuttavia, Berruyer esitò a lanciare un'offensiva generale, troppo preoccupato per il cattivo stato delle sue truppe e ignaro del fatto che la situazione dei vandeani era molto più allarmante della sua. Anche i capi realisti approfittarono di questa tregua per attaccare le colonne repubblicane una dopo l'altra. Il 19 aprile si gettarono su Leigonyer a Vezins e sbaragliarono le sue truppe. Informato, Berruyer ordinò una ritirata generale verso Les Ponts-de-Cé, lasciando però Gauvilliers isolato a Beaupréau. Quest'ultimo si trovò circondato dai vandeani e fu schiacciato il 22 aprile, lasciando più di 1.000 prigionieri. L'offensiva repubblicana in Angiò fu un fallimento e tutte le forze di Berruyer si ritirarono ad Angers.

Tuttavia, nel Bas-Poitou e nel Pays de Retz, i repubblicani ottennero alcuni successi. Il 7 aprile, il generale Henri de Boulard lascia Les Sables d'Olonne con 4.280 uomini. L'8 prese La Mothe-Achard, il quartier generale di Joly, poi entrò a Saint-Gilles-Croix-de-Vie il 9 senza incontrare resistenza. I repubblicani respinsero quindi un contrattacco delle truppe di Joly davanti a Saint-Gilles il 10, poi presero Saint-Hilaire-de-Riez l'11 ed entrarono a Challans, abbandonata dagli insorti, il 12. Il giorno successivo, le forze combinate di Charette e Joly contrattaccarono per riprendere la città, ma furono respinte. Il 14 aprile i repubblicani raggiunsero la città di Saint-Gervais e il giorno successivo respinsero un nuovo attacco delle forze di Charette e Joly. Tuttavia, all'esercito di Boulard, giudicato troppo isolato e lontano dalle sue basi, fu ordinato di ritirarsi. Il generale repubblicano fu così costretto ad abbandonare le località conquistate e si ritirò a La Mothe-Achard tra il 20 e il 22 aprile.

Più a nord, il generale Beysser lasciò Nantes il 20 aprile con 3.200 soldati. Si impadronì immediatamente di Port-Saint-Père, il quartier generale di La Cathelinière. Il 22 arrivò davanti a Machecoul dove l'esercito di Charette, demoralizzato dalle sconfitte di Challans e Saint-Gervais, si ritirò quasi senza combattere e abbandonò la città ai repubblicani. René Souchu fu catturato e decapitato con un'ascia. Il 23 aprile, un distaccamento rioccupa Challans. Il 25, gli insorti dell'isola di Noirmoutier si sottomettono dopo uno sbarco di truppe marine della squadra di Villaret-Joyeuse e una convocazione del generale Beysser. Il 26 aprile, Pornic, ormai isolata, viene abbandonata dagli insorti. L'intera costa era allora controllata dai repubblicani.

Le vittorie vandeane di maggio e giugno

Il mese di maggio 1793 si aprì con una grande offensiva dei vandeani dell'esercito d'Angiò e dell'Haut-Poitou, nota come "Grande Armée" guidata da Cathelineau, Bonchamps, D'Elbée, Stofflet e La Rochejaquelein. Il 3 maggio, il generale Quétineau dovette abbandonare Bressuire, lasciando dietro di sé un ricco deposito di munizioni e prigionieri, tra cui Louis de Lescure e Bernard de Marigny che si unirono all'esercito. Il generale Quétineau si trincerò con più di 5.000 uomini nella città di Thouars, ma il luogo fu attaccato due giorni dopo da circa 30.000 vandeani. Dopo una sanguinosa battaglia, Quétineau si arrese, per cui fu condannato a morte in dicembre dal Tribunale rivoluzionario. Fu rilasciato con i suoi uomini in cambio del giuramento di non combattere più in Vandea. La vittoria in Vandea ebbe un grande impatto, i ribelli si impadronirono di migliaia di fucili, munizioni, 12 cannoni e un tesoro di 500.000 livres.

L'esercito vandeano lasciò Thouars il 9 maggio e proseguì verso sud: l'11 si impadronì di Parthenay e il 13 La Châtaigneraie fu presa e saccheggiata dopo una battaglia contro i 3.000 uomini del generale Chalbos. Ma molti soldati contadini scelsero di tornare a casa e l'esercito cattolico e reale si disintegrò man mano che si allontanava dal bocage. Il 16 maggio, davanti a Fontenay-le-Comte, i vandeani erano meno di 8.000 contro le forze di Chalbos, Sandoz e Nouvion. Abituati a combattere nel bocage e non in pianura, i vandeani furono respinti dai repubblicani, lasciando dietro di sé circa 100 morti.

Vittorioso, Chalbos riconquistò La Châtaigneraie, ma la abbandonò il 24 maggio quando l'esercito cattolico e reale, riformato nel bocage e forte ormai di oltre 30.000 uomini, tornò il 25 a Fontenay-le-Comte per vendicare la sconfitta. Troppo poco numeroso, l'esercito repubblicano fu sbaragliato dopo una breve battaglia e 3.000 soldati furono fatti prigionieri. Come a Thouars, questi ultimi furono rilasciati dietro giuramento di non riprendere le armi. I vandeani occupano Fontenay-le-Comte, ma abbandonano la città tra il 28 e il 30 maggio.

La settimana successiva, lo stato maggiore della Grande Armée decise di attaccare la città di Saumur. Il 6 giugno, un'avanguardia di 1.500 repubblicani fu sconfitta a Vihiers, il 7 Doué-la-Fontaine fu invasa e l'8 giugno i rinforzi repubblicani provenienti da Thouars furono dispersi a Montreuil-Bellay. Il 9 giugno, i vandeani arrivarono davanti a Saumur, che fu presa d'assalto. Circa 1.500 repubblicani e 500 insorti vengono uccisi o feriti. I vandeani fecero anche 11.000 prigionieri e sequestrarono un enorme bottino: 15.000 fucili, 60 cannoni e 50.000 libbre di polvere. I prigionieri repubblicani furono rilasciati dopo aver giurato di non combattere l'esercito cattolico e reale. Vengono anche tosati in modo da poterli riconoscere se tradiscono la loro promessa. La disfatta dei blu fu tale che i distaccamenti realisti si impadronirono brevemente di Chinon e Loudun senza combattere e che quattro cavalieri da soli riuscirono a prendere La Flèche per qualche ora.

A Saumur lo stato maggiore realista era indeciso se marciare su Nantes, Parigi o Niort per distruggere l'esercito di Biron, il nuovo generale in capo dell'esercito delle coste di La Rochelle. Per garantire la coesione dell'insieme, i capi - provenienti dalla piccola nobiltà - eleggono il 12 giugno un popolano, Cathelineau, "generalissimo" dell'esercito cattolico e reale. Ma il 12 giugno 20.000 dei 30.000 contadini riuniti tornarono a casa e il 25 giugno la guarnigione rimasta al comando di La Rochejaquelein contava solo otto uomini. Questi ultimi evacuarono quindi Saumur, che fu rioccupata il 26 giugno dai repubblicani.

Anche all'altro capo della Vandea, nel Bas-Poitou e nel Pays de Retz, i combattimenti si rivoltarono contro i repubblicani, nonostante alcuni successi iniziali. Il 29 aprile, il generale repubblicano Henri de Boulard lasciò La Mothe-Achard con più di 1.600 uomini e disperse le forze di Joly a Beaulieu-sous-la-Roche. Raggiunse quindi Palluau nella notte tra il 30 aprile e il 1° maggio. Da parte sua, il leader vandeano Charette si è stabilito a Legé dopo la debacle a Machecoul. Il 30 aprile fu attaccato da un distaccamento di Nantes, ma respinse l'assalto. Il generale Jean-Baptiste-Camille de Canclaux, comandante in capo dell'armata del litorale di Brest, pianificò allora una nuova offensiva da lanciare da Machecoul, Palluau, Challans e Saint-Colombin, da quattro colonne comandate rispettivamente da Beysser, Boulard, Baudry d'Asson e Laborie. Il 5 maggio, i repubblicani entrarono a Legé, che trovarono vuota di combattenti vandeani. Lasciarono lì una piccola guarnigione e tornarono ai loro alloggi originari, ma il 7 maggio la colonna di Laborie fu attaccata di sorpresa e sbaragliata dalle truppe di Charette a Saint-Colombin. Su ordine di Canclaux, Legé viene evacuata il 9 maggio e reinvestita la sera stessa da Charette. Il 12 maggio Port-Saint-Père fu attaccata da La Cathelinière, ma Canclaux arrivò con i rinforzi da Nantes e respinse l'assalto. Il 15 maggio, Charette e Joly attaccarono Palluau, ma furono anch'essi respinti dalle forze di Boulard, sebbene in forte inferiorità numerica. Indebolito dalle diserzioni delle sue truppe, Boulard abbandonò la città il 17 maggio e si ritirò nuovamente a La Mothe-Achard. Il suo secondo in comando, Baudry d'Asson, evacuò Challans e Saint-Gilles-sur-Vie il 29 maggio e tornò a Les Sables-d'Olonne. Non più minacciate dall'esercito di Les Sables, le forze vandeane di Charette, La Cathelinière e Vrignault radunarono da 12.000 a 15.000 uomini a Legé e partirono per attaccare Machecoul il 10 giugno. Con soli 1.300 uomini, la guarnigione repubblicana fuggì a Nantes, lasciandosi dietro tutti i cannoni, almeno un centinaio di morti e 500 prigionieri. I repubblicani abbandonarono anche Port-Saint-Père, aprendo così la strada a Nantes.

Il fallito assalto a Nantes

La "Grande Armée", che aveva lasciato Saumur, scese la Loira ed entrò ad Angers il 18 giugno, abbandonata dai 5.000 uomini della guarnigione. Charette gli scrisse allora proponendogli di prendere con sé Nantes, il suo porto e le sue ricchezze. Senza aspettare, avanzò con le sue forze.

A Nantes, nonostante la divisione tra il popolo (Montagnard) e la borghesia del commercio e del bar (Girondine), gli abitanti si rifiutarono di evacuare la città, come ordinato dagli inviati in missione. Organizzarono la resistenza, raccogliendo tutti i cannoni e le barche disponibili, costruendo ridotte e fossati. Al fianco del sindaco Baco de la Chapelle, il generale Canclaux, a capo dell'esercito del litorale di Brest, radunò 3.000 uomini di linea e di cavalleria, a cui si aggiunsero 2.000 volontari, 5.000 guardie nazionali e 2.000 operai addetti alla riparazione delle armi, per un totale di 12.000 uomini, contro i 15.000 uomini dell'esercito del Bas-Poitou e del Pays de Retz comandato da Charette sulla riva sinistra della Loira e i 18.000 uomini della "Grande Armata" sulla riva destra, guidata da Cathelineau. Di fronte a questa resistenza e alla mancanza di coordinamento dei realisti, l'attacco a Nantes del 28 e 29 giugno fallì. Cathelineau fu ferito a morte e i contadini demoralizzati si ritirarono.

Allo stesso tempo, Biron, generale in capo dell'esercito costiero di La Rochelle, ordinò a Westermann di condurre un'incursione diversiva nel cuore della "Vandea militare". Alla testa di un piccolo esercito, Westermann attaccò Parthenay il 25 giugno, poi catturò Châtillon, la capitale degli insorti, il 3 luglio. Liberò 2.000 prigionieri repubblicani, saccheggiò i negozi degli insorti e sequestrò gli archivi del Conseil supérieur des Blancs.

Riunita a Cholet dopo la sconfitta di Nantes, la "Grande Armée" contrattacca con 25.000 uomini. I vandeani annientarono le forze di Westermann, che si salvò con poche centinaia di uomini, e ripresero Châtillon il 5 luglio. Sebbene mal condotta, l'incursione repubblicana impedì ai Bianchi di tentare un secondo assalto a Nantes. Per proteggere il loro territorio, gli insorti si spostarono in massa sulla riva sinistra della Loira. Angers, Saumur, Thouars e Fontenay-le-Comte furono gradualmente abbandonate e riprese senza combattere dai patrioti.

Battaglie indecise in luglio e agosto

Nei mesi di luglio e agosto i combattimenti furono indecisi e le offensive di entrambe le parti furono contenute. Dopo aver lasciato Saumur, i repubblicani ebbero successo a Martigné-Briand e presero Vihiers il 15 luglio. Ma tre giorni dopo furono schiacciati da un contrattacco vandeano e centinaia di soldati furono fatti prigionieri.

Da parte sua, lo stato maggiore vandeano era diviso sulla condotta delle operazioni. Bonchamps raccomandava un'offensiva verso nord per provocare un'insurrezione in Bretagna e nel Maine, mentre D'Elbée, il nuovo generalissimo, era favorevole a un attacco alle città del sud, considerate più vulnerabili, per impadronirsi del porto di La Rochelle.

Mentre le truppe di Bonchamps combattevano senza risultati alla periferia di Angers, il resto dell'esercito guidato da d'Elbée tentò un attacco a sud su Luçon per respingere un'incursione dei repubblicani del generale Tuncq che avevano bruciato Chantonnay. Ma il 30 luglio l'offensiva vandeana fu respinta davanti alla città. Due settimane dopo, questa volta rinforzato dalle forze di Charette, l'esercito cattolico e reale, forte di 35.000 uomini, sferrò un nuovo attacco a Luçon. Ma i 6.000 uomini del generale Tuncq sbaragliarono i vandeani, abituati a combattere nel bocage ma vulnerabili in pianura. Questi ultimi lasciarono sul campo di battaglia dai 1.500 ai 2.000 morti, contro il centinaio di morti dei repubblicani, che quel giorno subirono una delle sconfitte più pesanti. I repubblicani ripresero quindi Chantonnay, ma furono cacciati il 5 settembre da un nuovo attacco di d'Elbée.

L'intervento dell'esercito di Magonza e l'offensiva repubblicana di settembre e ottobre

Di fronte ai successi dei controrivoluzionari e per paura del contagio, Biron fu destituito e nelle settimane successive i nobili generali (Canclaux, Grouchy, Aubert-Dubayet) furono gradualmente sostituiti, su iniziativa del ministro della Guerra Bouchotte, da sans-culottes (Rossignol, Ronsin, Léchelle, ex militari, ma anche l'attore del Théâtre-Français Grammont o il birraio Santerre). Tutti loro si rivelano essere generali mediocri, a capo di un esercito "composito, mal equipaggiato, condannato al saccheggio per sopravvivere e odiato dal popolo".

I Mayençais, dal nome della guarnigione di Mayence che capitolò con gli onori all'assedio di Mayence da parte dei coalizzati il 23 luglio dopo quattro mesi di blocco e 32 giorni di trincea aperta, furono inviati come rinforzi il 1° agosto. Arrivata a Nantes il 6, 7 e 8 settembre, questa truppa disciplinata e coraggiosa, guidata dai generali Aubert-Dubayet, Kléber, Vimeux, Beaupuy e Haxo, fu posta inizialmente nell'esercito delle coste di La Rochelle e poi agli ordini di Canclaux, capo dell'esercito delle coste di Brest fino al 1° ottobre 1793. Il Comitato di salvezza pubblica invia anche nell'esercito dell'Ovest Jean-Baptiste Carrier, per completare il ripristino dell'ordine.

Da parte loro, i generali sans-culotte di Saumur e Angers cercarono di convincere gli abitanti dei territori non insorti a sollevarsi in massa contro i ribelli. Così, le operazioni possono puntualmente mescolare i civili alle truppe regolari, come il 13 settembre a Doué-la-Fontaine, dove il tocsin raduna 30 000 uomini contro i "briganti", o il 25 settembre a La Châtaigneraie.

L'8 settembre i Mayençais entrano in Vandea, Kléber alla testa dell'avanguardia respinge tutte le truppe incontrate al suo passaggio: la truppa di La Cathelinière è scacciata da Port-Saint-Père, poi le città di Machecoul e Legé sono prese senza combattere. In quest'ultima città 1.200 prigionieri repubblicani, soldati e civili, furono liberati dai Mayençais. Charette si ritirò e lasciò la palude bretone per unirsi all'esercito d'Angiò. Fu però raggiunto a Montaigu e sbaragliato. Seguendo gli ordini di distruzione, i repubblicani incendiarono le città che attraversavano. Ma il 18 settembre i 2.000 uomini di Kléber si trovarono ad affrontare l'esercito d'Angiò guidato da d'Elbée, Lescure e Bonchamps. Al termine della battaglia di Torfou, i Mayençais subirono la prima sconfitta e furono costretti a ritirarsi a Clisson. Poco dopo, il 19 e il 20 settembre, due battute d'arresto dell'Armata delle Coste di La Rochelle al comando del generale Rossignol nei villaggi di Coron e Saint-Lambert-du-Lattay completarono la rovina del piano di Canclaux, che fu costretto a rinunciare a un contrattacco e a ritirare tutte le sue truppe a Clisson.

In seguito a questi insuccessi, Canclaux diede ordine di ritirata generale verso Nantes, Clisson fu evacuata e bruciata. I vandeani tentarono di bloccare la ritirata dei repubblicani, ma Lescure e Charette violarono il piano e preferirono attaccare Montaigu e Saint-Fulgent. Le truppe repubblicane di Beysser e Mieszkowski che occupavano queste due città furono sbaragliate. Ma prive di sostegno, le forze di d'Elbée e Bonchamps non poterono sperare di impedire la ritirata dei repubblicani verso Nantes e furono respinte. I repubblicani, tuttavia, lasciarono 400 feriti che furono massacrati.

Dopo il fallimento del suo primo piano, Canclaux decide di formare due importanti colonne che, partite da Nantes e Niort, dovranno unirsi a Cholet. Tuttavia, Canclaux fu destituito dal Comité de salut public, che decretò anche la fusione dell'Armée des côtes de La Rochelle, dell'Armée de Mayence e della parte di Nantes dell'Armée des côtes de Brest per formare l'Armée de l'Ouest, posta sotto il comando del generale Léchelle. Quest'ultimo si dimostrò subito un generale incompetente e alcuni rappresentanti in missione lasciarono ufficiosamente la direzione della colonna di Nantes al generale Kléber.

All'inizio di ottobre, nonostante il licenziamento del suo autore, il secondo piano di Canclaux viene portato a termine con successo. Lasciata Nantes, la colonna dell'armata di Mayence e Brest riconquistò Montaigu, Clisson e Saint-Fulgent senza incontrare resistenza, poi sconfisse i vandeani di d'Elbée e Bonchamps a Treize-Septiers il 6 ottobre. Da sud, gli 11.000 uomini della colonna Niort, comandati da Chalbos e Westermann, sconfissero le forze di Lescure, La Rochejaquelein e Stofflet il 9 ottobre e presero Châtillon. I vandeani contrattaccarono due giorni dopo e riuscirono a cacciare i repubblicani dalla loro "capitale", ma la città, quasi completamente distrutta dai combattimenti, fu poi abbandonata. Da parte sua, la piccola colonna del generale Bard proveniente da Luçon mise in fuga l'esercito di Royrand, che si ritirò nell'Anjou.

Gli eserciti vandeani di Anjou, Haut-Poitou e Centre si riuniscono a Cholet. Il 15 ottobre i Mayençais attaccarono la città. Il generale Lescure fu gravemente ferito e i vandeani sconfitti evacuarono la città e si ritirarono a Beaupréau. Le due colonne repubblicane si congiunsero a Cholet in serata; le forze raccolte in città erano allora di 26 000 uomini.

Il giorno successivo, i generali vandeani decisero di riprendere Cholet. Solo il principe di Talmont attraversò la Loira con 4.000 uomini per impadronirsi di Varades e garantire la ritirata dell'esercito in Bretagna in caso di sconfitta.

Il 17 ottobre, 40.000 vandeani attaccarono Cholet. La battaglia fu a lungo indecisa, ma dopo diversi assalti che si conclusero con un corpo a corpo, i vandeani furono respinti. Entrambe le parti lasciarono sul campo di battaglia migliaia di morti e feriti. I generali vandeani d'Elbée e Bonchamps furono gravemente feriti.

L'attraversamento della Loira e la marcia verso Granville

Sconfitti a Cholet, i vandeani si ritirarono a Beaupréau, poi a Saint-Florent-le-Vieil, lasciando dietro di sé 400 feriti che furono finiti dagli uomini di Westermann. I vandeani decisero allora di attraversare la Loira nella speranza di insorgere in Bretagna e nel Maine e di ottenere uno sbarco di truppe britanniche impadronendosi di un porto sulla costa della Manica.

In una notte, il 18 ottobre, La Rochejaquelein, il nuovo generalissimo, fece attraversare la Loira a tutte le sue truppe: da 20.000 a 30.000 combattenti accompagnati da 15.000-60.000 non combattenti (feriti, vecchi, donne e bambini, ecc.), cioè tra 60.000 e 100.000 persone in totale. Questo fu l'inizio della "Virée de Galerne" (versione francese di gwalarn, il nome del vento del nord in bretone).

Durante la traversata, il generale Bonchamps, morente, riuscì a impedire il massacro di 5.000 prigionieri repubblicani che i suoi uomini volevano fucilare. Impossibilitati ad attraversare il fiume, i prigionieri furono rilasciati mentre il generale Bonchamps morì poche ore dopo per le ferite riportate.

Arrivati a nord del fiume, i vandeani avanzarono su Laval, respingendo facilmente le guarnigioni locali e le guardie nazionali frettolosamente radunate dalle autorità. Laval è stata presa il 22 ottobre. Nei giorni successivi, circa 6.000-10.000 Bretoni e Mainioti si unirono all'esercito cattolico e reale, all'interno del quale furono chiamati "Petite Vendée". L'esercito dell'Ovest si lanciò all'inseguimento dei ribelli, ad eccezione della divisione del generale Haxo, che rimase in Vandea per combattere le forze di Charette. Il 25 ottobre, senza attendere i rinforzi, l'avanguardia comandata da Westermann attaccò Laval, ma fu sbaragliata nella battaglia di Croix-Bataille. Il giorno successivo, il grosso dell'esercito repubblicano, con 20.000 soldati, passò all'offensiva. Tuttavia, l'incompetenza del generale in capo Léchelle portò a un altro disastro contro i 25.000 uomini di La Rochejacquelein. I repubblicani persero 4.000 uomini uccisi o feriti e fuggirono in direzione di Angers.

I vandeani proseguono quindi verso nord e il 1° novembre conquistano Mayenne senza combattere. Il 2 novembre, una colonna repubblicana fu schiacciata a Ernée. Il 3 novembre assaltarono Fougères. Il generale Lescure morì quel giorno a causa della ferita ricevuta a Cholet.

Dopo aver ricevuto a Fougères due emissari che portavano dispacci del governo britannico, lo stato maggiore vandeano decise di attaccare il porto di Granville. I vandeani si spostarono poi verso la Normandia passando per Dol-de-Bretagne, Pontorson e Avranches. Il 14 novembre erano di fronte a Granville. Tuttavia, nessuna nave britannica attendeva i realisti, la città si difese da sola e l'assalto fu un completo fallimento. Il 15 novembre i vandeani, scoraggiati, si ritirano. Nonostante un tentativo fallito a Villedieu-les-Poêles, i soldati si rifiutarono di obbedire ai loro capi e decisero da soli di tornare in Vandea. Lasciarono la Normandia, lasciando dietro di sé 800 sbandati che furono fucilati dai repubblicani.

Il ritorno in Vandea e l'annientamento dell'esercito cattolico e reale

Dopo la sconfitta a Entrammes, i repubblicani riorganizzarono le loro forze a Rennes. Le truppe dell'Armée de l'Ouest e dell'Armée des côtes de Brest si unirono per formare una forza di oltre 25.000 uomini, posta sotto il comando del generale Rossignol, successore del deposto Léchelle. Il 17 novembre, i repubblicani si schierarono ad Antrain e Pontorson per sbarrare la strada ai vandeani rientrati da Granville. Ma il 18 novembre, quest'ultimo schiacciò a Pontorson i 4.000 uomini del generale Tribout, che si era spinto troppo in avanti, e poi rioccupò Dol-de-Bretagne. Il 20 novembre l'esercito repubblicano sferrò un attacco generale a Dol. Ma i vandeani resistono, contrattaccano e prendono Antrain nella notte tra il 21 e il 22 novembre. I repubblicani si ritirarono a Rennes.

Ma le truppe vandeane, metà delle quali erano ferite, vecchi, donne e bambini, erano moralmente esauste e indebolite, e furono devastate dalla carestia e dalle malattie, che fecero migliaia di vittime, mentre l'esercito non era in grado di rimpiazzare le perdite, a differenza dei repubblicani, che ricevettero 6.000 uomini dall'esercito costiero di Cherbourg e 10.000 dall'esercito del nord come rinforzi.

L'esercito cattolico e reale rioccupa Fougères il 23 novembre, quindi Laval il 25. Poi marciò su Angers, l'ultima roccaforte prima della Vandea. Il 3 dicembre i realisti erano di fronte alla città, ma non riuscirono a superare i 4.000 difensori. Il 4 dicembre, l'arrivo dei rinforzi scatena il panico nelle file dei vandeani, che tolgono l'assedio. La Rochejacquelein guidò quindi le sue truppe verso La Flèche, che prese l'8 prima di respingere il contrattacco di Westermann. L'esercito si spostò quindi su Le Mans.

Il 10 dicembre la città fu conquistata dopo una breve battaglia. Esausti, i vandeani rifiutarono di partire e si riposarono, ma il 12 dicembre furono attaccati dall'esercito repubblicano, forte di 20.000-30.000 uomini, comandato da Marceau e Kléber. La battaglia durò fino al giorno successivo e degenerò in un massacro di feriti, donne e bambini. A Le Mans e sulla strada per Laval, i vandeani lasciarono dietro di sé dai 10.000 ai 15.000 morti e migliaia di prigionieri. I superstiti fuggono verso Laval, che attraversano per la terza volta, divorati dal tifo e dalla dissenteria, insultati dalla popolazione esasperata.

Il 16 dicembre, i vandeani raggiunsero le rive della Loira ad Ancenis. La Rochejaquelein e Stofflet riuscirono ad attraversare il fiume con un manipolo di uomini, ma furono immediatamente dispersi da alcuni distaccamenti repubblicani. Privi di barche, i vandeani continuarono comunque la traversata fino al giorno successivo, quando le cannoniere repubblicane di Nantes affondarono le barche. Durante questo periodo, le forze repubblicane presero posizione a Châteaubriant e a Nort-sur-Erdre, dove Westermann massacrò dai 300 ai 400 sbandati.

I vandeani erano solo 10.000-15.000, di cui 6.000-7.000 soldati, e dovettero fuggire verso ovest. Il 22 dicembre hanno preso Savenay. Il giorno dopo, i repubblicani attaccano la città. È un nuovo massacro: da 3.000 a 7.000 vandeani vengono uccisi in combattimento o giustiziati sommariamente, i repubblicani hanno solo 30 morti e 200 feriti. Le donne e i bambini furono inviati nelle prigioni di Nantes. Dopo la battaglia, tra i 661 e i 2.000 prigionieri furono fucilati a Savenay dalla Commissione Bignon.

Alla fine della Virée de Galerne, la vittoria repubblicana era ormai acquisita: dei 60.000-100.000 vandeani che avevano attraversato il fiume, solo 4.000 erano riusciti a riattraversare la Loira, 50.000 erano morti e 20.000 erano stati fatti prigionieri. I sopravvissuti, sparsi in piccole bande, si nascosero nei boschi del Maine, dell'Alta Bretagna o del Morbihan, sostenuti da alcune popolazioni locali.

Questa vittoria non rassicurò i generali e gli inviati; il lungo peregrinare di questa colonna di vandeani, quando si pensava che l'insurrezione fosse quasi schiacciata, terrorizzò il Paese. Per loro, l'intera regione era dominata dalla Controrivoluzione o dal federalismo. Ciò contribuisce a spiegare la repressione contro gli insorti. Per quanto riguarda l'intensità di questa repressione, si parla di un'esacerbazione della violenza che rende obsolete le normali regole di guerra "per un certo numero di leader politici e militari così come per i soldati e i militanti", ma in contrasto con i decreti della Convenzione (donne, bambini, vecchi e persino uomini disarmati devono, ad esempio, essere preservati), ai quali i capi militari e i rappresentanti in missione mentono regolarmente.

Le battaglie di Noirmoutier

Durante il viaggio della Galerne, in Vandea continuarono i combattimenti tra le forze repubblicane e quelle realiste del Bas-Poitou e del Pays de Retz guidate da Charette, Joly, Savin e La Cathelinière. Nell'autunno del 1793, nonostante le richieste di aiuto di d'Elbée nei giorni precedenti la battaglia di Cholet, Charette rivolse le sue forze verso l'isola di Noirmoutier. Un primo tentativo fallì il 30 settembre, ma il 12 ottobre i vandeani attraversarono la strada rialzata sommersa del Gois e ottennero la capitolazione della piccola guarnigione repubblicana. Charette formò un'amministrazione realista a Noirmoutier e vi lasciò alcune delle sue truppe prima di partire dopo tre giorni. I prigionieri repubblicani furono rinchiusi a Bouin dove il capo locale, François Pajot, ne fece massacrare diverse centinaia il 17 e 18 ottobre. Anche l'ex generalissimo Maurice d'Elbée, gravemente ferito nella battaglia di Cholet, si rifugiò a Noirmoutier all'inizio di novembre.

A Parigi, la notizia della cattura di Noirmoutier suscitò la preoccupazione del Comitato di Sicurezza Pubblica, che temeva di permettere ai vandeani di ricevere aiuto dagli inglesi. Quest'ultimo ordinò quindi al consiglio esecutivo e ai rappresentanti in missione di riprendere l'isola il prima possibile. Tuttavia, Charette tentò di inviare una goletta in Gran Bretagna solo a dicembre per prendere contatto con il governo britannico.

Il 2 novembre 1793, il consiglio di guerra dell'Armata d'Occidente incaricò il generale di brigata Nicolas Haxo di formare un corpo di 5.000-6.000 uomini per riprendere l'isola di Noirmoutier. Dopo aver messo a punto il suo piano di campagna, Haxo lasciò Nantes il 21 e 22 novembre con due colonne comandate da lui stesso e dall'aiutante generale Jordy. Contemporaneamente, un'altra colonna comandata dal generale Dutruy partì da Les Sables-d'Olonne. Il 26 novembre, Haxo prese Machecoul e Jordy catturò Port-Saint-Père dopo cinque giorni di combattimenti e cannoneggiamenti contro le forze di La Cathelinière. Jordy prese poi Sainte-Pazanne e Bourgneuf-en-Retz, e si unì con Haxo a Legé il 28 novembre. Dutruy occupò La Roche-sur-Yon, Aizenay, Le Poiré-sur-Vie e Palluau.

Da parte sua, Charette lascia il suo rifugio a Touvois e si allea con Joly e Savin. Il 27 novembre partirono per attaccare Machecoul, ma furono sorpresi nei pressi di La Garnache da una colonna di Dutruy. Joly e Savin tornarono al bocage, mentre Charette si ritirò a Beauvoir-sur-Mer con l'intenzione di rifugiarsi a Noirmoutier, ma trovò il passaggio del Gois bloccato dall'alta marea e fu costretto a rinchiudersi sull'isola di Bouin, dove fu presto circondato. Il 6 dicembre, le truppe di Haxo e Dutruy lanciarono un assalto a Bouin e in poche ore sfondarono le difese vandeane. La città di Bouin fu presa e diverse centinaia di prigionieri patrioti furono liberati. Charette sfuggì per poco all'annientamento riuscendo a fuggire attraverso le paludi con circa mille uomini. Tra Châteauneuf e Bois-de-Céné, incontrò opportunamente un piccolo convoglio repubblicano che gli permise di rifornirsi di munizioni.

Charette si è poi unita a Joly e Savin. L'8 dicembre i vandeani furono respinti a Legé, ma l'11 schiacciarono la guarnigione del campo di L'Oie. Il 12 dicembre raggiunsero Les Herbiers, dove gli ufficiali elessero Charette generale in capo dell'"Armata cattolica e reale del Bas-Poitou". Quest'ultimo decise allora di recarsi nell'Angiò e nell'Haut-Poitou per rilanciare l'insurrezione. In pochi giorni, attraversò Le Boupère, Pouzauges, Cerizay e Châtillon, per poi raggiungere Maulévrier. Tuttavia, la spedizione rimase senza esito, perché Henri de La Rochejaquelein tornò in Vandea il 16 dicembre e le regioni insorte dell'Anjou e dell'Haut-Poitou tornarono sotto la sua autorità. I due leader si incontrarono a Maulévrier il 22 dicembre. Dopo aver pensato di attaccare Cholet, Charette fece marcia indietro e tornò a Les Herbiers.

Da parte loro, i repubblicani iniziarono a pianificare l'attacco a Noirmoutier. Il 30 e il 31 dicembre, le cannonate si opposero alle batterie di artiglieria vandeane e alle navi repubblicane. Charette tentò un diversivo e si impadronì di Machecoul il 31 dicembre. Tuttavia, i repubblicani ripresero la città il 2 gennaio 1794, respingendo poi un contrattacco vandeano il giorno successivo.

La mattina del 3 gennaio 1794, 3.000 repubblicani comandati da Turreau, Haxo e Jordy sbarcarono sull'isola di Noirmoutier. Dopo aver combattuto a Barbâtre e a Pointe de la Fosse, avanzarono verso la città di Noirmoutier-en-l'Île, senza incontrare alcuna resistenza. Scoraggiati, i vandeani si arresero al generale Haxo con la promessa di non essere uccisi. Tuttavia, la capitolazione non fu rispettata dai rappresentanti della missione Prieur de la Marne, Turreau e Bourbotte, che fecero fucilare i 1.200-1.500 prigionieri nei giorni successivi. Il generale d'Elbée, ancora gravemente ferito, fu giustiziato su una poltrona.

Il Terrore a nord della Loira

Dopo la Virée de Galerne, i rappresentanti in missione Prieur de la Marne, Turreau, Bourbotte, Thirion, Bissy, Pocholle, Tréhouart e Le Carpentier istituirono commissioni militari rivoluzionarie per giudicare i prigionieri vandeani e chouan, nonché gli abitanti sospettati di complicità con i ribelli o i soldati accusati di fuga o diserzione. Altri prigionieri sono stati giudicati dai tribunali penali.

In Normandia, almeno 43 condanne a morte sono state pronunciate a Granville da una commissione militare, tredici persone sono state condannate a Coutances, mentre ad Alençon il tribunale penale ha condannato a morte 189 persone, tra cui 172 prigionieri vandeani.

Nella Sarthe, le commissioni militari e il tribunale penale si riuniscono a Sablé-sur-Sarthe, dove vengono giustiziate 42 persone, e a Le Mans, dove vengono ghigliottinate o fucilate 185 persone. A Mayenne, 243 uomini e 82 donne furono giustiziati a Laval e 116 uomini e 21 donne a Mayenne, Ernée, Lassay-les-Châteaux, Craon e Château-Gontier. In totale, 1.325 persone sono state processate in questo dipartimento dalla Commissione rivoluzionaria e 454 sono state condannate e ghigliottinate. Altre 40 condanne a morte sono state pronunciate dalle commissioni Proust e Félix, provenienti da Anjou.

Nell'Ille-et-Vilaine sono state istituite tre commissioni militari. La commissione Brutus Magnier processò 744 persone (tra cui 258 soldati) a Rennes, Fougères e Antrain tra il 21 novembre 1793 e il 5 giugno 1794, emettendo 267 o 268 condanne a morte, tra cui 19 donne. Di tutti i soldati, 169 sono stati assolti, 2 condannati a morte, 41 ai ferri e 46 al carcere. La commissione Vaugeois si riunì a Rennes e Vitré, pronunciò 84 condanne a morte, 33 ai ferri, 31 alla detenzione e 391 assoluzioni. In particolare condannò a morte il principe di Talmont, generale della cavalleria vandeana, che fu ghigliottinato a Laval. A Saint-Malo, le cifre della commissione militare di Port-Malo o commissione O'Brien sono meno note, sono stati identificati almeno 88 condannati a morte, anche se ci sono state più di 200 esecuzioni secondo il rappresentante Laplanche. Inoltre, a Rennes, il tribunale penale ha condannato a morte 76 uomini e 11 donne, 80 persone hanno ricevuto pene diverse e 331 sono state assolte. Un numero significativo di prigionieri muore anche di tifo o di ferite nelle carceri.

Il Terrore di Nantes

La fine della Virée de Galerne segnò l'inizio di una politica di sanguinose rappresaglie. Inviato in missione nei cinque dipartimenti bretoni con decreto del 14 agosto 1793, Jean-Baptiste Carrier fu insediato a Nantes con decreto del Comitato di Pubblica Sicurezza del 29 settembre (dove rimase nonostante un nuovo decreto del 13 ottobre, che lo assegnava all'armata d'Occidente con Bourbotte, Francastel e Turreau, cugino del generale). Quando arrivò l'8 ottobre, trovò una città profondamente divisa tra i suoi elementi popolari e i suoi notabili. Alla fine di settembre e all'inizio di ottobre, il suo predecessore, Philippeaux, aveva destituito le amministrazioni elette nel dicembre 1792 e creato un comitato e un tribunale rivoluzionario; questo tribunale formò la compagnia Marat, un piccolo esercito rivoluzionario di circa sessanta uomini reclutati nel porto.

Con gli strumenti di una politica del terrore a sua disposizione, Carrier utilizzò il grano requisito dalla Vandea per sfamare l'esercito e la popolazione di Nantes, creò una polizia segreta, in concorrenza con la compagnia di Marat, e semplificò la procedura del Tribunale rivoluzionario, che portò alla ghigliottina 144 persone sospettate di complicità con i vandeani nel novembre e dicembre 1793.

Nel dicembre 1793, la città di Nantes, guidata dal rappresentante Jean-Baptiste Carrier, vide arrivare tra le sue mura un flusso di prigionieri vandeani, catturati durante la Virée de Galerne. Questi ultimi, tra gli 8.000 e i 9.000 uomini, donne e bambini, furono stipati nella prigione dell'Entrepôt des Cafés. Le condizioni sanitarie erano terribili e il medico Pariset descrisse i prigionieri come "spettri pallidi ed emaciati, che giacevano e barcollavano sul pavimento come se fossero ubriachi o malati di peste". Un'epidemia di tifo scoppiò rapidamente nelle prigioni di Nantes, uccidendo 3.000 prigionieri, di cui 2.000 nel magazzino, oltre a guardie e medici, e minacciando di diffondersi in città. La Carrier di rappresentanza ha quindi fatto ricorso ad annegamenti di massa e a sparatorie per svuotare il magazzino e le banchine. Dal 16 dicembre 1793 al 27 febbraio 1794, gli annegamenti a Nantes causarono tra i 1.800 e i 4.860 morti. La sparatoria di Nantes ha causato 2.600 morti. In totale, dei 12.000-13.000 prigionieri, uomini, donne e bambini, presenti in città, ne morirono tra gli 8.000 e gli 11.000, quasi tutti prigionieri nel magazzino. La stragrande maggioranza delle vittime erano vandeani, ma c'erano anche chouan, sospetti di Nantes, generalmente girondini o federalisti, preti refrattari, prostitute, prigionieri di diritto comune, nonché prigionieri di guerra inglesi e olandesi.

Allo stesso modo, 132 notabili di Nantes furono arrestati come federalisti e inviati a Parigi per essere giudicati dal tribunale rivoluzionario; 12 morirono durante il viaggio, 24 in prigione. Le esazioni di Carrier furono denunciate da Jullien de Paris, agente del Comitato di salvezza pubblica in missione sulla costa atlantica, e questi fu costretto a chiedere il suo richiamo il 9 pluviôse anno II (8 febbraio 1794).

Il Terrore Angioino

Ad Angers, i rappresentanti in missione Hentz e Francastel dovettero affrontare, come Carrier a Nantes, l'arrivo di migliaia di prigionieri vandeani catturati durante la Virée de Galerne. Alcuni di loro sono stati giustiziati senza processo, altri sono stati condannati a morte dalla commissione militare rivoluzionaria Félix-Parein, dal nome dei suoi due presidenti successivi.

Nella stessa Angers, 290 prigionieri furono fucilati o ghigliottinati e 1.020 morirono in carcere a causa di epidemie. La maggior parte delle esecuzioni, tuttavia, è avvenuta in località alla periferia della città. A Sainte-Gemmes-sur-Loire, quattro fucilazioni avrebbero provocato dalle 1.500 alle 1.800 vittime tra il 27 dicembre 1793 e il 12 gennaio 1794. Ad Avrillé, tra il 12 gennaio 1794 e il 16 aprile 1794, si verificarono nove fucilazioni che provocarono da 900 a 3.000 morti. A Ponts-de-Cé, da 1.500 a 1.600 persone furono giustiziate in dodici fucilazioni tra la fine di novembre 1793 e la metà di gennaio 1794. In questa città si verificarono anche alcuni annegamenti, con un numero di vittime compreso tra 12 e diverse decine, e la creazione di una conceria di pelli umane da parte di Péquel, chirurgo maggiore del 4° battaglione di volontari delle Ardenne, che scuoiò 32 cadaveri e fece conciare le loro pelli da uno o più soldati nel laboratorio di un uomo chiamato Langlais. L'uso di queste pelli è sconosciuto e l'operazione rimane marginale, sollevando critiche da parte dei rivoluzionari d'Angiò un anno dopo.

Vicino a Saint-Florent-le-Vieil, la sparatoria di Le Marillais avrebbe ucciso circa 2.000 persone. A Saumur furono imprigionate 1.700-1.800 persone, 950 furono giustiziate con la fucilazione o la ghigliottina, 500-600 morirono in carcere o per sfinimento. A Doué-la-Fontaine, dal 30 novembre 1793 al 22 gennaio 1794, furono imprigionate 1.200 persone, 350-370 furono giustiziate e 184 morirono in prigione. Inoltre, 800 donne furono imprigionate a Montreuil-Bellay: 200 di loro morirono di malattia e 300 furono trasferite a Blois o Chartes, dove la maggior parte di loro scomparve. Circa 600-700 vandeani catturati durante la Virée de Galerne furono evacuati a Bourges, dove solo un centinaio di loro sopravvisse.

Secondo Jacques Hussenet, su un totale di 11.000-15.000 persone imprigionate nel Maine-et-Loire, 8.500-9.000 sono morte, di cui 2.000-2.200 nelle prigioni o durante i trasferimenti dei prigionieri. Jean-Clément Martin afferma che sono state fucilate almeno 5.000-6.000 persone.

La devastazione della Vandea

Alla fine di dicembre 1793, il generale Turreau, vicino agli Hebertisti e antipatico ai Mayençais, assunse il comando dell'esercito dell'Ovest.

Il 19 dicembre propose un piano di amnistia al Comité de salut public su consiglio del generale Jean-François Moulin. Non ricevendo risposta, prepara un nuovo piano, in stretta applicazione dei decreti della Convenzione.

Il 7 gennaio 1794, Kléber presentò un piano al generale Turreau. Secondo lui, le forze vandeane non erano più pericolose e stimava la loro forza a 6.200 uomini in tutto, mentre i repubblicani avevano 28.000 soldati operativi. Egli propose di proteggere la costa dagli inglesi, di accerchiare e reticolare il territorio degli insorti usando accampamenti fortificati come punti di appoggio, di conquistare la fiducia degli abitanti e infine di attaccare solo gli assembramenti dei ribelli. Ma questo piano fu rifiutato da Turreau, senza dubbio per opposizione personale. Kléber ottenne l'approvazione dei rappresentanti Carrier e Gilet, che però si rifiutarono di agire. Kléber fu infine trasferito il 9 gennaio all'esercito della costa di Brest.

Il 16 gennaio 1794, Turreau chiese ordini chiari sulla sorte di donne e bambini ai rappresentanti in missione, Francastel, Bourbotte e Louis Turreau (suo cugino), che non risposero, dichiarandosi malati. Infine, basandosi sulla legge del 1° agosto 1793 approvata dalla Convenzione nazionale e su vari decreti dei rappresentanti in missione, elaborò un piano di campagna in cui venti colonne mobili, in seguito ribattezzate "colonne infernali", erano incaricate di devastare e applicare la politica della terra bruciata nei territori insorti dei dipartimenti di Maine-et-Loire, Loire-inférieure, Vendée e Deux-Sèvres, che costituivano la Vandea militare. Solo alcune città essenziali per la marcia delle truppe dovevano essere conservate.

Il 19 gennaio 1794 inviò ai suoi generali le istruzioni da seguire. L'ordine era quello di baionettare tutti i ribelli "trovati con le armi in mano, o convinti di averle prese", così come "le ragazze, le donne e i bambini che si trovano in questo caso". Ha aggiunto che "non saranno risparmiate nemmeno le persone che sono solo sospettate, ma nessuna esecuzione può essere eseguita senza che il generale l'abbia precedentemente ordinata". D'altra parte, gli uomini, le donne e i bambini "nei quali il generale riconosce sentimenti civici" devono essere rispettati ed evacuati nelle retrovie dell'esercito. Il 23 gennaio, il rappresentante Laignelot denuncia alla Convenzione i massacri commessi nei pressi di Challans dalle truppe del generale Haxo, ma la sua lettera non provoca alcuna reazione.

Il Comitato di Pubblica Sicurezza sembrò inizialmente approvare il piano e l'8 febbraio 1794 Carnot scrisse a Turreau che "le sue misure sembrano buone e le sue intenzioni pure". Ma quattro giorni dopo intervenne nuovamente in seguito alla stupefazione causata dalla presa di Cholet da parte dei vandeani l'8 dello stesso mese. Il 12, davanti alla Convenzione, Barère denunciò una "esecuzione barbara ed esagerata dei decreti", rimproverando al generale di aver bruciato villaggi pacifici e patriottici invece di scovare gli insorti. Il 13, Carnot convocò Turreau per "riparare ai suoi errori", per porre fine alla sua tattica di sparpagliare le truppe, attaccare in massa e infine sterminare i ribelli: "È necessario uccidere i briganti e non bruciare le fattorie". Non sentendosi appoggiato, Turreau presentò le sue dimissioni due volte, il 31 gennaio e il 18 febbraio, e in ogni occasione furono respinte nonostante le denunce degli amministratori dipartimentali. Il Comitato di Pubblica Sicurezza ha quindi delegato i suoi poteri in Occidente ai rappresentanti in missione, Francastel, Hentz e Garrau, ritenendoli nella posizione migliore per valutare le misure da adottare sul posto. Questi ultimi approvarono il piano di Turreau, ritenendo che "non ci sarebbe stato modo di riportare la calma in questo Paese se non eliminando tutto ciò che non era colpevole e determinato, sterminando il resto e ripopolandolo al più presto con i repubblicani".

Il piano di Turreau riguarda il territorio della Vandea militare, che comprende 735 comuni, popolati all'inizio della guerra da 755.000 abitanti.

Da gennaio a maggio 1794, il piano fu messo in atto. A est, Turreau assunse personalmente il comando di sei divisioni suddivise in undici colonne, mentre a ovest il generale Haxo, che fino a quel momento aveva inseguito Charette lungo la costa, fu incaricato di formare otto colonne più piccole, ciascuna forte di poche centinaia di uomini, e di muoversi verso est per incontrare le altre dodici. Altre truppe furono inviate a formare le guarnigioni delle città da preservare. I generali interpretarono liberamente gli ordini ricevuti e agirono in modi molto diversi. Alcuni ufficiali, come Haxo, non applicarono gli ordini di distruzione e uccisione sistematica e rispettarono gli ordini di evacuazione delle popolazioni ritenute repubblicane. Così, il generale Moulin evacuò scrupolosamente gli abitanti ritenuti patriottici.

D'altra parte, le truppe comandate da Cordellier, Grignon, Huché e Amey si distinsero per la loro violenza e atrocità, fino a sterminare intere popolazioni, massacrando regnanti e patrioti. Queste truppe hanno saccheggiato e massacrato la popolazione civile, stuprando e torturando, uccidendo donne e bambini, spesso con coltelli per non sprecare polvere da sparo, bruciando interi villaggi, sequestrando o distruggendo raccolti e bestiame. Le donne incinte venivano schiacciate sotto i torchi, i neonati venivano impalati con le baionette. Secondo le testimonianze di soldati o agenti repubblicani, donne e bambini vengono fatti a pezzi o gettati vivi in forni per il pane accesi. A volte, i membri della Commissione civile e amministrativa istituita a Nantes per recuperare cibo e bestiame a beneficio dei Blues, accompagnavano gli eserciti, il che permetteva di risparmiare vite e località.

La posizione di Turreau era indebolita dall'incapacità di distruggere le restanti truppe insurrezionali. Il suo piano, lungi dal porre fine alla guerra, spinse anzi sempre più contadini a unirsi agli insorti. I rappresentanti in missione erano divisi sulla sua strategia. Mentre alcuni lo sostengono, come Francastel, Hentz e Garrau, altri, come Lequinio, Laignelot, Jullien, Guezno e Topsent, ne chiedono la partenza. Il 1° aprile, Lequinio presentò un memorandum al Comitato di Pubblica Sicurezza e poco dopo una delegazione di repubblicani vandeani fu ricevuta a Parigi per chiedere la distinzione tra il Paese fedele e quello insorto.

Tenuto sotto controllo dalle truppe vandeane, Turreau fu infine sospeso il 17 maggio 1794 e l'attività delle colonne infernali diminuì gradualmente durante la primavera. Questo cambiamento fu la conseguenza dell'assunzione del controllo delle operazioni da parte del Comitato di Pubblica Sicurezza che, "usando gli ordini più forti e la determinazione più ferrea", riuscì a controllare la violenza che stava spargendo sangue in tutto il Paese.

Durante questo periodo, centinaia di villaggi furono bruciati, devastati e da 20.000 a 50.000 civili vandeani massacrati dalle colonne infernali, alcuni dei quali riuscirono a rifugiarsi nei boschi e nei bocage del paese. Dall'autunno del 1793 alla primavera del 1794, gli eserciti repubblicani ripresero una tattica di massacro e distruzione che non si vedeva in Europa dai tempi della Guerra dei Trent'anni. La Vandea militare è stata profondamente segnata da questo periodo drammatico della sua storia, sia nel paesaggio che nella mente delle persone, e ne conserva ancora oggi la memoria attraverso associazioni, luoghi di memoria e spettacoli (Mémorial de la Vendée, Refuge de Grasla, Puy du Fou), musei (Historial de la Vendée), ecc.

Rinascimento degli eserciti vandeani

All'inizio del 1794, la situazione delle armate vandeane era estremamente critica. Charette, Joly, Savin e La Cathelinière nel Bas-Poitou e nel Pays de Retz, La Rochejaquelein, Stofflet, Pierre Cathelineau e La Bouëre nell'Anjou avevano ciascuno poche centinaia di uomini al loro comando.

Sopravvissuti alla Virée de Galerne, La Rochejaquelein e Stofflet radunarono le loro forze, ma il 3 gennaio furono dispersi dal generale Grignon. Una nuova assemblea si tenne il 15, ma nonostante il rinforzo delle forze di Cathelineau e La Bouëre, La Rochejaquelein aveva solo 1.200 uomini per opporsi alle colonne infernali. Tuttavia ottenne alcuni successi e il 26 gennaio furono prese Chemillé e Vezins, debolmente difese. Ma due giorni dopo, durante un attacco di un gruppo di saccheggiatori a Nuaillé, La Rochejaquelein è stato colpito da un cecchino.

Stofflet si mette alla testa dell'esercito, il cui numero viene rafforzato di giorno in giorno dai contadini in fuga dalle colonne di Turreau. Il 1° febbraio sconfigge il generale Crouzat a Gesté. Poi si impadronì di Beaupréau e riprese Chemillé. L'8 febbraio, alla testa di 4.000-7.000 vandeani, attaccò Cholet. Benché difesa da 3.000 uomini, la città fu presa, il generale Caffin fu ferito e il generale Moulin si suicidò. Tuttavia, il generale Cordellier arrivò in rinforzo con la sua colonna e riprese la città. Cholet rimase solo due ore nelle mani dei vandeani, tuttavia l'evento risuonò fino a Parigi e provocò l'ira del Comitato di Pubblica Sicurezza che minacciò Turreau. Stofflet insiste: il 14 febbraio attacca Cordellier a Beaupréau, ma viene nuovamente sconfitto. Si spostò quindi a sud, si unì al leader dell'Haut-Poitevin Richard e prese d'assalto Bressuire. Salì poi a Cholet, ma Turreau fece evacuare la popolazione e la città fu incendiata; i vandeani trovarono solo rovine.

Da parte sua, Charette lasciò il suo rifugio a Touvois all'inizio di febbraio e prese facilmente Aizenay. Anche Sapinaud, tornato dal nord della Loira, cercò di riformare l'esercito del Centro. Il 2 febbraio i due capi si incontrarono a Chauché dove respinsero le colonne di Grignon, Lachenay e Prévignaud. Il 6 attaccarono e schiacciarono la guarnigione di Legé. Charette e Sapinaud marciano quindi su Machecoul, ma il 10 febbraio, a Saint-Colombin, si scontrano con la colonna di Duquesnoy che li sbaraglia. I vandeani si ritirarono quindi a Saligny, dove le forze di Charette e Sapinaud si separarono.

Nel Pays de Retz, il 12 gennaio Haxo sbaraglia le truppe di La Cathelinière dalla foresta di Princé. Ferito, La Cathelinière viene catturato a Frossay il 28 febbraio e portato a Nantes, dove viene ghigliottinato il 2 marzo. Louis Guérin gli succede alla guida dei Paydrets e si unisce a Charette.

Charette e Joly furono messi in fuga da Turreau e Cordellier nella foresta di Gralas. Il 28 febbraio tengono in scacco le colonne dei generali Cordellier e Crouzat a Les Lucs-sur-Boulogne, ma i repubblicani massacrano gli abitanti della parrocchia. Charette aveva solo un migliaio di uomini e il 1° marzo tentò senza successo di prendere La Roche-sur-Yon. Il 5 marzo fugge da Haxo a La Viventière di Beaufou. Haxo inseguì senza sosta le truppe disperate di Charette, ma il 21 marzo fu ucciso in una battaglia a Les Clouzeaux. La sua morte sconcerta i repubblicani e salva Charette da una sicura distruzione. Charette attaccò Challans senza successo il 7 aprile, poi prese Moutiers-les-Mauxfaits il 19 aprile.

Un altro sopravvissuto della Virée de Galerne, Gaspard de Bernard de Marigny, forma un nuovo esercito nella Gâtine. Il 25 marzo, le forze combinate di Stofflet, Sapinaud e Marigny presero Mortagne-sur-Sèvre. Il 22 aprile 1794, Charette, Stofflet, Sapinaud e Marigny si incontrarono nel castello di La Boulaye, a Châtillon-sur-Sèvre. Non potendo scegliere un nuovo generalissimo, i quattro capi giurarono, a spada tratta, di aiutarsi a vicenda. I vandeani marciarono quindi su Saint-Florent-le-Vieil, ma sulla strada si scontrarono con l'aiutante generale Dusirat e si ritirarono dopo uno scontro indeciso. Marigny viene licenziato per essere arrivato troppo tardi, furioso torna all'Haut-Poitou. Condannato a morte da un consiglio di guerra il 29 aprile, Marigny, malato, fu fucilato a Combrand il 10 luglio dagli uomini di Stofflet.

La tregua nell'estate e nell'autunno del 1794

La destituzione di Turreau il 13 maggio 1794 segnò la fine delle colonne infernali, ma la violenza diminuì solo gradualmente. In aprile, il Comitato di Pubblica Sicurezza ha ritirato molte truppe dalla Vandea per riassegnarle alle frontiere. A giugno, la forza dell'Armata dell'Ovest è di soli 50.000 uomini, contro i 100.000 di gennaio. Turreau, così come il suo successore Vimeux, devono quindi limitarsi a una strategia difensiva: mettono fine alle colonne mobili e allestiscono campi trincerati per proteggere il ritorno dei raccolti nelle città. Il 7 giugno, i repubblicani abbandonano Saint-Florent-le-Vieil.

I vandeani presero allora l'iniziativa. Il 1° giugno, una colonna repubblicana fu schiacciata a Mormaison. Il giorno successivo, Charette, Stofflet e Sapinaud radunarono le loro forze nel villaggio di La Bésilière, a Legé. Con quasi 10.000 uomini, i vandeani attaccarono Challans il 6 giugno, ma furono respinti dalla guarnigione, che contava solo poche centinaia di uomini. Questa sconfitta provocò una nuova disunione tra i generali vandeani, che si separarono pochi giorni dopo per tornare nei loro paesi. Charette stabilì la sua nuova sede a Belleville. Stofflet attaccò La Châtaigneraie il 12 luglio, senza successo. Da parte repubblicana, l'unica vera offensiva dell'estate fu condotta dal generale Huché, che con quattro colonne prese Legé e respinse un contrattacco di Charette a La Chambodière il 17 luglio, ma che massacrò anche diverse centinaia di abitanti del villaggio sul suo cammino. A questi episodi di violenza è seguito un mese di agosto particolarmente tranquillo.

A settembre, Charette passa nuovamente all'offensiva. Assaltò il campo di La Roullière l'8, poi quello di Fréligné il 15 e infine quello di Moutiers-les-Mauxfaits il 24, uccidendo centinaia di soldati repubblicani. Poi, in autunno, è iniziato un nuovo periodo di relativa calma. Un attacco vandeano fu effettuato il 14 dicembre a La Grève, vicino a Sables-d'Olonne, senza successo.

Il generale Alexandre Dumas, nominato comandante in capo dell'Armata d'Occidente il 16 agosto 1794, arrivò in Vandea il 7 settembre ma si dimise il 23 ottobre dopo aver denunciato l'indisciplina e le esazioni commesse dalle sue truppe. Dumas passò quindi all'Armata della costa di Brest e Canclaux fu richiamato a capo dell'Armata dell'Ovest.

Da parte sua, la Convenzione termidoriana decise di orientarsi verso una politica di clemenza. Il 1° dicembre 1794, diversi deputati di Maine-et-Loire, Deux-Sèvres e Vendée presentarono una dichiarazione in cui denunciavano i massacri della popolazione civile e raccomandavano un'amnistia preventiva per gli insorti e i loro capi. Queste raccomandazioni sono seguite dal Comitato di salvezza pubblica e il 2 dicembre la Convenzione nazionale adotta un decreto che promette l'amnistia degli insorti Vendéens e Chouans che avranno depositato le armi entro un mese. I rappresentanti in missione Menuau, Delaunay, Lofficial, Morisson, Gaudin, Chaillon, Auger, Dornier, Guyardin, Ruelle, Bézard, Guezno e Guermeur sono incaricati di formare una commissione permanente per applicare queste nuove misure. Tuttavia, le discussioni non furono prive di violenti alterchi: Auger, Bézard e Guyardin furono emarginati dopo essersi opposti all'amnistia. Nelle prime sei settimane del 1795, gli ultimi prigionieri vandeani furono rilasciati.

Il 23 dicembre 1794, due o tre emissari dei rappresentanti in missione, Bureau de La Batardière, Bertrand-Geslin e forse François-Pierre Blin, incontrarono Charette a Belleville. Charette e Sapinaud si dimostrarono aperti alle proposte di pace e inviarono a loro volta due emissari, de Bruc e Béjarry, che incontrarono i rappresentanti in missione a Nantes tra il 28 e il 30 dicembre. L'11 gennaio 1795 fu raggiunto un accordo per avviare colloqui ufficiali. D'altra parte, Stofflet firmò e diffuse il 28 gennaio un manifesto scritto dall'Abbé Bernier che condannava il processo di pacificazione.

Il 12 febbraio, Charette, Sapinaud e alcuni dei loro ufficiali incontrarono i rappresentanti in missione nel maniero di La Jaunaye, a Saint-Sébastien, vicino a Nantes. Erano presenti anche Poirier de Beauvais, delegato da Stofflet, e Cormatin, il maggiore generale di Puisaye, capo dei Chouan di Bretagna. Dopo diversi giorni di discussioni, il 17 febbraio è stato concluso un accordo di pace. In cambio del riconoscimento della Repubblica e della consegna dell'artiglieria, gli insorti ottennero l'amnistia, la libertà di culto, l'esenzione dalle tasse e dalla leva per un periodo di dieci anni, il riconoscimento dei loro beni, l'organizzazione di un corpo di 2.000 guardie territoriali vandeane, il rimborso delle obbligazioni emesse durante la ribellione e diciotto milioni di risarcimento per la ricostruzione della Vandea. La questione della liberazione del re Luigi XVII rimase irrisolta. Charette, Sapinaud e Cormatin firmarono il trattato, ma non furono seguiti da alcuni dei loro ufficiali, ostili alla pace. Charette si affrettò quindi a tornare a Belleville per mettere in ordine le sue truppe. Poi Stofflet arrivò a sua volta a La Jaunaye il 18 febbraio. I rappresentanti gli offrirono le stesse condizioni di pace di Charette e Sapinaud, ma egli rifiutò categoricamente di riconoscere la Repubblica. Il 22 febbraio interruppe le trattative e tornò ad Angiò. Tuttavia, anche il suo esercito era oggetto di dissensi e molti dei suoi ufficiali firmarono la pace il 26 febbraio, promettendo di non riprendere mai più le armi contro la Repubblica. Lo stesso giorno Charette e Sapinaud fecero un ingresso solenne a Nantes e parteciparono a una parata di riconciliazione accanto ai generali e ai rappresentanti repubblicani. Il 14 marzo, gli accordi di La Jaunaye vengono ratificati dalla Convenzione nazionale.

Il trattato provoca la divisione del campo realista. Il 4 marzo, Stofflet e l'abate Bernier pubblicarono un discorso contro gli "ex capi della Vandea divenuti repubblicani". Il giorno dopo, Stofflet fece arrestare e giustiziare a colpi di spada Prudhomme, capo della divisione Loroux, per aver firmato il trattato. Il 6 marzo, gli angioini saccheggiarono il quartier generale di Sapinaud a Beaurepaire, prendendo i due cannoni, i 60 cavalli e il fondo militare. Sapinaud stesso fu quasi catturato e dovette fuggire a cavallo. Stofflet pensò allora di entrare nel territorio dell'esercito del Centro e dell'esercito del Bas-Poitou per sostituire Sapinaud con Delaunay e Charette con Savin.

Canclaux passò quindi all'offensiva contro Stofflet con 28.000 uomini. Dall'altra parte, l'esercito di Angiò poteva contare solo su 3.000 combattenti. Attaccò una colonna repubblicana a Chalonnes-sur-Loire il 18 marzo, poi un'altra a Saint-Florent-le-Vieil il 22, ma ogni volta senza successo. Stofflet si ritirò quindi a Maulévrier con le colonne di Canclaux alle calcagna. Nei giorni successivi Cholet, Cerizay, Bressuire, Châtillon, Maulévrier e Chemillé caddero nuovamente in mano repubblicana. Il 26 marzo, Stofflet firma un cessate il fuoco a Cerizay. Il 6 aprile incontrò Canclaux e nove rappresentanti in una missione nei pressi di Mortagne-sur-Sèvre. Stofflet procrastinò per qualche settimana e attese i risultati dei negoziati di Mabilais con i Chouan. Infine, il 2 maggio firmò la pace a Saint-Florent-le-Vieil, alle stesse condizioni di La Jaunaye.

Il 20 maggio, Charette, Stofflet e Sapinaud si incontrarono presso la sede dell'esercito del Centro per celebrare la loro riconciliazione.

Tuttavia, l'insicurezza rimane. Il ritorno dei "rifugiati della Vandea" ha causato molti scontri. Le amministrazioni locali, rientrate dall'esilio, non hanno alcun potere nelle campagne. I repubblicani furono vittime di vessazioni e brutalità, derubati e persino uccisi in regolamenti di conti in cui si mescolavano questioni politiche, vendette personali e semplice criminalità. In molti comuni rurali, in mano ai realisti, ai "patrioti" che si erano rifugiati nelle città fu vietato di tornare, anche con la forza.

Il riarmo e la spedizione di Quiberon

La pacificazione si rivela solo effimera. Tra febbraio e giugno 1795, assassinii e incidenti vari avvelenarono le relazioni tra realisti e repubblicani. Nonostante un nuovo incontro di conciliazione a La Jaunaye l'8 giugno, la sfiducia prevalse e i due campi si prepararono alla ripresa dei combattimenti. Convinti che i generali vandeani stessero solo cercando di guadagnare tempo, i rappresentanti in missione pensarono di lanciare una vasta operazione per farli arrestare, ma dovettero rinunciare per mancanza di truppe.

A maggio, Charette ricevette a Belleville il marchese de Rivière, aiutante di campo del conte di Artois, fratello di Luigi XVI, che lo informò dell'imminenza di uno sbarco realista in Bretagna con l'aiuto dell'Inghilterra e gli chiese di creare un diversivo per facilitare questa operazione. All'inizio di giugno, Charette fu questa volta contattato dal conte di Provenza, il futuro Luigi XVIII, che gli comunicò il desiderio di unirsi a lui. Il 10 giugno il generale vandeano ha risposto con entusiasmo. L'8 giugno Luigi XVII muore a Parigi.

Il 25 giugno, una flotta britannica arrivò in vista della penisola di Quiberon, in Bretagna, e due giorni dopo sbarcò a Carnac con un esercito di emigranti, accolti da diverse migliaia di chouan.

Il 24 giugno, Charette riunì le sue divisioni a Belleville e annunciò alle sue truppe che avrebbe rotto il trattato di La Jaunaye e ripreso la guerra. Questa decisione improvvisa, presa da Charette senza consultare né i suoi ufficiali né i generali delle altre armate vandeane, fu accolta senza entusiasmo dai suoi uomini. Senza alcuna dichiarazione di guerra, Charette attaccò e prese di sorpresa l'accampamento degli Essart il 25 giugno. Due giorni dopo, le sue truppe tesero un'imboscata a un convoglio nei pressi di Beaulieu-sous-la-Roche. I vandeani tornarono quindi a Belleville con diverse centinaia di prigionieri. Il 26 giugno, Charette fece pubblicare un manifesto che annunciava la ripresa delle ostilità, in cui sosteneva che gli "articoli segreti" del Trattato di La Jaunaye prevedevano la liberazione di Luigi XVII e la restaurazione della monarchia.

L'esercito di Stofflet d'Angiò e quello di Sapinaud del Centro non violarono il trattato. A luglio inviarono a Parigi due emissari, Béjarry e Scépeaux, che furono ricevuti dalla Convenzione nazionale, ma il ritorno alle armi di Charette fece fallire i negoziati. Luigi XVIII riconobbe la preminenza di Charette nominandolo capo dell'esercito cattolico e reale con il grado di tenente generale. Stofflet è stato nominato Maresciallo di Campo.

Durante questo periodo in Bretagna, la spedizione di Quiberon si trasforma in un disastro. Messi all'angolo dalle truppe del generale Lazare Hoche, gli emigrati e i chouan capitolarono il 21 luglio, ma 748 di loro furono condannati a morte e fucilati nei giorni successivi. Per rappresaglia, Charette fece giustiziare i 100-300 prigionieri repubblicani detenuti a Belleville il 9 agosto.

Spedizione del Conte di Artois

Dopo il fallimento della spedizione in Bretagna, gli emigranti e gli inglesi si rivolsero alla Vandea. All'inizio di agosto, una parte della squadra inglese di stanza al largo di Quiberon naviga verso la costa della Vandea. Avvertito dal marchese di Rivière, Charette inviò diverse migliaia di uomini sulla spiaggia di Pège, tra Saint-Jean-de-Monts e Saint-Gilles-Croix-de-Vie. I vandeani riuscirono a tenere a bada le guarnigioni repubblicane locali e, dal 10 al 12 agosto, gli inglesi sbarcarono 1.200 fucili, polvere da sparo, 3.000 sciabole, 300 paia di pistole, 700 gargolle e due pezzi di artiglieria.

Il 22 agosto, una flotta di 123 navi al comando del commodoro Warren lasciò Portsmouth con a bordo 5.000 soldati britannici e 800 emigranti. Dopo una sosta sulle isole di Houat e Hœdic, il 23 settembre arrivò in vista dell'isola di Noirmoutier, dove pensava di sbarcare. Charette fu informato della spedizione, ma fece sapere che Challans, Bouin, Beauvoir-sur-Mer e Machecoul erano in mano ai repubblicani e che non poteva lanciare un assalto all'isola da terra. Il 29 settembre, dopo alcuni scambi di artiglieria con la guarnigione di Noirmoutier, la flotta britannica si arrese e si spostò verso L'Île-d'Yeu, difesa più debolmente e più lontana dalla costa, e capitolò il 30 settembre. L'isola fu immediatamente occupata da circa 6.000 soldati e il conte di Artois vi sbarcò il 2 ottobre.

Charette, alla testa di quasi 10.000 uomini, tentò di avvicinarsi alla costa attaccando Saint-Cyr-en-Talmondais il 25 settembre. Tuttavia, la debole guarnigione della città e alcuni rinforzi provenienti da Luçon lo respinsero, infliggendogli gravi perdite, in particolare quella di Louis Guérin, uno dei suoi migliori ufficiali. Da parte sua, il generale repubblicano Grouchy lasciò Sainte-Hermine il 29 settembre con 4.000 uomini ed entrò a Belleville il giorno successivo senza incontrare alcuna resistenza.

Il 3 ottobre, Sapinaud riprese le ostilità e prese Mortagne-sur-Sèvre. Ma il giorno dopo le truppe repubblicane del generale Boussard contrattaccarono e ripresero la città.

Il 3 ottobre, la flotta britannica tentò nuovamente di attaccare Noirmoutier, ma senza successo. Nel frattempo la guarnigione dell'isola era stata rafforzata da 1.000 a oltre 6.000 uomini e gli inglesi erano a corto di acqua. L'8 ottobre la spedizione fu abbandonata e il grosso della flotta salpò per la Gran Bretagna, lasciando solo 13 navi a L'Île-d'Yeu. Il 16 ottobre, gli inglesi effettuarono un piccolo sbarco a Saint-Jean-de-Monts per prendere contatto con Charette, ma il conte di Artois rinunciò a raggiungerlo. Quest'ultima lasciò L'Île-d'Yeu il 18 novembre per tornare in Gran Bretagna. Il 17 dicembre, le ultime truppe inglesi e di emigranti evacuarono l'isola. Il progetto di sbarco del conte d'Artois in Vandea si risolve quindi in un completo fallimento che colpisce il morale dei combattenti vandeani.

Crollo delle armate vandeane e vittoria dei repubblicani

Il 29 agosto 1795, il Comitato di salvezza pubblica nomina Lazare Hoche alla testa dell'Armata dell'Ovest, in sostituzione del generale Canclaux, che ha rinunciato al comando a causa di una malattia. Incoraggiato dalla sua vittoria a Quiberon, Hoche riceve il 14 settembre i pieni poteri del Comitato di salvezza pubblica, che vieta qualsiasi intervento dei rappresentanti in missione presenti sul posto. Il 26 dicembre, il Direttorio gli affida il comando dell'Armata d'Occidente, dell'Armata delle coste di Brest e dell'Armata delle coste di Cherbourg che si fondono per formare l'Armata delle coste dell'Oceano. La firma del Trattato di Basilea con la Spagna gli consente di ricevere rinforzi dall'Armata dei Pirenei. Il 28 dicembre il Direttorio proclama lo stato d'assedio in tutti i grandi comuni dei dipartimenti insorti.

Hoche adottò una politica pragmatica. Dissociò i capi degli insorti, che dovevano essere catturati, dai semplici combattenti e contadini che rimanevano liberi se consegnavano le armi e si sottomettevano. Se le comunità resistevano, il loro bestiame veniva confiscato e restituito solo in cambio della consegna delle armi. Si sforzò di ristabilire la disciplina e di reprimere i saccheggi, impedendo talvolta il ritorno dei rifugiati patrioti nelle zone pacificate e conciliando i sacerdoti refrattari che non erano più perseguiti e potevano esercitare liberamente il loro culto. Queste misure, l'estensione dei poteri del generale in capo e lo stato d'assedio furono osteggiati dai patrioti locali che accusarono Hoche di esercitare una "dittatura militare". Tuttavia, la sua politica ha dato i suoi frutti. Stremati da un conflitto devastante, gli abitanti della Vandea, come i combattenti e gli ufficiali insorti, erano ormai in maggioranza favorevoli alla pace. A partire da ottobre, interi cantoni cedettero le armi e si sottomisero alla Repubblica.

Il 4 agosto, il clero refrattario della Vandea tenne un sinodo a Le Poiré su iniziativa del vicario generale Jean Brumauld de Beauregard, inviato da Marie-Charles-Isidore de Mercy, vescovo di Luçon. Le decisioni prese mostrano un desiderio di acquiescenza e la ricerca di una composizione con la Repubblica. Il clero refrattario della Vandea iniziò allora a prendere le distanze dall'insurrezione e a lavorare per la pacificazione.

Dopo aver protetto la costa dagli inglesi, Hoche mise in moto le sue truppe contro Charette. I repubblicani occuparono Saint-Philbert-de-Grand-Lieu il 10 ottobre, poi Le Loroux-Bottereau e Clisson l'11, Les Herbiers il 24, quindi Pouzauges e Chantonnay il 27. Inizialmente aveva previsto di formare tre colonne di 6.000 uomini comandate da lui stesso, Grouchy e Canuel. Tuttavia, cambiò la sua strategia quando notò la debolezza degli assembramenti vandeani e decise di formare sei colonne mobili, forti di 600-2.500 uomini e comandate principalmente da Travot, Delaage e Watrin. Queste colonne mobili, sostituite ogni due settimane, sono state incaricate di attraversare permanentemente il territorio degli insorti. Per guadagnare in mobilità, non portarono con sé l'artiglieria e operarono in modo da aiutarsi a vicenda, con precisi ordini di marcia.

I vandeani indeboliti cercavano in genere di evitare i combattimenti. Verso la metà di novembre, diversi ufficiali vandeani scrissero un memorandum che consegnarono a Charette per suggerirgli di cessare le ostilità, ma egli rifiutò. Il 27 novembre, Delaage batte Charette a Saint-Denis-la-Chevasse. Il 5 dicembre, il generale vandeano assaltò il campo dei Quatre-Chemins a L'Oie, ma il contrattacco di Watrin lo mise in fuga poche ore dopo. Il giorno dopo, i vandeani sbagliarono un'imboscata al Bois du Détroit e persero tutto il bottino preso a Quatre-Chemins. Durante questo periodo furono uccisi diversi ufficiali di Charette, tra cui Couëtus, il suo comandante in seconda, il prudente Hervouët de La Robrie, capo della cavalleria, e il comandante di divisione François Pajot.

Da parte sua, Sapinaud attaccò Landes-Genusson senza successo il 25 novembre. Abbandonato dalle sue truppe, a dicembre trova rifugio presso Stofflet. A gennaio firma la pace con il generale Willot, ma l'accordo, giudicato troppo conciliante, viene denunciato da Hoche.

All'inizio del 1796, Charette tentò una spedizione verso l'Angiò per spingere Stofflet a unirsi a lui nella guerra, ma fu sorpreso a La Bruffière e a Tiffauges il 3 e 4 gennaio e le sue truppe furono completamente sbaragliate. Questa sconfitta completò la demoralizzazione dei vandeani: Charette fu abbandonato dalla maggior parte dei suoi uomini e riuscì a radunare solo poche centinaia di combattenti. Braccato dalle colonne mobili repubblicane, rimase costantemente in movimento nei pressi di Belleville, Saligny, Dompierre e Le Poiré. Il 15 gennaio, l'aiutante generale Travot gli inflisse una nuova sconfitta a La Créancière, vicino a Dompierre.

Da parte sua, Stofflet, nominato luogotenente generale e cavaliere di Saint-Louis, rimase a lungo in attesa prima di riprendere le armi senza illusioni il 26 gennaio per ordine del conte di Artois. Con soli 400 uomini e con Sapinaud, attaccò Chemillé senza successo, poi perse il suo quartier generale a Neuvy-en-Mauges. Il 29 gennaio fu costretto a rifugiarsi nella foresta di Maulévrier. Sapinaud depose le armi e rinunciò al comando, ma Stofflet rifiutò di sottomettersi e fu catturato nella notte tra il 23 e il 24 febbraio presso la fattoria di La Saugrenière, vicino a La Poitevinière. Condannato a morte, fu fucilato ad Angers il 25 febbraio.

A metà febbraio, con l'accordo di Hoche, si tennero delle trattative con Charette per proporgli di lasciare la Francia. Ma il 20 febbraio ha rifiutato. Il 21, Travot lo attaccò a La Bégaudière, tra Saint-Sulpice-le-Verdon e Saint-Denis-la-Chevasse, mettendolo in fuga. Si mise all'inseguimento e lo trovò a Froidfond il 27 febbraio, dove gli inflisse una nuova sconfitta. Nelle settimane successive Travot continuò a dare la caccia al generale vandeano nella regione. In questo periodo, i principali ufficiali di Charette, come Hyacinthe de La Robrie, Jean Guérin, Lecouvreur, Pierre Rezeau e Lucas de La Championnière, si sottomisero alla Repubblica. Altri, come Le Moëlle e Dabbaye, furono uccisi.

Il 23 marzo, Charette, alla testa di soli cinquanta uomini, fu sorpreso nei pressi di Les Lucs, a La Guyonnière, dalla colonna dell'aiutante generale Valentin e respinto da quella di Travot, che lo catturò nei boschi di La Chabotterie, vicino a Saint-Sulpice-le-Verdon. Charette fu portato ad Angers, poi a Nantes dove fu condannato a morte e fucilato il 29 marzo.

La morte di Charette segnò la fine della Guerra di Vandea, anche se rimasero alcuni gruppi di combattenti insubordinati. Richard, leader della zona di Cerizay, è stato ucciso il 23 marzo. Nel Poitou, Jean Savin viene catturato il 28 aprile. Nell'esercito del Centro, Vasselot, successore di Sapinaud, fu preso e fucilato il 4 maggio. In Angiò, Charles d'Autichamp, successore di Stofflet, e Henri Forestier depongono le armi in maggio.

Lazare Hoche ottenne quindi la sottomissione dei Chouan di Bretagna, Maine e Normandia. Il 6 luglio viene firmato un accordo di pace con i Chouan a Fontenai-Les-Louvets, nell'Orne. Il 13 luglio, Hoche annuncia che "i disordini dell'Occidente sono finiti". Il 16 luglio, tocca al Direttorio proclamare che "Oggi è finalmente vero che questa terribile guerra della Vandea e dei Chouan è estinta", la guerra della Vandea è quindi ufficialmente finita agli occhi dello Stato francese. Ciononostante, la regione conobbe ancora alcune insurrezioni nel 1799, nel 1815 e nel 1832, ma furono molto meno intense del conflitto del 1793-1796.

Sconfitti militarmente, i realisti cercano di prendere il potere attraverso le elezioni. Nell'aprile 1797, la destra realista ottenne la maggioranza nel rinnovo del Conseil des Cinq-Cents e del Conseil des Anciens. I Concili abolirono poi le leggi contro gli emigranti e i sacerdoti refrattari. Ma a Parigi, il 4 settembre 1797, tre dei cinque direttori, Reubell, La Révellière-Lépeaux e Barras, organizzarono un colpo di Stato sostenuto dall'esercito comandato da Hoche e Augereau. I risultati delle elezioni vengono annullati in 49 dipartimenti (in particolare in Occidente), i sacerdoti refrattari vengono nuovamente perseguiti. I contadini ricominciano a prendere le armi.

Nel 1799, le sconfitte militari della Repubblica portarono a nuovi aumenti di personale e alla votazione della legge sugli ostaggi, che incoraggiarono i leader Chouan a riprendere l'insurrezione. Il 14 settembre 1799, 200 capi chouan e vandeani si riunirono al castello della Jonchère, vicino a Pouancé, difeso da 1.200 uomini, e fissarono la presa d'armi generale per il 15 ottobre. Il comando fu riorganizzato: Suzannet succedette a Charette alla testa dell'armata del Bas-Poitou e del Pays de Retz a ovest della Vandea e a sud della Loira-Inférieure, Sapinaud riprese il comando dell'armata del Centro, mentre Charles d'Autichamp succedette a Stofflet alla testa dell'armata d'Angiò.

L'esercito repubblicano inglese, posto sotto il comando del generale Michaud, aveva solo 16.000 soldati in tutto l'ovest. La Vandea era sotto il comando del generale Travot.

Tuttavia, i Vandeani incontrarono solo fallimenti. Il 29 ottobre, Suzannet, sebbene alla testa di 3.000 uomini, fu respinto a Montaigu. Il 2 novembre, Charles d'Autichamp attaccò un distaccamento repubblicano di 6.000-8.000 uomini, che si rifugiò nella chiesa di Nueil-les-Aubiers. Due giorni dopo, il generale Dufresse arrivò come rinforzo e, con soli 600 uomini, disperse le forze vandeane nella battaglia di Les Aubiers. Nel Centro, l'emigrato Grignon, che aveva sostituito Sapinaud, ottenne un piccolo successo a La Flocellière il 14 novembre, ma fu sconfitto e ucciso quattro giorni dopo a Chambretaud.

La guerra fu interrotta in seguito all'annuncio del colpo di Stato del 18 brumaio. Il 15 novembre, il generale Gabriel d' Hédouville assume il comando dell'Armata d'Inghilterra e apre i negoziati con gli ufficiali realisti il 9 dicembre a Pouancé. Gradualmente questi ultimi optarono per una sospensione delle armi. Ma i generali realisti sono divisi tra chi vuole firmare la pace e chi vuole continuare la guerra. Napoleone Bonaparte, ora Primo Console, proclama la libertà religiosa e distacca 30.000 uomini dai confini per inviarli in Occidente. Il 16 gennaio, Hédouville fu sostituito da Guillaume Brune alla testa dell'Armée d'Angleterre, che tornò presto al suo precedente nome di Armée de l'Ouest. Di fronte a tali forze, i capi vandeani, Suzannet, d'Autichamp e Sapinaud, firmarono la pace a Montfaucon-sur-Moine il 18 gennaio 1800. I generali Chouan resistettero ancora per poche settimane.

Ma per molto tempo la Vandea, dissanguata, ha conservato le cicatrici dei combattimenti. Il professor Henri Laborit ne ha parlato nel 1980 nell'introduzione al film di Alain Resnais Mon oncle d'Amérique, che esamina le disfunzioni umane.

Altre insurrezioni hanno costellato la storia della Vandea, come la rivolta del 1815 o l'attentato della duchessa di Berry nel 1832, segnando la nascita di una specifica coscienza regionale. Dal punto di vista politico, la Vandea si è distinta fin dalla Rivoluzione per la sua fedeltà politica ai movimenti politici conservatori.

I "martiri" del 1793 sono stati in primo piano nella memoria della Vandea per gran parte del XIX secolo, prima di essere oscurati dai morti della guerra franco-prussiana del 1870 e della prima guerra mondiale, due conflitti durante i quali è stata raggiunta l'unità nazionale.

La questione dei rifugiati è stata a lungo trascurata dalla storiografia vandeana. Il primo abbozzo di sintesi su questo tema è stato prodotto da Emile Gabory nel 1924. Questa lacuna è stata colmata nel 2001 dalla tesi di dottorato di Guy-Marie Lenne. Il suo studio copre sia gli aspetti cronologici e sociologici, ma anche l'atteggiamento delle autorità nei confronti della loro ricezione.

Già prima dell'inizio della guerra, i rifugiati si riversarono nei dipartimenti vicini della Vandea. A febbraio, sono sufficientemente numerosi in Charente-Inférieure che viene adottato un decreto per organizzare la loro accoglienza. Le prime grandi ondate arrivarono a Nantes il 10 marzo 1793. Tra il 19 e il 31 maggio sono arrivate ad Angers tra le 650 e le 1.000 famiglie. Si tratta soprattutto di repubblicani fuggiti dalla zona di combattimento o che hanno abbandonato le città prima di essere attaccate dai vandeani. Così, quasi il 10% della popolazione di La Roche-sur-Yon abbandonò la città.

Una seconda ondata di rifugiati si verificò dall'agosto 1793 al gennaio 1794. Il decreto del 1° agosto, che ordinava la distruzione della Vandea, organizzava l'evacuazione, l'accoglienza e la protezione dei rifugiati. Se i rifugiati della primavera sono stati accolti bene, il numero dei successivi, le difficoltà di approvvigionamento che causano e la diffidenza nei loro confronti raffreddano un po' l'accoglienza. Temendo che tra le loro fila ci fossero molti agenti realisti, il 20 febbraio 1794 i rappresentanti in missione, Francastel, Garrau e Hentz, emanarono un decreto che ordinava loro di allontanarsi di venti leghe (80 km) dalla zona di combattimento, pena l'essere considerati ribelli e trattati come tali. Il denaro necessario per il viaggio è stato fornito loro. I malati, gli anziani, i bambini, i loro familiari più stretti e i loro domestici sono esentati dall'allontanamento, così come gli artigiani specializzati utili all'esercito. Queste misure provocarono l'ostilità dei patrioti vandeani e molti di loro si rifiutarono di obbedire.

Infine, a partire dal gennaio 1794, una terza ondata, mista di blu e bianchi, fuggì dalle colonne infernali. È molto numerosa e sistematicamente lontana dal teatro delle operazioni. Più di un terzo dei dipartimenti francesi ha così accolto i rifugiati.

I rifugiati sono soprattutto donne (circa due terzi) e bambini (quasi la metà): gli uomini, poco rappresentati, sono probabilmente impegnati da una parte o dall'altra. Più della metà di loro proveniva da città e piccoli villaggi. La società vandeana era abbastanza ben rappresentata, ad eccezione dei sacerdoti e dei nobili. Se la popolazione delle città ospitanti era talvolta sospettosa, e se le autorità invocavano talvolta le difficoltà di sussistenza per accogliere il minor numero possibile di persone, in generale hanno trovato un alloggio e persino un lavoro per la durata del loro esilio (lavoro e alloggio forniti dalle autorità nella maggior parte dei casi).

Sebbene il ritorno sia stato autorizzato per coloro che avevano un certificato di cittadinanza a partire dall'ottobre 1794, esso avvenne solo in zone tranquille, che erano ancora rare. I rifugiati repubblicani temevano le rappresaglie dei Bianchi e il decreto del Consiglio Superiore della Vandea del 24 luglio 1793, che richiedeva un giuramento di fedeltà a Luigi XVII, oppure ordinava la loro partenza con il divieto di ritorno. L'autorizzazione fu prorogata nella primavera del 1795, per alleggerire le finanze pubbliche, e iniziò il vero ritorno, anche se le bande rendevano insicure le campagne. Il ritorno massiccio avvenne con la pacificazione di Hoche.

Il numero totale di rifugiati è stimato prudentemente tra i 40.000 e i 60.000 da Guy-Marie Lenne e tra i 20.000 e i 40.000 da Jean-Clément Martin. Pochi di loro si stabilirono nei dipartimenti in cui furono accolti, e i rientri avvennero timidamente nel 1795, poi massicciamente nel 1796.

La valutazione esatta delle vittime della Guerra di Vandea, a maggior ragione la distinzione tra morti direttamente o indirettamente legate a questa guerra, non è mai stata stabilita e disponiamo solo di valutazioni approssimative, da cui le variazioni nelle cifre. Non è quindi possibile determinare le perdite registrate tra i combattenti e i civili provenienti dall'esterno dei quattro dipartimenti della "Vandea militare" (alcuni dalle colonie), che erano complessivamente pochi tra i ribelli, ma che rappresentavano la parte più consistente delle truppe repubblicane.

Valutazioni del periodo

Il primo bilancio umano della guerra di Vandea fu fornito il 1° dicembre 1794 davanti al Comité de salut public da nove conventionnels che rappresentavano tre dei dipartimenti coinvolti nella rivolta, i quali affermarono che una popolazione di 400.000 persone era stata spazzata via. È possibile che questa valutazione sia derivata dal memorandum scritto qualche settimana prima dal convenzionale Lequinio.

In una lettera indirizzata al Ministro degli Interni il 1° febbraio 1796, il generale Hoche scrisse che "seicentomila francesi erano morti in Vandea". Alla fine del 1796, il generale Danican ribadì la valutazione di Hoche, aggiungendo che la Repubblica aveva perso 200.000 uomini in Vandea. Barras, riferendosi al lavoro di Hoche nelle sue memorie, valuta anche il bilancio della guerra in "più di seicentomila uomini da entrambe le parti".

Nel 1797, nella sua Histoire générale et impartiale des erreurs et fautes commises pendant la Révolution française, Louis Marie Prudhomme stima in 900.000 o più di un milione il numero di morti in Vandea, tra bianchi e blu.

Fonti scientifiche

Tra il 1801 e il 1804, su richiesta del Ministero dell'Interno, i prefetti e i segretari generali dei quattro dipartimenti interessati redassero un primo bilancio demografico sottraendo la popolazione censita nel 1800 da quella censita nel 1790 o nel 1791. Secondo i loro risultati, ci sono stati 50.000 morti nel Maine-et-Loire, 49.677 nella Loire-Atlantique, 50.000 in Vandea e da 15.000 a 33.363 nelle Deux-Sèvres. Nel 1818 questo lavoro fu ripreso da Jean Alexandre Cavoleau, prefetto della Vandea sotto l'Impero, che ricalcolò il bilancio delle vittime per il dipartimento della Vandea a 44.735 morti o dispersi, e poi stimò il bilancio delle vittime per i quattro dipartimenti della Vandea militare a 159.412 morti o dispersi. Secondo Jacques Hussenet, si tratta del primo studio serio e ragionato sul bilancio umano della Guerra di Vandea.

Negli anni '80, Reynald Secher ha cercato nei registri parrocchiali e civili di 700 comuni dei quattro dipartimenti della Vandea (Vandea, Loira Atlantica meridionale, Maine-et-Loire occidentale, Deux-Sèvres settentrionale). Dalle nascite tra il 1780 e il 1789, poi tra il 1802 e il 1811, ricavò un tasso di natalità medio, al quale, in entrambi i casi (1780-89 e 1802-11), applicò un moltiplicatore comune (27), al fine di ripristinare le popolazioni prima e dopo la guerra. Sottraendo la popolazione del 1800 da quella del 1780 si ottiene un "deficit" di 117.257 persone su un totale di 815.029 (ovvero il 14,38% della popolazione). Tuttavia, questo lavoro è stato oggetto di critiche:

Nel 1987, Jean-Clément Martin ha affrontato la questione del tributo umano. Tentò di tracciare un bilancio del deficit umano subito dalla regione basandosi sull'analisi dei censimenti del 1790 e del 1801, di cui correggeva le imprecisioni sulla base di quanto lo studio delle fonti di epoca moderna era in grado di dirci sulla demografia del XVIII secolo (con un incremento naturale annuo valutato all'1%). Ha rilevato che nel 1801 c'era un deficit di 200.000-250.000 persone, rispetto a quanto avrebbe dovuto consentire l'aumento naturale, se l'equilibrio tra nascite e morti non fosse stato sconvolto dalla guerra. Questo calo demografico è essenzialmente attribuibile alle uccisioni avvenute durante i combattimenti, che hanno colpito sia i repubblicani che i realisti e sono imputabili a entrambe le parti. Inoltre, sottolinea che queste cifre non devono far dimenticare che una valutazione esatta delle perdite repubblicane è praticamente impossibile, poiché i combattenti provenivano da tutta la Francia, "persino dalle colonie delle Indie occidentali". Inoltre, non va trascurato lo spostamento della popolazione, analizzato da Guy-Marie Lenne nel 2003.

Nella stessa ottica, Louis Marie Clénet ritiene che le guerre di Vandea abbiano provocato 200.000 morti vandeani (40.000 dei quali causati dalle colonne infernali di Turreau).

Da parte sua, nel 1992, Jacques Dupâquier stimò le perdite repubblicane in 30.000 morti. Nel 2014, anche Jean-Clément Martin ha utilizzato questa cifra.

Nel 2007, sotto la direzione di Jacques Hussenet, una nuova valutazione, tenendo conto dei lavori precedenti, soprattutto a partire dal 1990, è giunta a una cifra di circa 170.000 morti per gli abitanti della Vandea militare tra il 1793 e il 1796, ossia circa il 22-23% dei 755.000 abitanti dei territori insorti prima del conflitto. Tra le vittime, circa il 20-25% erano repubblicani. Per quanto riguarda le perdite dell'esercito repubblicano in particolare, Jean-Philippe Coullomb e Jérôme Laborieux stimano nel loro contributo che furono uccise da 26.000 a 37.000 persone. Jacques Hussenet ha anche stimato che, dato il numero totale di soldati coinvolti (da 130.000 a 150.000), il numero delle vittime militari non poteva essere superiore a 50.000 morti o dispersi.

Nel 2014, Jean-Clément Martin ha giudicato che la stima fornita da Jacques Hussenet "sembra ragionevole e fondata". Anche Alain Gérard si rallegra di questa ricerca, che a suo dire pone "fine a quasi due secoli di cifre selvagge".

Definizione di "genocidio

Il termine "genocidio" è stato coniato nel 1944 da Raphael Lemkin, un professore di diritto americano di origine ebrea polacca, nel tentativo di definire i crimini di sterminio commessi dall'Impero Ottomano e dal movimento dei Giovani Turchi contro gli Armeni durante la Prima Guerra Mondiale e i massacri degli Assiri in Iraq nel 1933, e poi per estensione ai crimini contro l'umanità perpetrati dai nazisti contro i popoli ebraico e gitano durante la Seconda Guerra Mondiale. Scrive: "Nuovi concetti richiedono nuove parole. Per genocidio si intende la distruzione di una nazione o di un gruppo etnico. Si tratta di una parola che Lemkin aveva coniato per la prima volta in polacco nel 1943: ludobójstwo (da lud, che significa popolo, e zabójstwo, che significa omicidio). Nel 1944, tradusse il termine polacco in inglese come "genocide", una parola ibrida composta dalla radice greca "genos", che significa razza o tribù, e dal suffisso latino "cide" (da "caedere", che significa uccidere).

Il termine è definito ufficialmente dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite nell'articolo 2 della Convenzione sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio, adottata il 9 dicembre 1948. La Carta delle Nazioni Unite e l'articolo 8 della Convenzione di Ginevra obbligano la comunità internazionale a intervenire per "prevenire o fermare gli atti di genocidio". Più recentemente, l'articolo 6 dello Statuto della Corte Penale Internazionale definisce il crimine di genocidio, che si distingue per l'intenzione di sterminio totale di una popolazione, da un lato, e l'attuazione sistematica (cioè pianificata) di questa intenzione, dall'altro. Spesso è la contestazione di uno di questi elementi che porta al riconoscimento ufficiale di un crimine come genocidio.

Il dibattito sul "genocidio vandeano

Il dibattito sul genocidio della Vandea è emerso nella comunità accademica negli anni '80, in particolare con il lavoro di Pierre Chaunu e Reynald Secher. Il carattere sanguinoso e massiccio della repressione dell'insurrezione in Vandea non è contestato da nessuno, anche se le cifre restano imprecise e dibattute (si vedano le varie ipotesi sull'entità del numero di vittime della Guerra di Vandea) e se le descrizioni tradizionali di un massacro come quello di Les Lucs-sur-Boulogne sono state messe in discussione dalla ricerca storica. In ogni caso, dal punto di vista legale, il numero delle vittime non cambia la natura del reato, ma contano solo la natura degli atti, l'intenzione e i mezzi. L'intenzione deliberata delle autorità repubblicane di sterminare la popolazione della Vandea, così come la natura genocida dei massacri commessi dagli agenti che eseguirono i loro ordini, sono oggetto di notevoli controversie. Una delle fonti utilizzate dai sostenitori dell'idea di un genocidio vandeano, oltre alle direttive e agli ordini trovati negli archivi del Ministero della Guerra, è un libro di Gracchus Babeuf.

Nel 1794, sotto la Convenzione termidoriana, Babeuf pubblicò un libro, Du système de dépopulation ou La vie et les crimes de Carrier (Il sistema di spopolamento o La vita e i crimini di Carrier), in cui denunciava gli abusi commessi da Jean-Baptiste Carrier durante la sua missione a Nantes, che secondo lui (nel paragrafo IV) si riferiva a un sistema di spopolamento che chiamava "populicidio", un neologismo creato per evocare un'idea nuova. Utilizzato durante la Rivoluzione sia in forma nominale che aggettivale (l'unica forma sopravvissuta al periodo rivoluzionario nella lingua francese), il termine "populicidio" è usato per designare ciò che causa la morte o la rovina del popolo. La parola è formata dalla radice latina populus (il popolo) e dal suffisso latino cide. Come la parola "genocidio", coniata da Lemkin nel 1944, è usata per designare una forma di crimine la cui apprensione non ha precedenti.

Nel suo testo, il "sistema di spopolamento" riguarda tutta la Francia e non solo la popolazione della Vandea. Nel suo libro, Babeuf, riprendendo le critiche degli Enragés che difendevano l'applicazione immediata della Costituzione dell'Anno I, denuncia il Terrore, che giudica responsabile dei massacri commessi nel 1793-1794, e attacca (insieme ai moderati, ai Muscadins e ai Neo-Hébertisti) i Montagnards e i Giacobini. Questa accusa è supportata dall'esposizione, dopo il Termidoro, delle esecuzioni, dei massacri e delle distruzioni della Guerra Civile e del Terrore. Con altri pamphlet, Babeuf riprende le accuse del giornale La Feuille nantaise che, nel numero del 5 brumaio anno III, accusa l'Incorruttibile di aver voluto "spopolare" il Paese. Secondo le sue affermazioni, i membri del comitato di salvezza pubblica, attorno a Robespierre, mirando all'instaurazione della massima uguaglianza possibile in Francia (progetto di cui si dichiarava solidale), avrebbero pianificato la morte di un gran numero di francesi. La loro analisi si basava sul pensiero dei filosofi politici del XVIII secolo (come Jean-Jacques Rousseau), i quali ritenevano che l'instaurazione dell'uguaglianza richiedesse una popolazione più piccola di quella della Francia dell'epoca (per questi filosofi, infatti, un governo democratico, basato su una certa uguaglianza di ricchezza, sull'esempio delle città-stato dell'antichità, di Ginevra o di Venezia, richiedeva non solo un numero ridotto di cittadini, ma anche un territorio piccolo). Secondo questa teoria, la guerra civile in Occidente (con la morte in battaglia dei Bianchi e dei Blu) e la repressione delle insurrezioni federaliste e realiste sarebbero state lo strumento di questo programma di spopolamento della Francia, di cui Vettore, a Nantes, sarebbe stato solo un agente locale. Le sconfitte delle truppe repubblicane di fronte agli insorti realisti sarebbero state organizzate dal Comitato di Pubblica Sicurezza per mandare a morte migliaia di soldati repubblicani, per poi mettere in atto un piano di annientamento dei vandeani, che Babeuf paragona alla repressione dell'insurrezione di Lione, attribuita al solo Collot d'Herbois.

Il termine "genocidio vandeano" è apparso nel 1969 in un articolo della rivista Souvenir vendéen scritto dal medico generale Adrien Carré, che tracciava un presunto parallelo con i crimini nazisti della Seconda guerra mondiale. Questo articolo ha introdotto per la prima volta nella storiografia vandeana i termini "crimini di guerra", "crimini contro l'umanità" e "genocidio".

Nel 1983-1984, lo storico Pierre Chaunu ha fatto uscire dal segreto il termine "genocidio vandeano" e ha suscitato i primi dibattiti tra gli storici.

Nel 1986, Reynald Secher pubblicò La Vendée-Vengé, Le génocide franco-français, basato sulla sua tesi di dottorato difesa alla Paris IV-Sorbonne il 21 settembre 1985. La giuria era composta da Jean Meyer, Pierre Chaunu, André Corvisier, Louis Bernard Mer, Yves Durand, Jean Tulard e Jean-Pierre Bardet. La tesi del genocidio vandeano è stata poi ampiamente pubblicizzata nel contesto dei preparativi per il bicentenario della Rivoluzione francese. La controversia ha raggiunto il suo apice tra il 1986 e il 1989, quando sostenitori e oppositori della tesi del genocidio si sono scontrati sui media e hanno radunato alla loro causa giornalisti, parlamentari, generali, politologi, avvocati e romanzieri. Le tesi di Secher ricevettero una certa eco. Viene invitato ad apparire in Apostrophes, il programma di Bernard Pivot, e la rivista Figaro e il Canard enchaîné raccolgono le sue analisi. Per Jean-Clément Martin, il lavoro di Secher e Chaunu giunge alla fine di un processo di banalizzazione dei confronti tra i crimini della Rivoluzione e quelli del regime nazista. La lettura della guerra di Vandea alla luce della storia della Seconda guerra mondiale e dei totalitarismi non è quindi nuova. Ha quindi una certa risonanza in una Francia che si appresta a celebrare il suo bicentenario e il cui lavoro di François Furet analizza già il Terrore come processo totalitario.

Altri storici hanno usato il termine "genocidio" per descrivere i massacri commessi durante la guerra civile nel campo repubblicano. Si può citare Jean Tulard. Stéphane Courtois, direttore di ricerca del CNRS e specialista di storia del comunismo, spiega che Lenin paragonò "i cosacchi alla Vandea durante la Rivoluzione francese e li sottopose volentieri a un programma che Gracchus Babeuf, l'"inventore" del comunismo moderno, definì nel 1795 "populicidio"".

Il lavoro di Reynald Secher ha avuto un certo impatto anche al di fuori del mondo accademico ed è stato trattato dai media. Il 28 gennaio 2000, a conclusione del Forum internazionale di Stoccolma sull'Olocausto, Michael Naumann, commissario del governo federale tedesco per la cultura e i media dal 1998 al 2000 ed ex caporedattore di Die Zeit, ha dichiarato: "Il termine francese "populicidio" è stato talvolta utilizzato prima che venisse coniato il termine "genocidio". Il termine fu coniato da Gracchus Babeuf nel 1795 e descriveva lo sterminio di 117.000 contadini in Vandea. Questa fertile area della Francia occidentale rimase praticamente disabitata per 25 anni.

Allo stesso modo, lo scrittore Michel Ragon, in 1793 l'insurrection vendéenne et les malentendus de la liberté (1992), la cui argomentazione riprende in gran parte gli elementi proposti da Secher, ha cercato di dimostrare la realtà della programmazione dei massacri e delle intenzioni ufficiali di sterminare un popolo. Nel suo libro, si concentra su tutta la repressione dell'insurrezione vandeana, i cui attori principali, da parte repubblicana, erano il generale Turreau, organizzatore delle "colonne infernali", da un lato, e gli inviati Carrier a Nantes, Hentz e Francastel ad Angers, città in cui erano ammassati migliaia di prigionieri vandeani, dall'altro. In altre regioni della Francia si svilupparono insurrezioni (realiste o federaliste) contro la Convenzione nel 1793. A seconda dei casi, gli inviati in missione ebbero un atteggiamento conciliante (come in Normandia) o attuarono una puntuale repressione, altri ebbero un atteggiamento più repressivo. Alcuni si impegnarono in vere e proprie esazioni, come Barras e Fréron a Tolone, Collot d'Herbois e Fouché a Lione o Tallien a Bordeaux. Nel caso della guerra di Vandea, Michel Ragon tenta di dimostrare che le esazioni commesse dagli inviati in missione corrispondevano alle richieste del Comité de salut public e persino della Convenzione.

Per farlo, attinge a documenti dell'epoca, utilizzando brani di discorsi, proclami, lettere o rapporti lasciati da diverse personalità rivoluzionarie, che interpreta come un'ammissione di intenzioni genocide. Ad esempio, un proclama di Francastel affisso ad Angers il 24 dicembre 1793, che recita: "La Vandea sarà spopolata, ma la Repubblica sarà vendicata e pacifica... Fratelli miei, che il Terrore non cessi di essere all'ordine del giorno e tutto andrà bene". Saluti e fratellanza. Allo stesso modo, una lettera di Carrier, datata 12 dicembre 1793, indirizzata al generale Haxo, che gli chiedeva rifornimenti per la Vandea repubblicana, in cui sottolinea le formule che sembrano giustificare la sua tesi: "È abbastanza sorprendente che la Vandea osi chiedere sussidi, dopo aver fatto a pezzi la patria con la guerra più sanguinosa e crudele. Fa parte dei miei piani, e questi sono gli ordini della Convenzione Nazionale, togliere tutti i mezzi di sussistenza, le derrate alimentari, il foraggio, in una parola, tutto in questo paese maledetto, consegnare tutti gli edifici alle fiamme, sterminare tutti gli abitanti... Opponetevi con tutte le vostre forze a che la Vandea prenda o tenga un solo grano... In una parola, non lasciate nulla a questo paese di proscrizione.

Nel 2017, Jacques Villemain, diplomatico e giurista che ha lavorato per la Corte internazionale di giustizia dell'Aia, ha pubblicato un libro in cui ritiene che se i massacri della Guerra di Vandea si verificassero "oggi", il diritto penale internazionale li qualificherebbe come "genocidio". Il libro è stato tuttavia criticato da Jean-Clément Martin, secondo il quale l'approccio di Villemain si basava su una lettura distorta delle fonti, in cui il metodo storico era assente. Ad esempio, per quanto riguarda la legge del 1° agosto, Martin nota che Villemain non prende mai in considerazione il contesto della sua promulgazione. Scrive: "Né basta sottolineare che la legge del 1° agosto fu approvata in fretta e furia con l'invocazione della necessità di "distruggere la Vandea" proclamata più volte da Barère, se l'analisi trascura la funzione che questo discorso e questo testo svolgono nella lotta all'ultimo sangue ingaggiata tra le fazioni rivoluzionarie, Montagnardi contro sans-culottes, ma anche montagnardi al potere ed ex girondini ed ex dantonisti che popolano i banchi dell'Assemblea, gli organi amministrativi dipartimentali e, in parte, gli alti gradi militari. Soprattutto, Martin ritiene che il punto di vista del giurista non sia in alcun modo superiore a quello dello storico e che gli strumenti giuridici mobilitati da Villemain, come la nozione di genocidio o quella di crimini contro l'umanità, non consentano di comprendere meglio i crimini e i massacri avvenuti in Vandea.

Il 21 febbraio 2007, nove deputati francesi di destra, basandosi esplicitamente sul lavoro di Reynald Secher e Michel Ragon, hanno presentato all'Assemblea nazionale una proposta di legge per il "riconoscimento del genocidio vandeano". La proposta di legge è firmata da Lionel Luca (UMP, Alpi Marittime), Hervé de Charette (UMP, Maine-et-Loire), Véronique Besse (MPF, Vandea), Louis Guédon (UMP, Vandea), Joël Sarlot (UMP, Vandea), Hélène Tanguy (UMP, Finistère), Bernard Carayon, (UMP, Tarn), Jacques Remiller (UMP, Isère) e Jérôme Rivière (UMP, Alpi Marittime). Nel 1987, Jean-Marie Le Pen aveva già presentato un emendamento volto a riconoscere un crimine contro l'umanità nei massacri dei Vandeani.

Il 6 marzo 2012 è stata presentata una proposta di legge simile ("volta a riconoscere ufficialmente il genocidio vandeano del 1793-1794"), sempre da nove deputati di destra; Lionel Luca (UMP, Alpi Marittime), Dominique Souchet (MPF, Vandea), Véronique Besse (MPF, Vandea), Bernard Carayon (UMP, Tarn), Hervé de Charette (NC, Maine-et-Loire), Nicolas Dhuicq (UMP, Aube), Marc Le Fur (UMP, Côtes-d'Armor), Jacques Remiller (UMP, Isère) e Jean Ueberschlag (UMP, Haut-Rhin).

Inoltre, il 23 febbraio 2012, un disegno di legge "tendente ad abrogare i decreti del 1° agosto e del 1° ottobre 1793" è stato presentato da 52 senatori di destra e di centro. Il 16 gennaio 2013, Lionnel Luca ha presentato un testo, co-firmato da Véronique Besse (MPF, Vandea), Dominique Tian (UMP, Bouches-du-Rhône), Alain Lebœuf (UMP, Vandea), Alain Marleix (UMP, Cantal), Yannick Moreau (UMP, Vandea), Philippe Vitel (UMP, Var) e Marion Maréchal-Le Pen (FN, Vaucluse). Si tratta di un unico articolo: "La Repubblica francese riconosce il genocidio vandeano del 1793-1794". È la prima volta che una proposta di legge viene firmata congiuntamente da deputati dell'UMP e del FN nella XIV legislatura. Questa proposta ha sollevato reazioni, soprattutto a sinistra, come quella del segretario nazionale del Partito della Sinistra Alexis Corbière, che vede in questo progetto di legge "un rozzo atto di manipolazione storica". Per lui, "questo vocabolario inappropriato è un vecchio trucco ideologico dell'estrema destra per diffamare la Rivoluzione francese e banalizzare i genocidi molto reali del XX secolo".

Nel febbraio 2018, Emmanuelle Ménard e Marie-France Lorho, deputati di estrema destra, hanno presentato una proposta di legge che mira al riconoscimento ufficiale come crimini di guerra, crimini contro l'umanità e genocidio delle esazioni commesse in Vandea tra il 1793 e il 1794.

Al contrario, la tesi del "genocidio vandeano" è stata respinta dalla maggior parte del mondo accademico, che la considera la manifestazione di un passato che non passa.

Nel 1985, François Lebrun contestò la tesi del "genocidio vandeano", allora difesa da Pierre Chaunu.

In seguito, la tesi di Reynald Secher è stata criticata dall'australiano Peter McPhee, professore all'Università di Melbourne e specialista di storia della Francia contemporanea, che è tornato sull'influenza di Chaunu nell'affermare un legame tra la Rivoluzione francese e il totalitarismo comunista, rileva le debolezze dell'analisi di Secher sul numero delle vittime o sulla visione dei rivoluzionari dell'insurrezione vandeana, si interroga sulla "descrizione delle strutture economiche, religiose e sociali" della Vandea pre-rivoluzionaria e sulle cause dell'insurrezione, e nota la scarsa importanza data nel suo libro ai massacri dei repubblicani da parte dei vicini insorti; Inoltre, sostiene che Reynald Secher, nel suo lavoro successivo, non ha tenuto conto dei lavori accademici successivi che hanno qualificato o contraddetto le sue analisi. A conclusione del suo articolo sulla traduzione de La Vendée-Vengé, il génocide franco-français:

"L'insurrezione rimane l'elemento centrale dell'identità collettiva della popolazione della Francia occidentale, ma è dubbio che essa - o la professione storica - sia stata ben servita dalla metodologia rozza e dalla polemica poco convincente di Secher".

Allo stesso modo, tra coloro che hanno rifiutato di accettare la tesi del genocidio ci sono il gallese Julian Jackson, professore di storia moderna all'Università di Londra, l'americano Timothy Tackett, professore all'Università della California, l'irlandese Hugh Gough, professore all'Università di Dublino, il francese François Lebrun, professore emerito di storia moderna all'Università di Haute-Bretagne-Rennes-II, Claude Langlois, direttore degli studi presso l'École pratique des hautes études, direttore dell'Institut européen en sciences des religions e membro dell'Institut d'Histoire de la Révolution française, Claude Petitfrère, professore emerito di storia moderna all'Università di Tours o Jean-Clément Martin, professore all'Università di Parigi I-Panthéon-Sorbonne.

Tra le altre argomentazioni, Jean-Clément Martin nota che, nel suo libro, Reynald Secher, che pratica "una scrittura d'autorità, condannando la storia che non si cura della verità assoluta", non commenta né discute la parola "genocidio". Tuttavia, per lui, si pone la questione di "sapere qual è la natura della repressione attuata dai rivoluzionari". Egli spiega, seguendo Franck Chalk e M. Prince, che "senza l'intenzione ideologica applicata a un gruppo ben definito, la nozione di genocidio non ha alcun significato. Non è possibile trovare un'identità "vandeana" che esistesse prima della guerra, né affermare che fu contro una particolare entità (religiosa, sociale... razziale) che la Rivoluzione si accanì.

Riprende la questione del decreto del 1° agosto 1793 che prevede la "distruzione della Vandea" e la relazione di Barère che afferma: "Distruggere la Vandea e Valenciennes non sarà più in potere degli austriaci". Distruggete la Vandea e il Reno sarà liberato dai prussiani (...). La Vandea e ancora la Vandea, ecco il cancro che divora il cuore della Repubblica. È lì che è necessario colpire". Ricorda che entrambi escludono donne, bambini e anziani (ai quali il decreto del 1° ottobre 1793 aggiunge gli uomini disarmati), che devono essere protetti. Allo stesso modo, osserva che "i rivoluzionari non cercarono di identificare un popolo per distruggerlo", limitandosi a guardare alla Vandea come "il simbolo di tutte le opposizioni alla Rivoluzione", e conclude che "le atrocità commesse dalle truppe rivoluzionarie in Vandea sono ciò che oggi chiameremmo crimini di guerra".

Jean-Clément Martin indica che non è stata approvata alcuna legge con l'obiettivo di sterminare una popolazione definita "vandeana". Ha ricordato che l'uso del termine "briganti" della Vandea nei decreti proveniva già dalla monarchia e ha specificato che "La popolazione della Vandea (dipartimento o regione imprecisa) non è destinata a essere distrutta in quanto tale dalla Convenzione".

Patrice Gueniffey, nel suo libro La politique de la Terreur. Essai sur la violence révolutionnaire 1789-1794, pubblicato nel 2000 da Gallimard, qualifica le esazioni commesse contro il popolo vandeano come un crimine contro l'umanità: "Le sofferenze inflitte alla popolazione vandeana dopo la fine dei combattimenti e senza alcun rapporto con le necessità militari costituiscono un crimine senza equivalenti nella storia della Rivoluzione francese, un crimine che può essere qualificato, oggi, come crimine contro l'umanità e che la tradizione repubblicana, incurante di rivendicare questo episodio senza gloria del suo momento inaugurale, ha a lungo oscurato o negato".

Per Martin, il discorso di Barère e il decreto "fanno parte della visione che fa della Controrivoluzione un blocco unico, un'idra minacciosa, legittimando il pensiero della 'giusta violenza' e ponendo la Guerra di Vandea in condizioni particolarmente assurde". Gli amministratori locali non smisero di lamentarsi della mancata delimitazione della regione della Vandea e dell'imprecisione del termine "briganti" per designare coloro che erano destinati alla distruzione (poiché erano esclusi donne, bambini, anziani e "uomini disarmati"). Nel Maine-et-Loire, Henri Menuau non fu in grado di specificare ciò che doveva essere distrutto in Vandea. Le rivolte contro il servizio di leva non furono uniche in Vandea. Nel 1793 ci furono rivolte anche a Clermont-Ferrand, Bordeaux, Grenoble, Tournais, Angoulême e Dunkerque. La Convenzione nazionale era convinta che la rivolta in Vandea fosse un complotto contro la Repubblica, in particolare da parte dell'Inghilterra. Infatti, dopo la sconfitta nella battaglia di Pont-Charrault, il generale Louis Henri François de Marcé, che comandava le truppe repubblicane, fu condannato a morte, in quanto considerato un traditore della patria. Non solo la Convenzione non approvò le azioni dei militari e dei rappresentanti che si opponevano ai suoi decreti, ma, nella stessa regione, "la mobilitazione dei rivoluzionari locali riuscì a fermare la violenza ingiustificata di Angers o del sud della Vandea". Nell'esercito, gli ufficiali si rifiutarono di seguire la politica di devastazione dei loro colleghi, riuscendo talvolta a portare alcuni di loro in tribunale e a farli giustiziare. Secondo la sua analisi, le atrocità commesse durante la guerra vandeana si spiegano, da parte repubblicana, con la scarsa supervisione dei soldati, che erano "abbandonati alla loro paura". Dall'altra parte, "gli insorti ripresero le vecchie abitudini delle rivolte contadine, cacciando e uccidendo i rappresentanti dello Stato, saccheggiando le città, prima che i loro capi riuscissero a distoglierli, per un certo periodo, da queste pratiche, che avevano un aspetto di vendetta e una dimensione messianica.

A suo avviso, non fu la violenza di uno Stato forte a scatenarsi sulla popolazione; lo Stato era troppo debole per controllare e prevenire la spirale di violenza che si scatenò tra insorti e patrioti fino alla primavera del 1794.

Patrice Gueniffey, nell'opera citata, La politique de la Terreur, fa la seguente osservazione: "Ma la Convenzione non deve essere assolta per tutto questo: il Comité de salut public sembra aver dato maggiore estensione al decreto del 1° agosto in ottobre, e all'inizio del 1794 approverà lo sterminio.

Nel suo Gracchus Babeuf avec les Égaux, Jean-Marc Schiappa critica anche la tesi del genocidio presentata da Reynald Secher in occasione della ripubblicazione del libro di Babeuf Du système de dépopulation ou La vie et les crimes de Carrier: "Questo libretto è stato recentemente ripubblicato con il titolo La guerre de la Vendée et le système de dépopulation, Paris, 1987; se il testo di Babeuf è stato riprodotto correttamente, non si può che essere indignati per la presentazione e le note di R. Sécher e J.J. Brégeon; per non parlare dei presupposti politici sul "genocidio" della Vandea, si rimane sbalorditi dagli errori, dalle falsità, dalle sottovalutazioni e dagli innumerevoli equivoci che costellano queste pagine.

Professore emerito all'Università di Parigi I-Panthéon-Sorbonne, ex direttore dell'Istituto per la storia della Rivoluzione francese, Michel Vovelle ha anche preso posizione contro la tesi del genocidio. Nel testo "L'historiographie de la Révolution Française à la veille du bicentenaire", pubblicato nel 1987, ha scritto

"François Furet non si riconosce, e lo ha detto, nella recente ripresa, provocata in parte dall'avvicinarsi del bicentenario, di una storiografia apertamente controrivoluzionaria. In effetti, era mai scomparso? Aveva mantenuto le sue posizioni di forza, tradizionalmente dal XIX secolo, presso l'Académie française (sulla scia di Pierre Gaxotte) o nelle biblioteche delle stazioni ferroviarie. Una canzone vecchia e un po' stanca, che di recente ha conosciuto un notevole revival. L'immagine di una rivoluzione totalitaria, l'anticamera del Gulag, è una caricatura delle riflessioni di François Furet. La Rivoluzione, equiparata al Terrore e allo spargimento di sangue, divenne il male supremo. Sul tema del "genocidio franco-francese" si è sviluppata un'intera letteratura basata su stime spesso audaci del numero di morti nella guerra di Vandea - 128.000, 400.000... e perché non 600.000? Alcuni storici, senza essere specialisti della questione, hanno messo, come Pierre Chaunu, tutto il peso della loro autorità morale, che è grande, nello sviluppare questo discorso di anatema, squalificando fin dall'inizio ogni tentativo di ragione. A una storia del genere viene dato molto spazio, a seconda del sostegno che ha nei media e in parte della stampa. Dovrebbe nasconderci gli aspetti più autentici di un progetto di studi rivoluzionari attualmente in pieno rilancio?

Nel 2007, Michel Vovelle ha dichiarato: "Questo non giustifica i massacri, ma permette di qualificarli, inserendoli nell'eredità della guerra crudele del "vecchio stile", come la devastazione del Palatinato compiuta un secolo prima da Turenne per la gloria del Re Sole, la cui memoria è stata conservata dai renani. Villaggi bruciati, omicidi e stupri... Rifiutiamo quindi il termine "genocidio" e restituiamo a ogni epoca la responsabilità storica degli orrori che la affliggono, senza minimizzarli.

Nel 1998, anche Max Gallo si dichiarò contrario all'ipotesi di un "genocidio vandeano" nell'articolo "Guerre civili oui, génocide non!

Nel 2013, lo storico Alain Gérard ha dichiarato: "Uso i termini guerra civile, massacri, sterminio. Ma ho sempre rifiutato il termine genocidio per le Guerre di Vandea. Ha inoltre criticato le varie proposte di legge presentate all'Assemblea nazionale sul "riconoscimento del genocidio della Vandea". Nel 2013, ha definito il testo presentato dal deputato Lionnel Luca "deplorevole" e "intessuto di contraddizioni giuridiche e falsità storiche". Nel 2018, a seguito di una nuova proposta di legge presentata dalle deputate Emmanuelle Ménard e Marie-France Lorho, ha dichiarato: "È ora che la nostra Repubblica, sia di destra che di sinistra, smetta di lasciare agli estremisti la giusta denuncia degli orrori commessi in Vandea all'inizio del 1794.

Nel 2007, Jacques Hussenet ha dichiarato che "il dibattito aperto sui massacri e i genocidi non è chiuso in nessuna delle due direzioni". Considerando che "il concetto di genocidio dà luogo a una vasta gamma di interpretazioni", che la sua definizione proviene da giuristi, non da storici, e che è stata formalizzata dopo negoziati tra Stati, ritiene che "l'onestà intellettuale attualmente vieta di professare certezze e autorizza solo l'espressione di convinzioni o di un'opinione". Tuttavia, ha indicato che la sua posizione era la seguente: "le nozioni di 'massacri' e 'crimini di guerra' sono appropriate per qualificare ciò che è accaduto nella Vandea militare dal dicembre 1793 al luglio 1794. Non c'è bisogno di cedere a un eccesso di vittimismo rivendicando l'etichetta di "genocidio". Trovo legittimo classificare lo sterminio degli amerindi e degli armeni come genocidi, ma non equiparerei mai l'eliminazione freddamente organizzata degli ebrei alle sanguinose incursioni delle colonne infernali. Supponendo che il concetto di genocidio diventi alla fine così comune da includere i troppi massacri della storia, la guerra di Vandea rappresenterebbe in definitiva solo un genocidio tra i tanti. Quale sarebbe il vantaggio morale e storico per i suoi promotori? Quasi nessuno.

Storico del radicalismo, Samuel Tomei analizza i recenti attacchi contro "le mistificazioni della memoria repubblicana", in nome di un "dovere di memoria verso i popoli oppressi da una Repubblica colonizzatrice amnesica" e "verso i popoli incatenati da una Repubblica giacobina". Chiarisce il secondo punto:

"Dopo l'espansione all'estero, viene incriminato il colonialismo interno. Un secondo esempio che illustra l'uso del dovere di ricordare è, soprattutto a partire dalla celebrazione del bicentenario della Rivoluzione francese, questa propensione a castigare un certo giacobinismo repubblicano in nome della memoria delle minoranze regionali oppresse; alcuni storici arrivano a parlare, come Pierre Chaunu, senza dubbio un po' provocatoriamente, del "genocidio" dei vandeani da parte della Repubblica: "Non abbiamo mai avuto l'ordine scritto di Hitler sul genocidio degli ebrei, ma piuttosto quelli di Barère e Carnot relativi alla Vandea.  " E il grande storico dell'epoca delle Riforme onorò a suo modo la memoria delle vittime della Vandea: "Inoltre, ogni volta che passo davanti alla scuola Carnot, sputo per terra".

Nella stessa ottica, nella sua recensione del testo di Éric Anceau La Révolution française, Serge Bianchi, professore all'Università di Rennes-II, osserva che "la presentazione degli Enragés, la complessa personalità di Robespierre e la guerra di Vandea non sono caricaturali. Nell'articolo "À propos des révoltes et révolutions de la fin du XVIIIe siècle. Essai d'un bilan historiographique", Guy Lemarchand, professore all'Università di Rouen, distingue le diverse scuole storiche che hanno analizzato la Rivoluzione francese, spiegando:

"Una minoranza molto esigua appare oggi la corrente ultraconservatrice di origine legittimista, in passato di matrice monarchica, che negli anni '80 si è insediata sul suo terreno preferito: il "genocidio" della Vandea. Elementi di questo si trovano nel capitolo scritto da A. Gérard (Poussou 2). L'autore ovviamente non ha più una visione idilliaca del regime signorile della provincia secondo le Memorie della marchesa di La Rochejaquelein, e nota anch'egli che i contadini della provincia erano inizialmente favorevoli alla Rivoluzione. Tuttavia, secondo lui e senza fornire prove per l'affermazione, la Vandea non fu solo una rivolta su larga scala, ma anche uno strumento nelle mani dei Montagnard nella loro lotta contro i Girondini prima del 2 giugno 1793. Avrebbero evitato di spingere la Convenzione a ordinare una rapida repressione, in modo da compromettere l'allora dominante Girondino, che facilitò l'espansione della rivolta. Allora, come padroni del governo, si sarebbero abbandonati alla furia purificatrice che li caratterizzava. La seconda idea originale è che i vandeani non caddero nella barbarie dei loro avversari: liberarono i loro prigionieri quando i blu li fucilarono. Per quanto riguarda i generali e i leader politici che ordinarono le devastazioni delle "colonne infernali" e l'annegamento di Nantes, A. Gérard solleva Turreau da alcune responsabilità per incaricare il Comitato di Salvezza Pubblica e Vettore, un'emanazione dei giacobini, che sarebbe "l'archetipo dei rivoluzionari professionisti". In questo modo, riprende senza distanza critica il discorso dei termidoriani alla ricerca di capri espiatori per far dimenticare il proprio orientamento prima della caduta di Robespierre e per liberarsi di alcuni montagnardi diventati ingombranti.

Da parte sua, Guy-Marie Lenne ha aperto un nuovo campo di studio ancora oggi incompleto, quello dei rifugiati della Vandea (vedi sopra). Il loro numero (almeno diverse decine di migliaia), il loro orientamento politico (repubblicano, neutrale o addirittura sospetto di regalità) non hanno impedito alla Repubblica (comuni, distretti, dipartimenti o la Convenzione) di venire in loro aiuto, accoglierli, sfamarli, a volte dar loro lavoro. Secondo lui, questo atteggiamento è in completa contraddizione con l'ipotesi di un genocidio: non si può voler massacrare un popolo e organizzare l'evacuazione e gli aiuti a una parte di questo stesso popolo. Più aneddoticamente, ma in modo rivelatore, possiamo notare che anche a livello di giudice di pace si cerca di proteggere i più deboli: così, i figli minorenni della famiglia Cathelineau di Le Pin-des-Mauges, che ha fornito un generalissimo dell'esercito vandeano e i cui altri tre fratelli sono morti nelle file dell'esercito cattolico e reale, sono protetti da un giudice di pace che nomina un consiglio di famiglia per amministrare i loro beni, anche se sarebbero un bersaglio privilegiato per la persecuzione. Allo stesso modo, i giudici di pace che sceglievano il realismo venivano mantenuti al loro posto.

Per Didier Guyvarc'h, allora membro del Groupe de recherche en histoire immédiate (GRHI), lo studio del "luogo della memoria" vandeano di Jean-Clément Martin "mette in evidenza la politica della memoria e le questioni in gioco". Se per lo storico sono stati i blu a costruire, a partire dal 1793, l'immagine di una Vandea simbolo della controrivoluzione, sono stati i bianchi e i loro successori a utilizzare e a capovolgere questa immagine nel XIX e XX secolo per stabilire un'identità regionale. Questa identità è uno strumento di mobilitazione sociale ma anche uno strumento politico contemporaneo. Il successo della mostra di Puy-du-Fou, lanciata nel 1977 da Philippe de Villiers, è il risultato dell'incontro tra un ambiente reso ricettivo da una pedagogia della memoria vecchia di 150 anni e il desiderio di un politico di costruirsi un'immagine. L'esempio della Vandea degli anni '80 e dei primi anni '90 illustra le nuove sfide che lo storico della memoria deve affrontare. Di fronte a un ricordo vivido e avvincente, è portato a decostruire il mito o la leggenda e quindi a mettere in discussione lo sfruttamento del passato da parte del presente. Nel contesto del bicentenario del 1789, poi del 1793, l'uso del termine genocidio è quindi al centro di un intenso dibattito perché è un problema di chi vuole dimostrare che "la rivoluzione in ogni tempo e sotto ogni latitudine divorerebbe le libertà".

Allo stesso modo, nel 2007, riferendosi alla persistente memoria della Guerra di Vandea, segnata dal successo del Puy-du-Fou, Mona Ozouf e André Burguière hanno osservato: "Per molto tempo l'episodio della Vandea è stato uno dei temi preferiti nel dibattito tra destra e sinistra sul tema della Rivoluzione, ma non era più richiesto quando un saggio pubblicato alla vigilia del bicentenario, che non portava nulla di nuovo se non l'accusa di "genocidio", ha riacceso la guerra tra gli storici; una guerra stranamente fuori luogo in un momento in cui le celebrazioni si svolgevano in un clima di festoso consenso. Oggi tutti difendono l'eredità dei diritti umani. Nessuno rimpiange la regalità, ma nessuno condannerebbe a morte Luigi XVI. È questa Francia postmoderna, rispettosa di tutte le memorie e innamorata di tutte le tradizioni, che ogni estate torna indietro nel tempo tra le folle in costume del Puy-du-Fou.

Fonti

  1. Guerre di Vandea
  2. Guerre de Vendée
  3. a et b Hussenet 2007, p. 418.
  4. a et b Hussenet 2007, p. 148.
  5. a b c d et e Martin 2014, p. 299.
  6. ^ Paul-Émile Boutigny, Henri de La Rochejaquelein alla battaglia di Cholet nel 1793, olio su tela, Cholet, Musée d'art et d'histoire de Cholet
  7. ^ a b c d Jacques Hussenet (dir.), « Détruisez la Vendée ! » Regards croisés sur les victimes et destructions de la guerre de Vendée, La Roche-sur-Yon, Centre vendéen de recherches historiques, 2007
  8. ^ Jacques Dupâquier et A.Laclau, Pertes militaires, 1792–1830, in Atlas de la Révolution française, Parigi 1992, p. 30.
  9. ^ Jean-Clément Martin, La Terreur, part maudite de la Révolution, coll. Découvertes Gallimard (n° 566), 2010, p.82
  10. 1 2 3 4 Hussenet, 2007.
  11. Jacques Dupâquier et A.Laclau, Pertes militaires, 1792–1830, in Atlas de la Révolution française, Paris 1992, p. 30.
  12. ^ a b c Jacques Hussenet (dir.), « Détruisez la Vendée ! » Regards croisés sur les victimes et destructions de la guerre de Vendée, La Roche-sur-Yon, Centre vendéen de recherches historiques, 2007
  13. ^ Jacques Dupâquier et A.Laclau, Pertes militaires, 1792–1830, in Atlas de la Révolution française, Paris 1992, p. 30.